14
agosto

CIAO MERV

Merv Griffin @ Davide Maggio .it

In una recente intervista aveva già abbozzato un brillante epitaffio per la sua lapide : “I will not be right back after this message!” ossia “Non tornerò dopo questo messaggio!”, scherzando su quell’invito ad attenderlo dopo la pubblicità che, per decenni, aveva rivolto ai telespettatori.

Purtroppo e’ arrivato il momento di incidere questo epitaffio. Dal 12 agosto scorso, infatti, Merv Griffin ci ha lasciato.

Uno straordinario uomo di spettacolo il cui nome probabilmente suonera’ nuovo a molti telespettatori italiani ma che, in realtà, ha avuto modo di caratterizzare, seppur indirettamente, anche il piccolo schermo del bel paese.

Lele, uno dei piu’ attenti lettori di questo blog, ha buttato giu’ un piccolo ricordo di Merv Griffin che sono felice di pubblicare e condividere con Voi.

Il pubblico americano, per 23 anni, non era mancato all’appuntamento quotidiano con Mervyn Edward Griffin Jr. ed il suo talk “The Merv Griffin Show” : 25.000 interviste nel corso delle quali aveva chiacchierato affabilmente con i più grandi protagonisti dello spettacolo e della scena politica.

Il conduttore, musicista, ideatore di celebri format televisivi come “La Ruota della Fortuna“, si è spento il 12 agosto 2007 all’età di 82 anni.

Aveva esordito negli anni ‘40 come cantante alla radio, arrivando a vendere 3 milioni di dischi. Dopo alcune esperienze nel mondo del cinema grazie a Doris Day, era passato prima alla conduzione e poi alla produzione di quiz.

Fu sua moglie a proporgli di rovesciare il meccanismo classico dei quiz chiedendo ai concorrenti una domanda anziché una risposta: nacque così uno dei più longevi giochi televisivi, “Jeopardy!“, che gli fruttò, solo per i diritti del motivetto da lui composto per il conteggio dei secondi, ben 80 milioni di dollari.

Con un’altra geniale intuizione, nel 1975, trasformò il semplice gioco “dell’impiccato” in quel “Wheel of Fortune” che nel nostro paese sarebbe stato portato al successo da Mike Bongiorno.

Quando nel 1986 Griffin cedette per 250 milioni la sua casa di produzione alla Columbia Pictures Television, fu proclamato l’artista più ricco nella storia di Hollywood.

Investendo i proventi in immobili (comprò persino un’isola alle Bahamas da Donald Trump) era diventato un magnate nel settore alberghiero e dei casinò.

Ma non aveva abbandonato la sua passione : stava infatti preparando “Merv Griffin’s Crosswords“, il suo ultimo game show in onda negli Stati Uniti dal prossimo settembre.

Curiosità :

  • 17 Emmy Awards;
  • L’album “Songs by M. Griffin” fu il primo disco americano ad essere registrato su nastro magnetico. E’ conservato all’Ampex Museum della Stanford University;
  • Nel film “So this is love” del 1953 fu co-protagonista del primo baciò “a labbra dischiuse” della storia del cinema americano: con lui l’attrice Kathryn Grayson;
  • Numerose le attività caritatevoli come la donazione di 10 milioni di dollari per costituire un Ente di assistenza per l’infanzia violata ed il sostegno alla Ronald Reagan Library e alla Fondazione “Young Musicians”.



Articoli che potrebbero interessarti


CIAO MERV
20 ANNI DI “RUOTA DELLA FORTUNA”


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»


Caro Bebè
GRAFFITI, 5 – 11 FEBBRAIO: IL FALSO SCOOP DI MIXER, IL FLOP DI CARO BEBE’, ELUANA ENGLARO E LE DIMISSIONI DI MENTANA, LA PEREGO A LA TALPA


AM
GRAFFITI, 15 – 21 GENNAIO: EMILIO FEDE ANNUNCIA LO SCOPPIO DE LA GUERRA DEL GOLFO. AL VIA AGENZIA MATRIMONIALE

9 Commenti dei lettori »

1. Flavio ha scritto:

14 agosto 2007 alle 17:55

E stato il Corrado dAmerica, nessun tg non ha parlato della sua morte, grazie Davide Maggio per questo ricordo, e spero che anche il Presidente George W. Bush ha ricordato questo straordinario personaggio. CIAO MERV!!!!!!!.



2. sanjai ha scritto:

15 agosto 2007 alle 11:06

merv è davvero un mito…di vorrebbero tante tante menti di questo livello in tv. @davide:sai perchè in italia non è mai arrivato jeopardy?potr mai arrivarci?ho visto che in spagna è arrivato questanno…



3. Marcellino ha scritto:

15 agosto 2007 alle 13:25

Condoglianze,bellarticolo di colui che sconfisse Golia tre mesi fa.



4. Capitano Sal ha scritto:

16 agosto 2007 alle 10:24

ciao Merv! mitica la ruota, spero ke in italia torni presto a girare! @ Davide Maggio complimenti per il gioco “”il palinsesto è servito”", se hai bisogno di qualcuno appassionato di tv che ti scriva le domande curiose e particolari (gratis) io posso collaborare!



5. Davide Maggio ha scritto:

16 agosto 2007 alle 13:11

@ Capitano Sal : ci sono buone probabilita. Grazie per lapprezzamento per il palinsesto. Per le domande, no problem. Tutti i potenziali collaboratori sono i benvenuti. Se ti va, contattami per email o, ancora meglio, tramite msn.



6. sanjai ha scritto:

16 agosto 2007 alle 15:37

@davide:davideeeeee non mi hai risposto :d non hai notizie su un possibile adattamente di jeopardy in italia??io sono dipendente dalla musichina del final jeopardy!



7. Davide Maggio ha scritto:

16 agosto 2007 alle 15:42

@ sanjai : perdonami… mi era sfuggito. Di Jeopardy non ho notizie. Se dovessi averne… stai certo che ti tengo informato :-)



8. sanjai ha scritto:

16 agosto 2007 alle 15:45

oh grazie mille…davvero…o fanno ledizione italiana o mi devo convincere ad entrare in clinica per disintossicarmi,non posso dare gli esami alluni e rispondere alla domanda “”mi parli delle circostanze del reato”" fischiettando il motivetto di jeopardy!



9. Capitano Sal ha scritto:

16 agosto 2007 alle 17:45

davide il fatto è ke ho cambiato citt da poco e adesso mi devo accontentare di andare in un internet point, spero presto comunque di prendermi un pc!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.