8
dicembre

RENATO BRUNETTA CONTRO MASTERPIECE: COSTA PIU’ DI FAZIO (E FA MENO ASCOLTI)

Masterpiece

Renato Brunetta non poteva che scegliere l’invettiva, un genere di per sé molto letterario e dunque adatto a bacchettare Masterpiece. Il capogruppo di Forza Italia alla Camera se l’è presa con il talent show di Rai3 sulla scrittura lamentando un nuovo presunto spreco di denaro da parte del servizio pubblico. L’esponente forzista, in particolare, ha presentato un’interrogazione sul programma al Presidente della commissione di Vigilanza Rai, Roberto Fico.

Brunetta vs Masterpiece: costa più di Che tempo che fa

Partendo dalla considerazione che gli ascolti delle prime due puntate siano stati rispettivamente del 5,14% di share (690 mila telespettatori) e del 3,91% (633mila telespettatori), Brunetta ha attaccato:

Secondo notizie di stampa ogni puntata di ‘Masterpiece’ avrebbe un costo molto alto che si aggirerebbe intorno ai 180 mila euro, mentre, ad esempio, il costo di una puntata di ‘Che tempo che fa’, programma di prima serata di Rai3, sarebbe pari a circa 150 mila euro. La trasmissione condotta da Fabio Fazio presenta però caratteristiche differenti, poiché, innanzitutto, viene trasmessa in prima serata e registra ascolti più significativi, che si attestano tra l’11-13% di share

Renato Brunetta contro la produzione esterna di Masterpiece

Un’accusa molto precisa, rivolta ai costi di produzione, che fa ancora più effetto per quel paragone con Che tempo che fa, programma già attenzionato da Brunetta per lo stipendio d’oro attribuito al conduttore Fazio. E, riferendosi di nuovo al tema della produzione (tanto caro al Presidente della Vigilanza, il grillino Fico), l’ex ministro ha commentato:

In occasione della conferenza stampa di presentazione della trasmissione ‘Masterpiece’ e’ stato affermato che il programma nasce su impulso del direttore di Rai Tre Andrea Vianello. A questo proposito, non si comprende la scelta di attribuirlo ad una casa di produzione esterna, nello specifico la ‘Fremantle’ di Lorenzo Mieli.”

Nell’interrogazione da lui stesso presentata, Brunetta si è chiesto se il presidente della Rai Anna Maria Tarantola e il DG Luigi Gubitosi non ritengano opportuno fare piena luce “in merito alle notizie di stampa relative al costo del programma, sia in rapporto agli ascolti che si stanno registrando, sia rispetto al costo di altre trasmissioni di Rai Tre che segnano ascolti più significativi, con costi inferiori per la Rai“.

Al contempo, il capogruppo di Forza Italia alla Camera ha domandato se i vertici Rai intendano chiarire i criteri per cui si è deciso di assegnare la produzione dello show alla Fremantlefacente capo a Lorenzo Mieli“, e far luce sulla scelta di affidare la pubblicazione del romanzo vincitore alla Bompiani, “del gruppo Rcs Libri, il cui presidente Paolo Mieli è il padre dello stesso Lorenzo Mieli“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Fabio Fazio
Vigilanza Rai: documento contro il conflitto d’interessi di agenti delle star e artisti-produttori. Fazio avvisato


Roberto Fico
Vigilanza Rai, Fico: «Superare i conflitti di interesse degli agenti delle star»


Roberto-Fico
VIGILANZA RAI, ROBERTO FICO: TETTO AGLI STIPENDI ANCHE PER LE STAR


Roberto Fico, Campo Dall'Orto
STIPENDI D’ORO IN RAI, ROBERTO FICO CONTRO RENZI: “È LUI IL RESPONSABILE”. IN ARRIVO LE NOMINE SUI TG

10 Commenti dei lettori »

1. tinina ha scritto:

8 dicembre 2013 alle 11:20

Anche il programma di Ferrara e quello di Sgarbi facevano ascolti pessimi (tra l’altro sulla rete ammiraglia della Rai) ma non mi sembra che al tempo Brunetta si sia scandalizzato! Inoltre, mentre il programma di Sgarbi è stato sospeso dopo la prima pessima puntata, quello dell’elefantino è andato avanti per qualche annetto!



2. Giuseppe ha scritto:

8 dicembre 2013 alle 11:48

Interessante soprattutto quel rilievo di Brunetta relativo alla famiglia Mieli, la cui rappresentanza nelle trasmissioni Rai è già da tempo ben garantita da Paolo Mieli, nel ruolo di storico e politologo sempre accuratamente schierato dalla parte dei Benpensanti realmente al comando del nostro Bel Paese.

Naturalmente l’assegnazione della produzione di Masterpiece alla Freemantle è una coincidenza puramente accidentale. Suppongo…



3. faboulous ha scritto:

8 dicembre 2013 alle 11:48

aspetto lamentele anche sulle prime serate di vespa e su virus,confermatissimo,nonostante la media del 3/4%



4. Gianluca ha scritto:

8 dicembre 2013 alle 12:45

Gravo faboulous, mi trovi totalmente d’accordo. Vespa non viene toccato perchà, nonostante, molto vicino a Berlusconi?
E, guarda caso, anche Virus, che fa ascolti pessimi, con quel bauscia di Porro, vice-direttore del Giornale, non viene attenzionato, come mai?
Che il caro Brunetta sia leggermente di parte? Nanetto cattivo!



5. Marco89 ha scritto:

8 dicembre 2013 alle 12:51

Le considerazioni di Brunetta, anche se di parte, sono spesso interessanti pur trovandolo antipatico e spocchioso.
Logico che difenda e non attacchi certi numeri: io stesso ritengo insufficienti gli ascolti di Vespa in relazione al suo stipendio e lo vorrei fuori da Raiuno ( soprassediamo su Virus…) ma mi sembra utopico pensare che ogni politico si metta a criticare la propria banda politica, non lo fa praticamente nessuno, perchè aspettarcelo da Brunetta? Sappiamo benissimo come la pensa, non si nasconde. Credo invece sia più utile farsi un’idea di ogni affermazione che viene fatta, contestualizzarla e costruirne poi le proprie considerazioni personali. Le cose che dice Brunetta comunque non sono da buttare, poi la parzialità è un altro discorso, non mi sembra esista da adesso, in nessun settore e in nessun ambito. Va analizzato il contenuto, il merito, e non sempre il contorno, mettendo da parte la politica. Sennò saremo di parte anche noi.



6. gionny82 ha scritto:

8 dicembre 2013 alle 13:19

Xke non ci va lui a fare un programma a gratis… avrà mica paura di fare un nano share?



7. Marco Leardi ha scritto:

8 dicembre 2013 alle 17:11

@faboulous e @Gianluca. Le prime serate di Vespa non hanno costi esorbitanti ma Brunetta, in ogni caso, se l’era presa anche con Bruno. “i milioni di Fazio sono come quelli di Vespa” disse.

A mio giudizio Virus è un programma ben fatto, non urlato e certamente non fazioso. Gli ascolti non sono esaltanti, ma siamo alle solite: possibile che il solo Auditel basti a promuovere o bocciare una trasmissione?



8. Erica ha scritto:

8 dicembre 2013 alle 18:25

Esperti di Tv che non conoscono i nomi delle case di produzione, solo su davidemaggio.it.



9. Davide Maggio ha scritto:

8 dicembre 2013 alle 22:03

Erica: carissima, peccato che si tratti di un virgolettato di un’agenzia di stampa ;-) Grazie comunque per la segnalazione.



10. Nina ha scritto:

9 dicembre 2013 alle 10:38

Giuseppe e Marco89: come sempre i vostri commenti sono pertinenti e non vi lasciate trascinare dalla faziosità.

Su Virus: purtroppo non fa grandi ascolti ma Porro è bravissimo, parla sempre di cose reali e interessanti. Peccato che sia penalizzato dai pregiudizi verso i giornalisti del Giornale.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.