9
aprile

CARA MTV, QUANDO TOCCA AI NOSTRI RAGAZZI?

MTV

MTV

La “nuova” MTV ha un grande pregio: è forse l’unico broadcaster italiano in grado di raccontare senza filtri la realtà italiana, con idee sempre a basso costo, ma che non hanno nulla da invidiare alle grandi produzioni unscripted, e assolutamente coerenti con la linea editoriale, che punta ai giovani senza dubbio, ma che potrebbe affascinare anche i più grandi. Eppure manca ancora qualcosa, all’interno di questo grande contenitore.

Li abbiamo visti (quasi) tutti: dai calciatori alle ginnaste, senza dimenticare i ballerini del Teatro San Carlo di Napoli, e in questi giorni stiamo vedendo all’opera i performer dell’Accademia MAS di Milano nel nuovo Compagni di Ballo. Il problema è che, fino ad oggi, è stata raccontata una quotidianità “speciale”, se vogliamo, tra emozioni e problemi tipici dei ragazzi sì, ma pur sempre influenzati dal sacrificio dello sport, che permea le loro vite e rappresenta molto più che una passione.

Non un racconto fittizio, sia chiaro, ma il racconto di una normalità diversa dalle altre, che chiaramente la maggioranza dei ragazzi italiani non vive. Viene da chiedersi quindi per quale motivo MTV non abbia mai affiancato, al racconto del sacrificio e dello sport, il racconto nudo e crudo – sempre con la formula del docureality – della realtà che vivono gli adolescenti “comuni” di oggi, i nostri studenti delle scuole superiori ad esempio, impegnati tra i libri, gli amici, le assemblee, le famose “seghe scolastiche”, e i soliti problemi, d’amore certo, ma anche con i genitori e con gli insegnanti, quasi all’ordine del giorno.

Se da un lato sarebbe un esperimento fattibile – dopotutto gli ingredienti ci sono già tutti e sarebbe sufficiente scegliere accuratamente una classe di un istituto superiore – dall’altro si tratterebbe di una produzione più complicata rispetto a quanto già proposto, visto il notevole sforzo produttivo richiesto sia in fase di registrazione, poiché le situazioni non sono mai prevedibili, che in fase di montaggio,  che deve necessariamente restituire un prodotto che abbia ritmo.

Oltre ad essere più affascinante, consentirebbe agli spettatori di immedesimarsi totalmente nei protagonisti delle storie, non solo rispetto ai docureality tematici della stessa rete ma soprattutto rispetto ai teen drama “puri” – ad oggi le uniche produzioni televisive che cercano di raccontare il mondo dei giovani – in cui, come d’altronde in tutte le fiction, si tende troppo a stereotipare i personaggi e ad estremizzare le storie, ottenendo un racconto decisamente lontano dalla normalità.

Ma proprio perché MTV è una rete a cui piacciono le sfide, ci chiediamo dunque: quando tocca ai nostri ragazzi?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


MTV Confidential @ Davide Maggio .it
MTV CONFIDENTIAL, DAL 15 SETTEMBRE SU MTV I SENTIMENTI DEGLI STUDENTI ITALIANI


Geordie Shore - Eletta Lamborghini e Marty (doccia 5)
Geordie Shore, Elettra Lamborghini tra baci lesbo, docce hot e confessioni piccanti: «Marty ha una salsiccia piccola ma grassa» – Video e Foto


Elettra Lamborghini
BOOM! Riccanza 2 in autunno su Mtv. Al via i casting


the show
I theShow a DM: Prank and the City si propone di fotografare il cuore dell’Italia inquadrandone il culo (video)

4 Commenti dei lettori »

1. faboulous ha scritto:

9 aprile 2014 alle 17:42

ricordo con piacere quel programma coi ragazzi della bassa modenese,dopo il terremoto. tiraboschi dovrebbe dare un’occhiata,che magari impara qualcosa



2. Teoz ha scritto:

9 aprile 2014 alle 22:09

La normalità non piace alle persone normali… Di vedere gente che fa compiti, scrive sms, gioca ore sull Xbox cosa vuoi narrare?? La normalità sono giovanotti che pensavo ai video viralo di youtube alle mode usa al cellulare ai videogame… Meglio ginnaste o calciatori a sto punto… Cmq potrebbero fare docu reality su altre mille cose basta solo pensarci…



3. marcko ha scritto:

10 aprile 2014 alle 09:25

ma raccontare cosa?
è ovvio che se si parla di “ginnaste” o programmi simili,l’età dei protagonisti è simile a quella del pubblico, ma dietro c’è un mondo completamente diverso che incuriosisce, una meta da raggiungere e un sogno da realizzare in cui ci si può immedesimare.
la scuola è talmente alla portata di tutti, talmente banale che vederla in tv sarebbe un già visto con nessun appeal che dopo pochissimo stuferebbe chiunque.



4. lordchaotic ha scritto:

10 aprile 2014 alle 13:03

nuova mtv pessima, ritornasse a raccontare la musica con linguaggi innovativi come ha fatto x più di 20 anni

e soprattutto, ballerine, ginnaste calciatori… CHISSENEFREGA XD



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.