14
febbraio

ART ATTACK: SU RAI YO YO E’ TORNATO IL PROGRAMMA PIONIERE DEL GENERE TUTORIAL

Giovanni Muciaccia

Utile a stimolare il potenziale artistico dei più piccoli, e a trasformare con un po’ di fantasia in un’opera d’arte tutto ciò che si ha in giro per casa, Art Attack è diventato un appuntamento cult ed imperdibile per tanti bambini. La trasmissione a marchio Disney è ripartita lo scorso 8 febbraio con una nuova stagione in onda il sabato e la domenica alle 8.30 su Rai YoYo. Alla guida ancora una volta l’inossidabile Giovanni Muciaccia che, in un’intervista al Tv Radio Corriere, spiega il successo di un programma in onda da ben 15 anni.

“Il segreto del suo successo sta proprio nel fatto che è seguito sia dai piccoli che dai grandi. Una trasmissione che è riuscita ad appassionare anche i genitori e fasce di pubblico che non ci aspettavamo. Ho delle testimonianze quotidiane di ragazzi sopra i vent’anni che mi seguivano da bambini e che, se capita, mi guardano ancora oggi.”

Pioniere in qualche modo del genere tutorial, tanto di moda oggi in tv, Art Attack ha fatto della manualità la sua missione.

“La missione è quella di trasmettere ai giovani la manualità, una pratica che sta scomparendo sempre di più. E’ anche una questione sociale. Oggi come oggi, le macchine fanno tutto. E’ possibile che in futuro anche questo aspetto della vita sia rivalutato. Si ritornerà al “mestiere”. Inoltre, vogliamo aiutare i nostri telespettatori a capire il senso all’arte, a vedere le cose in un altro modo, a trasformare gli oggetti, a cambiare la loro destinazione d’uso.”

Per Muciaccia sviluppare la manualità, ma anche la fantasia e la creatività dei bambini, rimane un aspetto centrale del programma.

“E’ importantissimo. Il nostro programma è nato in un periodo in cui i ragazzi erano già subissati dai videogiochi e dai computer. Quindi è stata una scommessa. Ma ha avuto subito un’enorme risposta. Questo significa che la manualità è una cosa che attira, che piace. Mostriamo dei lavoretti che i ragazzi possono realizzare al momento, davanti ai lori occhi. Probabilmente ha a che fare con un aspetto profondo della vita, quasi genetico. E’ per questo che ha tanto successo.”

Il conduttore, che ha debuttato in tv nel 1992 con la trasmissione Disney Club, ricorda come è cominciata la sua lunga avventura ad Art Attack.

“Ho una formazione teatrale e ho cominciato a lavorare in televisione conducendo programmi per bambini. Nel 1998 cercavano un presentatore per questo programma che avesse anche una spiccata manualità. Ho fatto due o tre provini, mi hanno scelto ed è iniziata questa straordinaria avventura. Piano piano è arrivato il grande successo. La trasmissione va in onda in trentadue Paesi nel mondo e, a poco a poco, la versione italiana ha superato quella inglese ed è diventata la più vista di tutte.”

Un successo che lo ha reso molto popolare tra i più piccoli, ma anche tra i grandi, grazie alla parodia fatta tempo fa da Fiorello.

“Faccio moltissimi spettacoli dal vivo replicando costantemente il programma, ho un rapporto continuo con i ragazzi. Mi fermano in tanti e a volte devo addirittura travestirmi per non farmi riconoscere. I bambini mi guardano con un’ammirazione straordinaria….. (La parodia di Fiorello ndDM) mi ha divertito moltissimo, non me l’aspettavo. Lui cominciava così: Ciao, sono Giovanni Muciaccia. Pur non essendo presente, mi ha dato l’opportunità di essere protagonista in prima serata su Rai1. E mi ha fatto un grande regalo.”

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Sereno Variabile logo
Su Rai 2 si torna a viaggiare con Sereno Variabile. Muciaccia e Bevilacqua verso il cambio della guardia


PJ Masks
Rai YoYo, palinsesti 2017/2018. Tornano Masha e Orso, Mofy, Il piccolo principe e PJ Masks


YO YO
YO YO: i due gemellini che spopolano su Rai YoYo


Giovanni Muciaccia
Sereno Variabile Estate raddoppia. Giovanni Muciaccia al fianco di Osvaldo Bevilacqua

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.