7
gennaio

LA LOTTERIA ANNI 90 DI ANTONELLINA: UNA MINESTRA CHE SA DI VECCHIO

La Prova del Cuoco - Speciale Lotteria - Antonella Clerici

La Prova del Cuoco - Speciale Lotteria - Antonella Clerici

Una befana un po’ kitsch con la passione per i fornelli, i capelli cotonati ed i vestiti rubati dal guardaroba di Ivana Trump. Questa è l’Antonella Clerici che abbiamo visto riaccendere tutta tempestata di paillettes i fornelli delle cucine di Rai Uno per la Lotteria Italia (qui i biglietti vincenti).

I fasti e l’attesa spasmodica per l’estrazione del biglietto vincente del 6 Gennaio sono ormai lontani, e se un tempo questa serata televisiva era davvero un evento mediatico, legato agli show più amati del sabato sera, oggi veder cucinato il biglietto da cinque milioni di euro, all’interno delle casseruole di Anna Moroni, è un po’ come vedere la finale di Miss Italia su La7: la fine di un qualcosa che prima era tutto, ed oggi è davvero poca roba.

Lo speciale Lotteria Italia de La Prova del cuoco è un programma anacronistico e seguirlo è stato avvincente come rivedere una replica di “Numero Uno” con Pippo Baudo, dieci anni dopo su Rai Replay. In questa minestra dell’epifania non è mancato davvero niente, dalla gara dei cuochi con vip, all’ospitata promozionale del film in uscita con Serena Autieri, all’intervista emozionale su poltroncine “chester” modello “Mara Venier”, passando per il momento “Tony Binarelli” di magia all’azoto liquido dello chef Davide Scabin, senza dimenticare l’immancabile collegamento in diretta per la prova guinnes culinaria, che tanto ci riporta al “paese delle Meraviglie” di Melba Ruffo e Pippo Franco.

Abbiamo assistito al ritorno della tv del passato, quella spesso osannata, quella spesso invocata a gran voce, ma che poi, quando la rivediamo non ci piace più. Le sfide incrociate tra i vip in cucina, alternate a siparietti e giochi telefonici degni della tradizione del “Lotto alle otto” di Michele Guardì segnano lo scorrere della lunghissima serata milionaria.

La sensazione è quella di ritrovarsi invitati ad una cena di gala servita in cucina. Si, perché lo studio del Nomentano 3, da cui va in onda lo show, è perfetto per un day time, meno in versione serale, dove mostra tutti i limiti di una regia statica, pesante come un polpettone dimenticato in frigo. In questo caso, forse, sarebbe bastato un arricchimento tecnico come un Jimmy Jib, per dare nuove prospettive allo show e togliere con leggerezza e campi larghi, l’imbarazzo da certi momenti di varietà in playback, degni dei siparietti romanzati anni 90’ di Columbro, Cuccarini e i Trettrè.

Attovagliati alla tavola di Antonella, una sempre glamour Paola Barale, con degli zigomi talmente alieni, che per un secondo più che essere alla “Prova del Cuoco” sembrava d’esser alla prova del botox; Rita Dalla Chiesa, accolta da parole di grande affetto da parte della Clerici, nonostante la brutta avventura che vive per la cancellazione del suo quotidiano a La7, è decisamente in gran forma, fasciata da un tubino in pizzo traforato modello ”Bellucci” che segna decisamente la sua svolta elegantemente sexy!

Mattatori della serata, tanto da aver spesso messo la presentatrice a disagio sono stati Amadeus, Pupo e, soprattutto, uno scatenato Flavio Insinna, che non si è risparmiato con battute che spaziano dall’anatomia di Anna Moroni alla citazione di Elisa Isoardi, che ha fatto scoppiare la Clerici in una risata davvero godereccia!

Tra i momenti cult tendenti al trash che non possono non essere evidenziati sull’etichetta dello speciale, prima di consegnarla alla memoria delle teche Rai, di sicuro ci sono:

- l’omaggio shock all’operetta, interpretato magistralmente da Antonella Clerici, con la partecipazione straordinaria di Orietta Berti;

- la battaglia con frusta e mestolo tra Insinna e la Moroni

- il clima funereo da ufficio postale della sala dei Monopoli, rivitalizzato solo dalla cravatta e dal fazzoletto in seta in stile Miami del presidente.

La verità è che cucinare una prima serata da tre ore e mezza con i rimasugli della Lotteria Italia non è semplice. La Clerici alla fine ha cucinato la sua solita minestra, senza spremersi nemmeno più di tanto, solo con qualche ingrediente in più portato dai suoi “amici”; una minestra che però, consumata di sera, è decisamente più indigesta, in tutto questo festival di cuochi, personaggi, giochi ed ospitate e siparietti discutibili, alla fin dei conti, Antonella rimane l’ingrediente segreto delle sue zuppe, senza il quale sarebbero talmente di cattivo gusto da risultare immangiabili!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


La Prova del Cuoco 2017/2018
La Prova del Cuoco: le novità funzionano. Ma la vera forza è ancora Antonella Clerici


La Prova del Cuoco 2016/2017 - Prima puntata
LA PROVA DEL CUOCO: LA RICETTA RESTA BUONA, MA ALCUNI INGREDIENTI SONO SCADUTI (COME ANNA MORONI)


Affari Tuoi
LOTTERIA ITALIA: FLAVIO INSINNA ‘SCIPPA’ AD ANTONELLA CLERICI LO SPECIALE DEL 6 GENNAIO 2016


Federico Quaranta a La Prova del cuoco
LA PROVA DEL CUOCO: FEDERICO QUARANTA IN SOCCORSO DELLA CLERICI (A CASA PER ERNIA)

15 Commenti dei lettori »

1. ANNAMARIA BORDIN ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 03:04

meno male che ho girato canale e mi sono messa a fare altre cose



2. ANNAMARIA BORDIN ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 03:05

non l’ho visto e sono contenta, ho fatto altre cose più interessanti



3. Luca ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 05:33

la replica su La7?
Ci sta bene…



4. Giuseppe ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 07:56

Pure io ho preferito guardar altro: Presa Diretta era molto più interessante.



5. alex100-il segreto.fan. ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 09:11

a me è piaciuto invece…che dovevano fare di più?..è un programma di cucina..non un cabaret..chi ha scritto l’articolo dica piuttosto:”non è piaciuto a me”



6. Fiò ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 09:50

Ho 34 anni, divoro tv sin da bambino e la trasmissione dell’Epifania mi è piaciuta. Bella e simpatica. C’è di più, certo, ma era molto gradevole e allegra.



7. spiral ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 11:46

Non sono d’accordo ho trovato un programma divertente e spiritoso,ci lamentiamo che ormai si parla solo di cronaca nera nei programmi,qui c’erano tante risate ben venga una serata all’insegna del buon umore.Concordo con chi dice a chi ha scritto il pezzo di dire “a me non è piaciuto”,su facebook ho letto moltissimi commenti positivi.



8. pig ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 12:20

Il pubblico però ha premiato il programma, l’effetto anni 90 ha funzionato molto bene



9. Salvo ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 14:27

Siete ridicoli, non vi accontentate mai! La trasmissione è stata bellissima, non ti annoiavi mentre la guardavi perchè è stata davvero una serata allegra, piacevole e spensierata, cose che non si vedono più molto spesso in tv e che invece il pubblico ama molto e si è visto con gli ottimi ascolti che ha avuto. La Clerici rimane una delle conduttrici migliori in assoluto ed è una che la televisione la sa fare sul serio, quindi basta con le lamentele su ogni cosa!!!



10. Michele ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 14:37

Il fatto è che vedere come si è ridotta la Lotteria Italia oggi fa tristezza….

Il programma sarà stato pure carino e piacevole ma se pensiamo cosa era una volta lo spettacolo abbinato alla Lotteria Italia (Canzonissima, Fantastico, Scommettiamo che…?, Carramba che sorpresa) il confronto è impietoso, fa venire la depressione.

Una volta il programma abbinato alla Lotteria era l’evento clou della prima parte della stagione tv, da quando è stata abbinata alla Prova del cuoco invece c’è un atmosfera da svendita totale per chiusura attività, di assemblamento alla buona, di minestrone fatto con gli avanzi…

Non capisco perchè la Rai abbia riaffidato la Lotteria alla Clerici (dato che per due anni di fila ha fatto segnare il record negativo delle vendite dei biglietti) quando poteva benissimo abbinarla a Tale e Quale Show; speriamo che ce l’abbinino per il 2014 dato che, visti gli ascolti che il programma di Conti ha avuto quest’anno, la Lotteria tornerebbe sicuramente ai fasti di un tempo.



11. Michele ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 14:44

E comunque non scordiamoci che Antonella ha sì fatto 5 milioni di spettatori ma diciamo pure che ieri sera non aveva una vera concorrenza dato che su Canale 5 c’era un filmetto in replica ed i programmi di Rai 3 ed Italia 1 non erano certo rivolti al target di pubblico che segue programmi come ”La prova del cuoco” (stesso discorso può valere anche per il suo Sanremo 2010, con Canale 5 che aveva completamente sparecchiato la prima serata per tutta la settimana)…. alla Clerici piace vincere facile, un pò come la sua collega di scuderia Paola Perego



12. Salvo ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 15:18

Michele, intanto quest’anno le vendite sono salite del 10% rispetto allo scorso anno anche con la Clerici, quindi è inutile che cerchi di accusarla del calo delle vendite degli anni scorsi perchè non c’entra niente, e poi per serate come quelle della Lotteria e di Sanremo Canale 5 non mette mai concorrenza, proprio come per il Festival di Morandi e di Fazio.



13. CIAK ha scritto:

7 gennaio 2014 alle 15:23

…la forza della Clerici è SICURAMENTE IL SUO CARATTERE…
e anche questa volta è stata premiata anche per questo.
Si, un programma MINESTRONE …ma dopotutto piacevoel da seguire… condivido il fatto che fortunatamente non si è oarlato di nera… cronaca nera…
mi piacerebbe rivedere la lotteria italia con un nuovo programma o almeno con tale e quale…
sarebeb una bella cosa…
comunque complimenti alla clerici per la passione che mette nel lavoro che fa…si vede…



14. Roberto ha scritto:

8 gennaio 2014 alle 15:32

scusate ma….si disprezza la tv anni 90 sinonimo di vecchiume ,ma quali sono gli ingredienti della tv anni 2013?? cronaca nera..risse a tavolino e pessimismo?



15. Davide ha scritto:

8 gennaio 2014 alle 16:53

A me la serata è piaciuta era molto goliardica come forse è giusto che sia…
e gli oltre 5 milioni di telespettatori lo hanno dimostrato…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.