27
aprile

NON AVERE PAURA – UN’AMICIZIA CON PAPA WOJTYLA: QUESTA SERA SU RAI1 IL FILM TV SU SAN GIOVANNI PAOLO II

Non avere paura - Un'amicizia con Papa Wojtyla

Questa sera, 27 aprile 2014, nel giorno della canonizzazione di Papa Giovanni Paolo II, Rai1 propone in prima serata alle 21.30 Non avere paura – Un’amicizia con Papa Wojtyla, film tv che racconta la grande passione per la montagna di uno dei Pontefici più amati. Il film diretto da Andrea Porporati, è realizzato dalla Dap dei Fratelli De Angelis in collaborazione con Rai Fiction, Trentino Film Commission e Trentino Turismo e Promozione. A vestire i panni di Papa Wojtyla è l’attore russo Aleksei Guskov.

Non avere paura è tratto dal libro Era Santo Era Uomo del bresciano Lino Zani, guida alpina che nel 1984 ebbe l’onore di accompagnare il Papa in lunghe escursioni e sciate sulle montagne, e che nel film ha il volto di Giorgio Pasotti. Fra gli interpreti del tv movie anche Claudia Pandolfi, Katia Ricciarelli, Fabio Fulco, Ugo Dighero e Giuseppe Cederna. Andrea Porporati, che oltre alla regia firma anche la sceneggiatura con Eleonora Martinelli, dichiara nelle note di produzione di essersi da subito appassionato al libro di Lino Zani, e di aver trovato nel racconto qualcosa di personale.

“Mi è sembrata subito una storia straordinaria e ci ho sentito qualcosa di mio e spero che ogni spettatore possa trovare in questo film qualcosa che gli appartiene, anche se non è mai salito su una montagna. Quella ricerca di libertà, avventura, incontro col mistero che ognuno di noi cerca in tante cose, in una scalata appunto o in un amore, in un’impresa sportiva, in un viaggio, magari persino in un film.”

Il regista dichiara inoltre di essere riuscito nella complessa realizzazione di un film tv su una figura importante come quella di Papa Wojtyla, grazie a tre “miracoli”:

“Devo dire che il compito di restituire questo sentimento attraverso l’occhio di una macchina da presa mi è parso subito impervio. Grazie a una serie di “miracoli” è stato possibile riuscirci. Il primo di tutti è stato l’aiuto dello stesso Lino Zani, che ha fatto da mentore e guida sulle sue montagne, a me per primo, ma anche agli interpreti e alla troupe, riuscendo nella folle impresa di portare sessanta  persone e i mezzi tecnici necessari in cima a un ghiacciaio. Il secondo miracolo è stato di essere affiancato da produttori che hanno creduto in questa avventura e ci hanno accompagnato lassù, fornendoci i mezzi e soprattutto l’esperienza realizzativa e organizzativa necessaria, la De Angelis Media e Rai Fiction. Il terzo l’aver trovato il sostegno di tre grandi talenti d’attore. Interpretare Karol Wojtyla è un compito quasi impossibile. Ci è riuscito Aleksei Guskov, straordinario attore  russo”.

Non avere Paura – Un’amicizia con Papa Wojtyla – Foto

Non avere Paura – Un’amicizia con Papa Wojtyla – Trama

Nel 1981, qualche tempo dopo l’attentato a Giovanni Paolo II, la famiglia del giovane maestro di sci e provetto alpinista Lino Zani (Giorgio Pasotti), che gestisce un rifugio alpino tra le vette dell’Adamello, riceve una visita inattesa e straordinaria: proprio quel Karol Wojtyla (Aleksei Guskov) che ha, con la montagna, un rapporto profondissimo e antico. Insieme al papa arriva anche un suo caro amico, altro importante personaggio: il Presidente della Repubblica italiana, Sandro Pertini (Giuseppe Cederna). Gli Zani sono gente normale, una famiglia abituata ad accogliere nel suo rifugio sciatori e scalatori con la semplicità un po’ spartana che si addice ad un luogo estremo come l’Adamello, dove per mesi non è nemmeno possibile salire.

Figurarsi lo sgomento e l’emozione di trovarsi ad ospitare due fra le personalità più significative del Ventesimo secolo. Uno sgomento ed un’emozione, però, che non si trasformano mai in soggezione. Del resto quel papa e quel presidente sono tutto fuorché uomini di potere, non sono accompagnati da grandi apparati di sicurezza e non chiedono di meglio che di stabilire rapporti umani semplici e sinceri. La visita, che doveva rimanere segreta e privata per volere dei servizi di sicurezza, diviene presto un’occasione di incontro con la popolazione della montagna.

I due grandi uomini non accettano di nascondersi, per motivi di sicurezza, alla “loro gente”.  Così la “vacanza di Stato”, diventa una vacanza normale. Il giovane Lino viene scelto per accompagnare il papa nelle sue discese. L’amicizia che nasce allora, fra le vette innevate dell’Adamello, accompagnerà i due uomini, così diversi, per il resto della loro vita.  Lino è cresciuto sopra i tremila metri, insieme alla sua famiglia. La montagna ed il senso di maestosa immensità che essa ispira fa ormai parte della sua personalità. È  bello, allegro, affamato di vita, sportivo, inquieto e seduttore. Ha già conosciuto quello che sarà il grande amore della sua vita: Angela (Claudia Pandolfi), una ragazza di città venuta a passare una vacanza.

Angela è diversa dalle altre, Lino lo capisce subito. Quei pochi giorni passati insieme sono qualcosa di speciale. Ma poi la vacanza è finita, e Angela è tornata alla sua vita di città. Gli ha chiesto di andare con lei. Ma Lino non se l’è sentita. Si trattava di scegliere  fra Angela e la montagna. Una scelta impossibile: per Lino, è come dire scegliere fra Angela e se stesso.  Forse è per questo primo trauma, per questa prima scelta forzata tra la ragazza che ama e l’avventura in cima al mondo, che, poco più che un ragazzo Lino si sente spinto a confessarsi per la prima volta, con Wojtyla e con se stesso, a raccontare l’inquietudine profonda che lo abita, la spinta a “salire fino in cima”, sulle vette più alte, per sfidarle e conquistarle. Per andare oltre. Il suo sogno è vincere l’Everest. Il Papa lo ascolta, e si affeziona a questo ragazzo che, a suo modo, cerca, forse senza nemmeno saperlo, l’Assoluto.  La vacanza finisce. Forse finirebbe anche l’amicizia fra Lino ed il Papa, se il ragazzo non scegliesse di consegnare a Wojtyla delle foto private, scattate sull’Adamello, invece di venderle ad un giornale di gossip che gli ha offerto centinaia di milioni di lire per poterle pubblicare. Sono normalissime foto del papa che scia, o che si intrattiene con piccoli gruppi di fedeli, o che, solitario, medita e prega sulla vetta della montagna.

Ma proprio perché così semplici e comuni, Lino sa che si tratta di immagini davvero private. Non può venderle, ma solo regalarle: al suo nuovo amico.  Da questo momento, il rapporto fra Lino ed il Papa diventa quasi quello fra un figlio che cerca la verità ed il padre che indica la strada. Wojtyla incoraggia Lino a seguire i suoi desideri, la sua curiosità: mettendolo sempre in guardia. Raggiungere la cima non è l’obiettivo principale, quello che davvero bisogna imparare a fare è tornare indietro. Alla vita e alla fatica di tutti i giorni, alla scalata delle difficoltà del vivere quotidiano, il lavoro, i figli, le malattie, le durezze e le gioie di un percorso esistenziale e spirituale. Ma Lino è giovane, e Karol sa che questo è un discorso che si comprende con il trascorrere del tempo. Così gli regala una piccola croce e lo prega, una volta che sia arrivato in cima alla sua montagna, di piantarla per lui.



Articoli che potrebbero interessarti


I Fantasmi di Portopalo 16
I Fantasmi di Portopalo: Beppe Fiorello torna su Rai1 con una nuova miniserie d’impegno civile


Gomorra 2 - 16
GOMORRA 2 – LA SERIE: LA LOTTA PER IL POTERE CRIMINALE E’ DI NUOVO APERTA


Non dirlo al mio capo 8
NON DIRLO AL MIO CAPO: VANESSA INCONTRADA E LINO GUANCIALE INSIEME NELLA NUOVA FICTION DEL GIOVEDÌ DI RAI1


Il Sistema 8
IL SISTEMA: GIOE’ E PESSION NELLA NUOVA FICTION ACTION DEL LUNEDÌ DI RAI 1

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.