4
maggio

QUEL GRAN PEZZO DELL’ITALIA: RICCARDO BOCCA RACCONTA I CAMBIAMENTI DEL BELPAESE SU RAI3

Quel gran pezzo dell'Italia, Riccardo Bocca

Chi siamo stati, come siamo diventati, e come potremmo trasformarci in futuro. Le intuizioni del compianto saggista ed editorialista Edmondo Berselli trovano forma ed approfondimento su Rai3, in un nuovo format storico-culturale condotto da Riccardo Bocca. A partire da giovedì prossimo, 8 maggio, il critico televisivo del settimanale L’Espresso presenterà in seconda serata Quel gran pezzo dell’Italia, viaggio nelle trasformazioni sociali, politiche e di costume del Belpaese, ispirato sin dal titolo ad un libro dello stesso Berselli.

In sei puntate, il programma recupererà la ricerca storica e sociologica dell’autore, attraverso il montaggio di immagini, voci, canzoni, provocazioni e riflessioni dei protagonisti degli ultimi decenni. Un mosaico televisivo che, nelle intenzioni dell’esordio, raffigurerà l’Italia ed i suoi cambiamenti sociali, culturali e politici con gli strumenti del disincanto e dell’autoironia. A tracciare il filo conduttore tra passato e presente sarà il giornalista Riccardo Bocca, stavolta balzato dall’altra parte della staccionata: davanti alla telecamera. Il suo compito sarà quello di introdurre gli argomenti, di contestualizzarli, e poi rilanciarli nei faccia a faccia con gli ospiti della trasmissione.

Quel gran pezzo dell’Italia: Carlo Freccero nella prima puntata

Ogni puntata, infatti, avrà un testimonial d’eccezione, una personalità di spicco nel mondo della cultura o dello spettacolo.  La prima puntata, ad esempio, si parte con Carlo Freccero. L’ex dirigente televisivo ed esperto di media prenderà parte all’appuntamento d’esordio intitolato Venerati Maestri e dedicato alla parabola personale e professionale di alcuni personaggi oggi ritenuti dei mostri sacri nel loro campo: Roberto Benigni, Nanni Moretti, Oriana Fallaci, Alessandro Baricco, Franco Battiato, Giuliano Ferrara, Emilio Fede.

Ad ispirare le sei puntate in programma saranno i capitoli della storia nazionale che Edmondo Berselli individuò nella sua ricerca. Le intuizioni dell’autore sull’Italia ed i suoi cambiamenti saranno richiamate nel corso della trasmissione attraverso la voce fuori campo di Gioele Dix che sottolineerà i passaggi chiave della narrazione.

Nel palinsesto di Rai3 si inserisce così un nuovo spazio d’approfondimento. Interviste d’attualità e materiale di repertorio: la formula non è delle più originali, ma staremo a vedere come Quel gran pezzo dell’Italia declinerà il format. Appuntamento su Rai3, l’8 maggio prossimo in seconda serata

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati


GRANDE FRATELLO 12, VENTIDUESIMA PUNTATA DEL 18 MARZO 2012 IN DIRETTA WEB: ELIMINATI KEVIN E VITO. GAIA E’ LA PRIMA FINALISTA

La finale prevista per il 1° aprile è il giusto epilogo di un'edizione del Grande Fratello che ancora oggi sembra uno scherzo. Che in dodici...


La Strada di Casa 2: anticipazioni ultima puntata del 29 ottobre 2019

Il martedì di Rai1 si tinge di giallo con La Strada di Casa 2, secondo capitolo della fiction prodotta dalla Casanova Multimedia di Luca...


ORANGE IS THE NEW BLACK: L’UNIVERSO FEMMINILE DI NETFLIX ARRIVA SU MYA. MEDIASET SFIDA HOUSE OF CARDS SU SKY

Stasera è sfida a distanza, e Mediaset si sente già particolarmente in vantaggio, nonostante il numero di abbonati inferiore rispetto al...


MacGyver: su Rai2 la seconda stagione del reboot con Lucas Till

Il grande successo e la popolarità della serie anni ’80 con protagonista Richard Dean Anderson sono solo un lontano ricordo, ma l’ingegno e...

1 Commento dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

4 maggio 2014 alle 14:27

Venerati maestri di simpatia: Freccero, Moretti, Baricco, Battiato, ecc. Manca solo Scalfari.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.