6
maggio

TANGO: CRUCIANI E D’AMICO BALLANO DA SOLI. BUONI I CONTENUTI, MA NESSUNA NOVITA’

Tango, SkyTg24

La musica d’attualità c’era, i ballerini pure. Ma più che un Tango, quello trasmesso ieri da SkyTg24 (e in simulcast su Cielo) sembrava il solito valzerino della politica commentata. Anche se ben impostato, il nuovo approfondimento condotto da Giuseppe Cruciani ed Ilaria D’Amico ha affrontato i temi di rilievo senza introdurre quelle novità che ci saremmo aspettati da questo debutto. “La musica è cambiata” recita infatti il sottotitolo del format, lasciando pregustare chissà quali colpi di scena e ritmi sincopati. E invece…

Tango ha rispettato le più tradizionali grammatiche del talk show: i conduttori attorno ad una scrivania, gli ospiti in collegamento, i loro commenti, le grafiche di approfondimento. Il programma si è aperto con un’intervista a Diego Della Valle ed è proseguito con un dibattito cui hanno preso parte Tommaso Cerno e Vittorio Feltri. E’ stato quest’ultimo a regalare al confronto i rari momenti degni di nota, lanciandosi anche in un provocatorio endorsement: “alle elezioni prossime elezioni per puro leccaculismo voterò Forza Italia” ha detto. Poi, sul finale, ha commentato le gesta dell’ultras Genny a’ Carogna: “è un mito. E’ il simbolo che in Italia le carogne hanno sempre ragione“.

Tango: la coppia Giuseppe Cruciani e Ilaria D’Amico è ancora in fase di rodaggio

L’inedito sodalizio tra Giuseppe Cruciani e Ilaria D’Amico si è rivelato ancora in piena fase di rodaggio: tra i due, poca simbiosi e qualche sovrapposizione. Il conduttore, reduce della negativa esperienza di Radio Belva, ieri è apparso alquanto ammansito rispetto alle azzardate prodezze esibite su Rete4 lo scorso ottobre ed ogni giorno ai microfoni de La Zanzara. Le sue domande, sempre mirate ad estrapolare qualche dichiarazione forte, non sono state poi così irriverenti. Nessuna parolaccia, nessuna derapata fuori copione come nel suo stile. Un cambio di registro o un semplice imbarazzo che andrà scomparendo nelle prossime puntate?

Da parte sua, Ilaria D’amico ha iniziato la nuova esperienza con un approccio sicuro, ma da solista. Salvo qualche palleggio e qualche assist scambiato con il collega, sembrava quasi che la giornalista volesse (e potesse) fare tutto in autonomia. Eppure Cruciani stava lì, dall’altra parte della scrivania. A livello di conduzione, insomma, i due hanno ballato il Tango spesso da soli, e nella prima puntata è mancata la giusta alchimia – prevista peraltro dal format – tra il giornalista “irriverente” e la anchorwoman  ”cazzuta”.

Funzionale e minimalista la grafica dello studio, buoni i contenuti, che potranno comunque essere approfonditi e spalmati sul doppio appuntamento settimanale (lunedì e giovedì alle ore 23). Il primo giro di Tango è stato tutto sommato piacevole, ma per nulla innovativo rispetto al consueto balletto della politica discussa in tv.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Giuseppe Cruciani, Ilaria D'amico Tango
TANGO: GIUSEPPE CRUCIANI E ILARIA D’AMICO INSIEME NEL NUOVO TALK SHOW DI SKYTG24


Diego Abatantuono nel cast di Controcampo
IL CALCIO SCIOPERA MA NON IN TV: TRA AMICHEVOLI (L’INTER SU LA7, IL NAPOLI ANCORA IN PAY PER VIEW) E SPECIALI, RIPARTE CONTROCAMPO CON DIEGO ABATANTUONO


Luisella Costamagna
BOOM! BIANCO E NERO: LUISELLA COSTAMAGNA E GIUSEPPE CRUCIANI OSPITI FISSI DI LUCA TELESE SU LA7


Giuseppe Cruciani
GIUSEPPE CRUCIANI FIRMA CON RADIO MEDIASET, MA RADIO 24 LO RICONFERMA A LA ZANZARA!

1 Commento dei lettori »

1. giacomo bartoluccio ha scritto:

6 maggio 2014 alle 12:00

ho visto in loro il duo costamagna – telese.
Ho trovato bello lo studio, ma pessima la fotografia, la d’amico sembra mia nonna, evitiamo le luci paradisiache della d’urso ma nemmeno quella dalla dei sepolcri di Tango



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.