23
marzo

BERSAGLIO MOBILE, ENRICO MENTANA SOGNA LA PRIMA SERATA? IL GIORNALISTA SMENTISCE: VOGLIONO METTERMI CONTRO SANTORO

Enrico Mentana

Enrico Mentana, sotto sotto, gongola assai. Il suo Bersaglio Mobile, da poco posizionato nella seconda serata del venerdì di La7, sta superando bene la prova degli ascolti. Nell’ultima puntata, ad esempio, grazie ad un’intervista esclusiva a Beppe Grillo, il programma d’approfondimento del Mitraglietta ha totalizzato il 10.7% di share, battendo Canale5 in quella fascia. E per il futuro le previsione sembrano rosee: all’orizzonte ci sono infatti le elezioni europee ed il racconto della politica renziana al governo. Una buona calamita per il pubblico.

Mentana al posto di Santoro? Il direttore smentisce

Tale scenario galvanizzerebbe non poco il direttore del TgLa7, che – secondo indiscrezioni – potrebbe persino pensare in grande. Come ipotizza Il Giornale, infatti, qualora Bersaglio Mobile si consolidasse negli ascolti sinora raggiunti, per Mentana potrebbe paventarsi la possibilità di una promozione in prima serata. Fantasie? Forse. Del resto, si tratta solo di suggestioni. Secondo il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, Mentana avrebbe persino valutato la possibilità di conquistare il prime time del giovedì, attualmente occupato da Servizio Pubblico. Ma, con un messaggio pubblicato sul suo profilo Facebook, il giornalista ha smentito tale ipotesi:

Stamattina il Giornale cerca di mettermi contro Santoro. Non ci riuscirà. Michele è il numero uno nei programmi giornalistici di prima serata della tv italiana. Punto” ha scritto il direttore del TgLa7.

Negando la volontà di scalzare Santoro, Mentana ha così posto fine ad alcune ipotesi nate anche sulla base di alcune valutazioni sui dati d’ascolto. Cifre alla mano, infatti, attualmente il nuovo ‘anello debole’ della programmazione sembra diventato Servizio Pubblico. Da qualche settimana, il talk show del giovedì registra ascolti in calo (l’ultima puntata si è fermata al 6.91%), ben lontani dagli exploit di un tempo. Inoltre, come riportato da Dagospia, dalla fine di aprile Santoro potrebbe cedere il posto alla sua allieva Giulia Innocenzi, con un nuovo format a prova di par condicio.

Tali circostanze avrebbero potuto far pensare a ben altri cambiamenti di palinsesto, cioè ad un eventuale approdo di Mentana in prime time al posto di Santoro o della santorina. Invece è arrivata la smentita. Da parte sua, il direttore del TgLa7 prosegue la sua permanenza sulla rete terzopolista da una posizione sempre più privilegiata, non solo per gli ascolti del suo Bersaglio Mobile.

Di recente, infatti, La7 ha siglato con il giornalista “un patto di stabilità di durata triennale“, esprimendo “notevole soddisfazione” per il suo operato. Una mossa che consolida l’ascendente del factotum della rete di Urbano Cairo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


M, Michele Santoro
M, Michele Santoro riesuma Hitler su Rai2 pensando all’attualità: operazione originale ma anti-storica


Virginia Raggi
BERSAGLIO MOBILE, VIRGINIA RAGGI OSPITE IN PRIME TIME. ENRICO MENTANA: “NON SI DEVE DIMETTERE”


1992 La Serie
1992 SU LA7: MENTANA INTRODUCE LA SERIE TV. POI DIBATTITO CON DI PIETRO E CRAXI


Beppe Grillo
ENRICO MENTANA INTERVISTA BEPPE GRILLO A BERSAGLIO MOBILE

1 Commento dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

23 marzo 2014 alle 22:40

Neppure io ritengo probabile l’avvicendamento fra Mentana e Santoro, semplicemente perchè porterebbe ad un ulteriore calo di ascolti. Mentana ha successo soprattutto grazie alle interviste come quella a Beppe Grillo, ma con appuntamento fisso in prima serata farebbe la stessa fine di Santoro.

E anche il nuovo format di Giulia Innocenzi non vedo perchè, sulla carta, dovrebbe avere maggiori chance. E’ Santoro che deve decidere se tirare di nuovi fuori le sue grandi doti di giornalista o di dedicarsi alla produzione di docufilm, come aveva promesso tempo fa. Ma la fiacca del suo format ormai è comune a tutti i talk politici perchè le modalità di fruizione e gradimento dell’informazione politica a livello di massa sta cambiando repentinamente.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.