28
gennaio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (20-26/01/2014). PROMOSSI BRACCIALETTI ROSSI E TERENCE HILL, BOCCIATI LA GAG DI SAVINO E LE SCUSE DELLA D’URSO

pagelle terence hill

Terence Hill a Che tempo che fa

Promossi

9 a Braccialetti Rossi. Il soggetto è di quelli forti, e in tempi in cui si cerca di caricare di emotività e pathos anche prodotti più cinici è curioso assistere al percorso inverso. Bisognerà vedere come e se la storia riuscirà ad appassionare nel tempo, ma per il momento la versione italiana di Polseres Vermelles è piaciuta all’audience e di sicuro ha il merito di portare elementi di innovazione nel paludato mondo della serialità targata Rai. Novità che riguardano anche l’esemplare strategia di promozione che ha accompagnato il lancio della fiction.

8 a Terence Hill. Prima grazie ai film con Bud Spencer, ora per merito di Don Matteo, Mario Girotti – domenica protagonista di un curioso sketch a Che Tempo Che Fa – è diventato un attore cult per più di una generazione riuscendo a reinventarsi. La critica storcerà il naso di fronte alle produzioni che l’hanno visto e lo vedono protagonista ma, dal canto suo, ciò che conta è l’apprezzamento popolare.

7 a Pericolo Verticale. Forse si esagera quando la voce di Luca Argentero cerca di enfatizzare e rendere sensazionali determinati racconti ma rispetto alle produzioni d’importazione dello stesso genere, questa dà una forte impressione di realtà. E poi il fatto che sia italiana, con tutti i limiti del low budget, è un punto a favore.

6 a Piersilvio Berlusconi. Il Vicepresidente Mediaset sbotta a ragione per i “programmi a luci rosse” targati Videonews. Peccato, però, che – da quel che si apprende – la lavata di capo sia arrivata quando il dado era già stato tratto. Era prevedibile, infatti, che prima o poi si superasse il limite.

Bocciati

5 alla nuova coppia di Colorado composta da Chiara Francini e Diego Abatantuono. A sentore, il nuovo duo del programma comico di Italia1 non sembra tra i più assortiti, soprattutto per quanto riguarda il comico d’origine pugliese, talmente esperto e maturo da non sembrare in perfetta sintonia con ciò che Colorado è diventata. Ci ricrederemo?

4 alla ventilata ondata di celebrity talent su Rai1. Tale e Quale Show, Ballando con le stelle, e ora La Pista e I can do That (senza contare Mission, La Terra dei Cuochi e il desaparecido Ritorno da me), la rete di Giancarlo Leone sembra non poter fare più a meno dei personaggi famosi. L’eccessivo ricorso a tale filone, oltre al rischio di danneggiare i cavalli di battaglia consolidati (creando altresì problemi di casting), rischia di appiattire la programmazione. I due nuovi arrivati, infatti, saranno con ogni probabilità lanciati a poche settimane di distanza l’uno dall’altro e rappresenteranno una parte importante dell’offerta di intrattenimento Rai.

3 alla “gag del dolore” di Nicola Savino a Quelli che Aspettano. Il conduttore della domenica di Rai2 inscena una caduta e per il dolore alla gamba lascia per qualche minuto il timone a Lillo e Greg. Ci sfugge la parte divertente.

2 a Striscia la Notizia che per parlare dei giornalisti tratti in inganno da una Wikipedia facilmente taroccabile, parla di esperimento di un blogger senza citarne il nome. Perchè?  AggiornamentoL’ufficio stampa del programma ci fa sapere che è stato lo stesso blogger a chiedere l’anonimato. Non c’è stato, dunque, nessun tentativo da parte dei media tradizionali di “delegittimare” la rete e il tg satirico non merita in questo caso la bocciatura.

1 alle scuse di Barbara d’Urso così come pronunciate all’Alfonso Signorini Show: “Se qualcosa ha dato fastidio noi chiediamo perdono, chiediamo scusa. Io ero un po’ al di fuori. Non avevo visto tutti i servizi perché non erano arrivati in tempo, ma mi piacerebbe anche che ogni tanto, oltre alle polemiche, si raccontassero anche storie come quella di Paola, che ha messo in vendita il suo rene per salvare il fidanzato in coma.” Tralasciando una sua affermazione pronunciata nella puntata incriminata che abbiamo riascoltato a Tv Talk (“Noi siamo qui fino all’una di notte al sabato a vedere tutti i servizi e  ho visto dei servizi molto particolari), viene da ricordarle che una “presunta”  buona azione non ne cancella una cattiva e che così come i giornalisti talvolta mettono in risalto quello che non funziona, i conduttori preferiscono parlare solo di quel che va (ad esempio festeggiando sui social gli ascolti di una sola parte di trasmissione).



Articoli che potrebbero interessarti


Le Pagelle della Settimana tv: Deejay Chiama Italia
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (17-23/10). PROMOSSI FRECCERO, LINUS E NICOLA. BOCCIATI MAZZA E PALOMBELLI


J-AX
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (5-11/10/2015). PROMOSSI REPORT E CAPITANI CORAGGIOSI, BOCCIATI CLERICI E SORCI VERDI


Striscia la Notizia
CASO LORIS: UN FUORIONDA SMASCHERA IL FINTO ‘SCOOP’. LA TV DEL DOLORE C’E', E SI VEDE


x factor pagelle
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (8-14/2014): PROMOSSI X FACTOR E IL CAST DI SANREMO 2015. BOCCIATI SAVINO E LE POLEMICHE PER BELEN DESNUDA

8 Commenti dei lettori »

1. sboy ha scritto:

28 gennaio 2014 alle 16:49

Iconduttori preferiscono parlare solo di quel che va (ad esempio festeggiando sui social gli ascolti di una sola parte di trasmissione).

Un po come quello che fate voi che evidenziate solo quello che più vi fa comodo ;)



2. Mattia Buonocore ha scritto:

28 gennaio 2014 alle 17:14

@sboy ma hai letto la parte precedente ( così come i giornalisti talvolta mettono in risalto quello che non funziona)? A me fa più comodo evidenziare ciò che desta l’interesse dei lettori.



3. Nina ha scritto:

28 gennaio 2014 alle 17:58

Purtroppo Savino ha evidenti limiti ed era prevedibile che prima o poi li manifestasse apertamente. Io l’ho sempre detto che è un mediocre.



4. tinina ha scritto:

28 gennaio 2014 alle 18:31

La parte divertente della gag di Savino è che per un po’ ha lasciato la conduzione ad altri



5. Charlie Brown ha scritto:

28 gennaio 2014 alle 18:43

la d’urso conduce cose di basso livello, così tanto di basso livello che non fa più notizia tutte le cose che fa. La prima che dovrebbe sparire è lei, che prende in giro i telespettatori in continuazione, quando le conviene visiona i servizi e quando non le conviene non li visiona? Bugiarda e ipocrita, arriverà il giorno che cadrai nel dimenticatoio!



6. Nina ha scritto:

28 gennaio 2014 alle 19:17

Brava Tinina!



7. gigi zazzeri ha scritto:

28 gennaio 2014 alle 20:38

Il nome del blogger protagonista del servizio di Striscia non è stato riportato perché lui stesso ci ha chiesto l’anonimato e non c’era motivo per non rispettare il suo desiderio. Ma colgo questa occasione per farle sapere che le sue pretestuose osservazioni stanno diventando sempre più ripetitive e stucchevoli. Non voglio dire, come sostengono molti, che lei scriva sotto dettatura, ma certamente le sue osservazioni sono molto poco consone a quell’esperto di tv che lei pretende di essere. L’esempio più evidente è negli ascolti. Lei continua a dare spazio esclusivamente ai numeri del pubblico totale, anche se dovrebbe sapere che il dato decisivo per incrementare e mantenere il carico pubblicitario è il target 15-64. In questa fascia Striscia è costantemente 7/8 punti sopra i competitor, malgrado gli effetti del minuto di spot trasmesso alla stessa ora in tutte le reti Mediaset, che certo non fa bene agli ascolti, come aveva annunciato Antonio Ricci alla presentazione della nuova edizione di Striscia.

striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?19073

Gigi Zazzeri
Capo ufficio stampa
Striscia la notizia



8. TeamBarbara ha scritto:

29 gennaio 2014 alle 16:34

Braccialetti Rossi lo state gonfiando troppo, niente di interessante solo i temi trattati sono qualcosa di nuovo.
Per il voto alla Signora D’urso no comment, non siete nemmeno degni di menzionarla e chiudo qui.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.