12
maggio

MISTER IGNIS: LORENZO FLAHERTY PORTA SU RAI1 GLI ANNI DEL BOOM ECONOMICO

Lorenzo Flaherty in Mister Ignis

Dopo il buon successo ottenuto lo scorso mese di ottobre con Adriano Olivetti – La Forza di un sogno, interpretata da Luca Zingaretti e seguita da oltre 6 milioni di spettatori, Rai1 propone una nuova fiction incentrata sulla figura di un grande imprenditore. Questa sera e domani – 12 e 13 maggio – alle 21,15 su Rai1 andrà in onda Mister Ignis – L’operaio che fondò un impero, miniserie in 2 puntate con protagonista Lorenzo Flaherty nei panni di Giovanni Borghi, il giovane operaio che dal nulla creò una tra le più importanti realtà industriali italiane.

Liberamente ispirata al libro Mister Ignis di Gianni Spartà, giornalista, già autore di monografie su protagonisti dell’imprenditoria lombarda, la fiction è prodotta dalla Martinelli Film Company International e vede dietro la macchina da presa Luciano Manuzzi. Nel cast, insieme a Flaherty, anche Anna Valle e Massimo Dapporto, rispettivamente interpreti dei personaggi di Maria e Guido, moglie e padre di Giovanni Borghi.

La miniserie, girata tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013 in diverse location, compresi gli stabilimenti di Comerio della Whirlpool (una volta di proprietà della Ignis), racconterà le vicende di Borghi che, da grande uomo e imprenditore, riuscì con la sua fabbrica di elettrodomestici a dare un contributo significativo allo sviluppo industriale del nostro paese. Nella fiction, la cui sceneggiatura porta la firma di Eleonora e Renzo Martinelli, e Mauro Caporiccio, vedremo anche i successi sportivi ottenuti dalla Ignis. Borghi fu, infatti, uno dei primi a capire l’importanza di legare il proprio marchio a sport all’epoca molto amati e popolari come il ciclismo e il pugilato.

Mister Ignis – Foto

Mister Ignis – Trama

La storia di Mister Ignis parte dal centro di Milano, da una piccola bottega in cui lavora l’intera famiglia Borghi: papà Guido, con i suoi ragazzi Giovanni, Gaetano e Giuseppe, fabbrica fornelli elettrici che vengono venduti con successo in tutta la città. Giovanni va a scuola e a bottega nello stesso tempo. E la sera, per aiutare la famiglia, suona il piano nei cinematografi che proiettano i film muti. Anche per questo, qualche volta, il maestro lo trova addormentato sul banco, durante le lezioni.

L’arrivo della seconda guerra mondiale costringe la famiglia Borghi ad abbandonare Milano, per trasferirsi in campagna. I bombardamenti su Milano distruggono la piccola officina e i Borghi sono costretti, come molte altre famiglie, a sfollare nella provincia di Varese. Ma Giovanni non si arrende: sprona il padre e i fratelli a rimboccarsi le maniche e a ricominciare. Qui i Borghi si danno da fare per rimettere in piedi la loro produzione. Con le lamiere portate via dalle macerie, grazie alla geniale intuizione di Giovanni, iniziano a costruire nuovamente i loro fornelli, vendendoli in cambio di frutta, verdura e formaggi alle famiglie sfollate.

In questo clima di tristezza e scoramento Giovanni getta le basi per la grande fabbrica che ha in mente: convinto che presto i loro prodotti andranno a ruba. Passata la guerra, infatti, per la prima volta le famiglie italiane iniziano a godere a poco a poco di un benessere economico sino ad allora sconosciuto. Si realizza così il sogno di Giovanni, che è quello di portare il benessere nelle case italiane. Un benessere fatto di fornelli a gas, frigoriferi, lavatrici e altri piccoli elettrodomestici.

Inizia dunque la grande avventura dell’uomo che verrà in seguito affettuosamente chiamato dai suoi operai: “cumenda” (commendatore). La piccola officina diventerà nel giro di pochi anni una piccola fabbrica, destinata a diventare una realtà industriale in grado tra gli anni cinquanta e sessanta di sfornare elettrodomestici al ritmo di uno ogni otto secondi, dare lavoro a diecimila operai, esportare in 80 Paesi, ed avere un fatturato annuo di 40 miliardi.



Articoli che potrebbero interessarti


Un amore e una vendetta 1
UN AMORE E UNA VENDETTA: ANTICIPAZIONI SECONDA PUNTATA DEL 19 OTTOBRE


Mister Ignis 16
MISTER IGNIS – L’OPERAIO CHE FONDO’ UN IMPERO: ANTICIPAZIONI SECONDA PUNTATA


Mister Ignis - Giovanni Borghi e Lorenzo Flaherty
MISTER IGNIS: CHI ERA GIOVANNI BORGHI?


d'abbraccio
FICTION NEWS: LUCA CAPUANO IN CHE DIO CI AIUTI 2, PER NICOLE GRIMAUDO E’ IN ARRIVO LA TEMPESTA, MENTRE MARIANGELA D’ABBRACCIO TROVA UN POSTO AL SOLE

3 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

12 maggio 2014 alle 15:55

Verranno ricordati anche gli anni in cui Borghi investiva nello sport italiano ?



2. Michele87 ha scritto:

12 maggio 2014 alle 18:13

Ennesima agiografia santificante-smielosa targata Rai 1 in arrivo, Andreatta non ci siamo proprio…



3. Salvatore Cau ha scritto:

12 maggio 2014 alle 21:30

Si, ci sarà spazio anche per lo sport.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.