6
aprile

LA BIBBIA: UN SUCCESSO COLMO DI ERRORI?

La Bibbia - Satana

La perfezione non è di questo mondo, dicono. Evidentemente neanche dell’altro, se la miniserie La Bibbia – di cui vedremo questa sera la terza puntata in prima serata su Rete 4 (qui le anticipazioni) – pare essere piena zeppa di imperfezioni che riguardano la vita di Gesù e dei personaggi che gli ruotano attorno.

La Bibbia: in sceneggiatura necessarie modifiche del testo sacro

Due sono stati i “detrattori” che hanno condannato il grande successo di History Channel: lo sceneggiatore Jonathan Merritt e il teologo Peter Enns, che hanno sottolineato molti punti in cui lo show e il testo originale della Bibbia non combaciano. Gli ideatori della miniserie, Roma Downey e Mark Burnett, avrebbero ammesso gli errori affermando però che erano voluti nonché necessari a spiegare una storia così lunga e complessa in sole dieci ore totali di montato.

Alcuni dei dubbi sollevati sembrano in effetti strumentali e, se di imprecisione si tratta, i colpevoli non sono tanto gli sceneggiatori dello show quanto il comune sentire: per esempio, per quanto nella Bibbia non venga mai specificato quanti sono i Magi, per tutti noi e anche per la miniserie sono tre; se il re Saul viene mostrato nell’atto dell’urinare piuttosto che in quello del defecare, è forse per una questione di “decenza” scenica. Ma l’elenco è lungo, vediamolo insieme.

La Bibbia: tutti gli errori segnalati dai critici

Lo show ha sposato il racconto popolare secondo il quale Maria, incinta, viaggiò a cavallo di un asino trascinato dal marito Giuseppe: in realtà, secondo il vangelo di Luca, avrebbero viaggiato in un caravan;
quando Abramo porta via il figlio Isacco per sacrificarlo, la madre Sara non c’è mentre nella miniserie viene mostrata la sua disperazione;
l’animale che prende il posto di Isacco in realtà è un ariete, non un agnello;
nello show Sansone è troppo presente quando in realtà è un personaggio minore;
quando i Babilonesi distruggono Gerusalemme, in tv Geremia riesce a sfuggire all’esercito invasore quando in realtà fu catturato, legato in catene, e poi rilasciato;
sempre durante l’assedio vengono catturati Daniele e i suoi tre connazionali, ma secondo il testo sacro furono deportati per più di un decennio dopo la distruzione di Gerusalemme;
Daniele viene gettato nella fossa dei leoni mentre Ciro è ancora al potere, mentre nella serie al potere c’è Dario;
Noè non avrebbe mai potuto raccontare la creazione così come fa nella fiction, visto che la Genesi fu scritta molto dopo il naufragio dell’arca;
Satana prende Gesù nel deserto, mentre tenta di saltare un dirupo, quando in realtà la cosa avviene nel pinnacolo del tempio;
in sceneggiatura Giovanni viene arrestato ed ucciso dagli uomini di Erode perché predica la parola del Messia ma non fu così, visto che Erode era un suo grande ammiratore e lo giustiziò solo su richiesta della moglie e della figliastra.

Un lavoro minuzioso, quello portato avanti dai critici, al quale si aggiungono anche altri appunti non prettamente legati alla Bibbia ma alla messa in scena: la presenza di inopportuni accenti inglesi e scozzesi nella versione originale ed una ancor più inopportuna somiglianza tra l’attore che interpreta Satana, Mohamen Mehdi Ouazanni, e il presidente Barack Obama. In ogni caso, non conta poi tanto: al pubblico sovrano, che ha trasformato questa miniserie in un evento, tutto ciò evidentemente interessa ben poco.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Paolo Bonolis
Palinsesti Mediaset, Autunno 2017: tutti i programmi sera per sera


Palinsesti Rete4 2017/2018
Palinsesti Rete4, autunno 2017


Chicago Fire
Italia 1 e Rete 4, palinsesti estate 2017: serie tv e repliche per le reti cadette Mediaset


Planet Earth 2 - Bosco Verticale Milano
Planet Earth II: il documentario BBC più visto di sempre in UK arriva su Rete4. Racconterà anche il Bosco Verticale di Milano

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.