18
aprile

ROBIN HOOD, ALLA CONQUISTA DI SHERWOOD: SU DEAKIDS UN CLASSICO PER TRASMETTERE MESSAGGI AI RAGAZZI

Robin Hood - Alla conquista di Sherwood, Conferenza Stampa

Miti e leggende avvolgono la sua figura. Non si può dire con certezza che sia realmente esistito ma sarebbe un errore bollare le sue gesta come frutto della fantasia popolare. Il fine giustifica i mezzi ha trovato in lui l’espressione più nobile, o forse no: è probabile che sia stato un semplice bandito, persino meno carismatico e valoroso dell’amico Little John. Poco importa, comunque, la storia che amiamo raccontare da secoli è così affascinante da spingerci a non andare oltre e lasciarci coinvolgere dall’idea romantica dell’uomo che rubava ai ricchi per dare ai poveri. Così, consapevole del mito, De Agostini Editore ha deciso di rispolverare la leggenda di Robin Hood.

Robin Hood – Alla Conquista di Sherwood

Domenica 20 aprile – in anteprima mondiale – alle 20:30 arriva il primo episodio (la serie completa partirà invece a settembre) in simulcast su DeAKids (canale 601 di Sky) e in 3 dimensioni su Sky3D (canale 150) Robin Hood – Alla Conquista di Sherwood. La rivisitazione dei classici è una strategia inaugurata dal canale con Le Nuove Avventure di Peter Pan, che Massimo Bruno, direttore dei canali De Agostini Editore, ha spiegato così:

“Abbiamo ripreso due grandi classici con al centro di qualcosa di attuale. Ci sembrava importante, al di là di far divertire, dare messaggi. Robin Hood rende i ragazzini protagonisti, l’idea è che il bambino debba dire quello che pensa, soprattutto in una società che ci vuole tutti uguali.”

La sigla degli Zero Assoluto

La nuova serie animata, che ci farà conoscere un Robin Hood bambino, si avvarrà di una sigla cantata dagli Zero Assoluto, scelti – come racconta Massimo Bruno rimarcando la coerenza tra il prodotto e i due talent – perchè “mantegono una freschezza di sguardo e un essere diretti che i ragazzini apprezzano. Sono dei ca*zeggiatori“.

Dal canto loro, Thomas De Gasperi e Matteo Maffucci ammettono di essersi divertiti come pazzi, affascinati dal senso di libertà del protagonista e, scherzando, sperano di “tormentare” i genitori con la loro sigla ripetendo il fenomeno Peppa Pig. Il duo canoro, oltre ad aver scritto e interpretato la canzone che apre la serie, avrà il compito di introdurre ogni puntata con una divertente clip che racconta la storia di Robin Hood e dei suoi amici.

Se convincere gli Zero Assoluto è stato semplice, ben più laboriosa è stata la gestione dei vari coproduttori della serie, come ha spiegato  Vincenzo Sarno, responsabile acquisizioni e coproduzioni di De Agostini: la serie animata è, infatti, stata prodotta da DQ Entertainment e coprodotta, tra gli altri Paesi, da ZDF per la Germania e in partecipazione con TF1 e Walt Disney Company per la Francia, e DeAKids per l’Italia.

Esprime soddisfazione per la serie e per il sodalizio con DeAKids, iniziato con il cartone animato su Peter Pan, Cosetta Lagani, direttore di Sky 3D, che sottolinea comenessun canale Sky 3D al mondo abbia una programmazione kids. Questo tipo di offerta – aggiunge – funziona perchè è un momento di aggregazione (…) E’ emerso un alto livello di soddisfazione tra i clienti. Al momento contiamo su 500.000 abbonati mentre in Italia ci sono 1,5 milioni di televisori 3D.”

In arrivo un cartone animato su Egyxos

De Agostini proseguirà le collaborazioni internazionali con un progetto previsto per il 2015 che vede la rivisitazione di un grande classico del Belpaese. Ancor prima arriverà Egyxos, successo editoriale del gruppo di Novara rivolto ad un pubblico di ragazzi.



Articoli che potrebbero interessarti


Muciaccia
NATALE 2016: LE OFFERTE DI DEAKIDS, DEAJUNIOR E SUPER! PER I PICCOLI SPETTATORI


UnderGames
UNDERGAMES: AL VIA IL NUOVO GAME DI DEAKIDS CON CHRISTIAN KANG BACHINI


Big Bang Dea Kids
BIG BANG!: FEDERICO TADDIA VIAGGIA NELLA MUSICA CON PEDRINI E MALIKA


ROBIN HOOD, ALLA CONQUISTA DI SHERWOOD: SU DEAKIDS UN CLASSICO PER TRASMETTERE MESSAGGI AI RAGAZZI
DeAKIDS: FRANCESCO FACCHINETTI E FRANCESCO SOLE ACCOMPAGNANO I PIU’ PICCOLI NELLA VISIONE DI DUE NUOVE SERIE ANIMATE

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.