13
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO, LA CORTE DEI CONTI: COSTI SUPERIORI AI RICAVI. ECCO LE CIFRE

Fabio Fazio, Luciana Littizzetto

La Corte dei Conti le suona al Festival. E alla Rai. Nella sua Relazione sulla gestione finanziaria per gli esercizi 2011-2012, la magistratura contabile ha infatti bacchettato l’azienda di Viale Mazzini con un richiamo a “ridurre i costi di produzione in particolare quelli riconducibili al Festival di Sanremo, alle fiction e alla programmazione finanziata con fondi diversi da quelli derivanti dal canone radiotelevisivo“. Una severa tirata d’orecchie, che rimprovera al servizio pubblico sprechi ed inefficienze in ambito economico, nonostante vi siano segnali positivi di cambiamento.

Rai, Festival di Sanremo: il report della Corte dei Conti

Rispetto al Festival di Sanremo, in particolare, la Corte dei Conti ha attestato che i costi del 2012 sono stati inferiori rispetto a quelli dell’anno precedente (il risparmio è stato di 1,8 milioni). Tuttavia – si legge nella relazione – “in sintesi l’andamento dei costi risulta ancora nettamente superiore ai ricavi pubblicitari, con negativi riflessi sul MOL aziendale“. I dati, del resto, parlano chiaro e i conti in rosso pure: nel 2010 (sotto la conduzione di Antonella Clerici), le perdite subite dalla Rai sono state di 7,8 milioni, nel 2011 di 7,5 milioni e nel 2012 di 4,8 milioni (bis di Gianni Morandi). In tutto, la ‘voragine’ economica ammonta a 20,1 milioni per 15 puntate complessive. 1,34 milioni al giorno.

Nella sua relazione, la Corte dei Conti ha riconosciuto come il Festival sia un evento “strategico” per la Rai, “come dimostrato dalla rilevazione degli ascolti che, nelle ultime edizioni, ha fatto registrare picchi superiori al 60%, con una sensibile raccolta pubblicitaria“. Allo stesso tempo, la magistratura ha riscontrato un aumento del 10,3% per i costi delle risorse artistico/culturali dell’edizione 2011, cifra calata l’anno successivo contestualmente ad una crescita degli oneri per l’orchestra (+317mila euro) e per i conduttori ed il cast artistico (+276mila euro).

La relazione della magistratura contabile arriva alla vigilia di una nuova edizione del Festival di Sanremo, la 64esima per l’esattezza. E, per quest’anno, il direttore di Rai1 Giancarlo Leone ha già precisato che i costi della kermesse – preventivati attorno ai 18milioni di euro – sono stati coperti dagli introiti pubblicitari. Un aiutino a Viale Mazzini è stato dato dal Comune di Sanremo, che ha offerto uno sconto di 2 milioni l’anno sulla convenzione che lega la Città dei Fiori alla kermesse Rai.

A seguito dell’intervento della Corte dei Conti, che ha preso in esame l’intera situazione economico-patrimoniale della Rai, con un comunicato l’azienda di Viale Mazzini ha fatto sapere che:

il piano industriale 2013-2015, approvato dal CdA lo scorso mese di aprile, sta andando proprio nella direzione auspicata dalla Corte dei Conti, che nel suo documento fa riferimento alle gestioni amministrative del 2011 e del 2012. Nel 2013 sono stati conseguiti importanti risultati in termini di maggiori efficienze e di internalizzazione delle attività che troveranno evidenza nel bilancio 2013 in corso di formazione. Ulteriori miglioramenti gestionali/amministrativi saranno conseguiti nell’esercizio in corso“.

Per scoprire i costi di Sanremo 2014 e i compensi di Fazio e Littizzetto clicca qui.

Tutto sul Festival di Sanremo 2014

LE NEWS DALLA CONFERENZA STAMPA

PIF CURERA’ L’ANTEPRIMA

LE FOTO DELLA SCENOGRAFIA

LA POLEMICA DI PUPO

I COMPENSI

I PROMO CON FAZIO E LITTIZZETTO

I 14 BIG IN GARA E I TITOLI DELLE CANZONI

GLI 8 GIOVANI IN GARA

TUTTE LE INFO SUL 64° FESTIVAL DI SANREMO

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Festival di Sanremo
RAI: ECCO I PROGRAMMI PIÙ COSTOSI DEL 2016. CI SONO SANREMO, IL CAPODANNO, LAURA E PAOLA


Fabio Fazio
CdA Rai, Orfeo svela i costi dei programmi di Fazio: 14,4 milioni per il solo prime time


Fabio Fazio, Rai
Fabio Fazio, contratto milionario: la Corte dei Conti si muove


Paolo Bonolis
Paolo Bonolis difende Fabio Fazio: «I migliori hanno un prezzo più elevato. Non siamo tutti uguali»

12 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 13:03

Vergogna! Ecco perchè non riesco a guardare la Rai. Pago il canone ma non la guardo più.



2. Vince! ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 13:14

A me sembra davvero strano che si diffondano queste cifre, relative tra l’altro a vecchie edizioni del festival gestite da altri, proprio a una settimana dall’inizio.
Aveva un senso diffonderle molto prima dell’evento, quando si potevano operare ulteriori tagli. Non capisco invece perché diffonderle quando ormai tutto è stato fatto… Se non per gettare discredito sull’attuale gestione.



3. Nina ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 13:57

La Corte dei Conti che getta discredito su Fabio Fazio?



4. Vince! ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 14:13

Sollecitata da Brunetta…
Nina a volte mi sembri un po’ ingenua.



5. Nina ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 14:25

In effetti sì sono ingenua, non credo che dietro alle notizie ci siano sempre dei complotti per me è una scusa come un’altra per non prendere atto della realtà.



6. Vince! ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 14:32

Non bisogna essere esperti di comunicazione per capire che la stessa notizia data a una settimana dal Festival ha molta più rilevanza che data un mese prima. E che fa comodo a tutti apparire sui titoloni dei giornali per dimostrare quanto si lavora (più volte Brunetta aveva chiesto l’intervento della Corte dei Conti).
Alcuni oggi (e anche il nostro Leardi) si sono comportati correttamente, sottolineando che sono dati riferiti a gestioni passate.
Altri, ma guarda un po’, ne hanno approfittato per attaccare Fazio a pochi giorni dall’inizio di Sanremo…
Ma non diciamolo, se no qui si passa per complottisti…



7. Nina ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 14:37

La tua è solo faziosità, ti dà fastidio che una certa parte che non sopporti possa dire la verità e possa dirlo quando gli pare. Tutto qui. Ma scusa che te ne frega di quel milionario di Fazio?



8. Vince! ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 14:46

Se adesso persino riportare i fatti per quello che sono è diventata faziosità…
Usare vecchi dati per attaccare la gestione attuale non è corretto.
Non mi sembra di dire un’assurdità o di essere di parte.



9. Giacomo ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 15:17

Nell’articolo si parla delle edizioni 2010, 2011 e 2012. Non sarà forse che con la gestione Fazio-Leone i costi sono rientrati senza problemi e quindi questo non fa notizia?



10. Vince! ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 16:56

Neanche a farlo apposta Brunetta ha appena attaccato, attraverso “il mattinale” Fazio, dopo i dati della Corte dei conti, tralasciando volutamente che queste cifre non riguardano i Festival di Fabio…
Come volevasi dimostrare…



11. Nina ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 18:25

Mi pare che l’on. prof. Brunetta abbia specificato che si tratta del 2010 e 2011 auspicando la stessa trasparenza per il prossimo Sanremo. Non vedo cosa ci sia di sbagliato.



12. Vince! ha scritto:

13 febbraio 2014 alle 20:29

C’è di sbagliato che pur di attaccare Fazio, Brunetta non si è preso la briga di chiedere conto delle spese assurde a chi in passato ha generato questi sprechi… Così lo scandalo vero passa inosservato!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.