13
gennaio

BELLE E SEBASTIEN: IN ATTESA DEL FILM, L’ANIME GIAPPONESE TORNA DA OGGI SU BOING

Belle e Sebastien

Il prossimo 30 gennaio uscirà nelle sale cinematografiche italiane Belle et Sebastien pellicola francese diretta dal regista Nicolas Vanier, e per un’intera generazione di trentenni e quarantenni il ricordo andrà subito al popolare anime giapponese, che approdò nel 1982 nell’allora neonata Italia1. Le avventure del bambino Sebastien, alla ricerca di sua madre insieme al suo cane, nonché suo miglior amico, Belle, conquistarono da subito il pubblico dei più piccoli, anche grazie all’allegra sigla composta da Stefano Jurgens.

Proprio in vista del debutto cinematografico, Boing (canale 40 del dtt), ha deciso di riproporre da quest’oggi, ogni lunedì alle 22.10, il cartoon creato dalla MK Company all’interno di Febbre a 80, lo spazio della seconda serata che il canale dedica interamente alle serie più amate degli anni ’80, fenomeno di culto per i ragazzi di ieri e una grande scoperta – nonostante l’orario non proprio accessibile per i più piccoli – per quelli di oggi. Belle e Sebastien, si andrà ad aggiungere all’appuntamento del martedì con Georgie, a quello del mercoledì con Kiss Me Licia, del giovedì con C’era una Volta Pollon, e del venerdì con Hello Spank. Per tutta la settimana, inoltre, alle 22.35 prosegue l’appuntamento con Mila e Shiro – Due cuori nella pallavolo e alle 23.00 con Le Avventure di Lupin III.

Belle e Sebastien – Trama

Belle e Sebastien è un anime basato sulle novelle di Cécile Aubry. La storia inizia in un villaggio dei Pirenei tra la Spagna e la Francia, dove Sebastien vive con il nonno adottivo e la nipote di lui. Il ragazzo, apparentemente orfano di madre e per questo deriso dagli altri ragazzi, non ha amici  finché non incontra un enorme cane bianco da montagna accusato, ingiustamente, di terribili misfatti e bandito dagli abitanti del villaggio.

Belle e Sebastien – Foto

Il cane è una femmina, viene chiamato Belle dal ragazzo e diventa rapidamente il suo migliore amico. Per salvare Belle da un triste destino, Sebastien lascia la sua famiglia adottiva e inizia insieme al suo nuovo amico e al cucciolo Pucci un lungo viaggio verso la Spagna tra avventure e pericoli di ogni tipo alla ricerca di sua madre, convinto che sia ancora viva.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Tom & Jerry Channel
NATALE 2016: LE OFFERTE DI BOOMERANG, BOING, CARTOON NETWORK, CARTOONITO, NICK JR, NICKELODEON, TEEN NICK PER I PIU’ PICCOLI


Steven Street of Magic
PROGRAMMAZIONE NATALIZIA 2014: CANALI KIDS


bOING
BUON COMPLEANNO BOING


GARFIELD_BOING
GARFIELD TORNA SU BOING IN PRIMA TV

3 Commenti dei lettori »

1. Marco89 ha scritto:

13 gennaio 2014 alle 13:05

Non me lo perdo, per fortuna esiste il Mysky.
Ma andrà in onda solo per gennaio o lo riproporranno anche per i mesi successivi? Non lo conosco ma mi fido solo dalle foto.
Georgie, Kiss me Licia, Hello spank, Lady Oscar, Mila e Shiro…una meglio dell’ altra. Non le ho vissute all’epoca per via dell’età ma non c’è paragone tra quei cartoni e quelli moderni, grazie Boing. Una cura, una minuzia,una dolcezza…sarebbe bello rimanere ragazzi per sempre.



2. aleimpe ha scritto:

13 gennaio 2014 alle 16:17

Boing è ancora di proprietà Mediaset ?



3. j82 ha scritto:

13 gennaio 2014 alle 17:40

Ma scusate: nessuno ha pensato che gli episodi di Belle e Sebastien sono 52? Come fa un bambino a seguire per più di un anno (4 episodi al mese), sempre il Lunedì alle 22 10, tutta la serie, visto che va solo una volta alla settimana? (come del resto, chi ha avuto la “brillante” idea di piazzare solo una volta alla settimana diversi anime come Pollon, Kiss Me Licia, Hello Spank…così durano mesi e sfido chiunque, a un bambino di oggi, a seguire tutta la storia…).
Non era meglio metterne di meno, magari col doppio episodio e farli iniziare un po’ prima?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.