25
novembre

FRANCO MISERIA: LA TV E’ FINITA, IL VARIETA’ E’ USCITO DAL PICCOLO SCHERMO PER SEMPRE

Franco Miseria

Coreografo, ballerino e autore, Franco Miseria ha rappresentato un ruolo importantissimo nell’intrattenimento, in particolare della Rai, contribuendo non poco all’ascesa e all’affermazione di personaggi come Heather Parisi e Lorella Cuccarini. Parliamo soprattutto degli anni 80, periodo d’oro, o meglio “fantastico” – giusto per citare uno dei più celebri programmi d’intrattenimento dell’epoca – per il varietà della tv di Stato. Un periodo che a detta di Miseria, contattato da Adnkronos, è ormai finito per sempre.

“Secondo me la tv è finita. Il grandioso varietà di un tempo è uscito dal piccolo schermo per sempre e l’infotainment spesso è un minestrone che non fa bene, né intrattenimento, né informazione, anzi diciamo pure che capita anche che sia mandata in onda vera e propria disinformazione e parlo a ragion veduta”.

Una disinformazione che lo ha visto recentemente “vittima”. Miseria manifesta, infatti, grande “delusione” per la puntata de La Vita in diretta dell’8 ottobre scorso, quando sono state ripercorse le vite professionali di Parisi e Cuccarini, senza neppure citarlo.

“…come se io non esistessi, ed invece quel lavoro mi appartiene totalmente”

Il coreografo, il cui ultimo impegno in tv risale al 61° Festival di Sanremo, dove riuscì nella “storica” impresa di far ballare Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis, non si ritrova più nella tv di oggi, e punta in particolare il dito contro il servizio pubblico.

“La Rai pur facendosi pagare il canone, non offre programmi che possano formare i giovani, dar loro occasioni valide. Ci sono per fortuna rarissime eccezioni, come è il caso del recente talent sugli scrittori Masterpiece su Rai 3, davvero il benvenuto considerato che i presentatori televisivi negli ultimi 30 anni hanno fatto fuori gli autori che ora, quindi, scarseggiano. O come è il caso del talent Amici su Canale 5 senza il quale tanti ballerini si darebbero proprio all’ippica, senza alcun altro modo per farsi conoscere”.

Miseria critica severamente anche l’esternalizzazione di numerose produzioni tv.

“E’ cambiato tutto e sono stati fatti tanti errori, come quello di delegare a produzioni esterne la maggior parte degli spettacoli di intrattenimento, cosa che, non solo ha aumentato i costi, ma ha lasciato ai margini grandi professionalità interne. Mi sembra proprio che al momento non ci siano persone in grado di gestire al meglio l’Azienda. Quanto poi al balletto, è stato praticamente eliminato, pur essendo un’arte in cui l’Italia ha molto da dare. La Rai, su certi fronti, si è messa proprio a fare il fanalino di coda di Mediaset.”

Vista la delusione per l’attuale tv, il coreografo, attualmente impegnato a teatro con il musical Cinecittà, che ha per protagonista Christian De Sica, starebbe pensando di realizzare una “propria tv”.

“Per ora è solo una fan page lunga 1.345 persone sul mio profilo Facebook, ma presto potrebbe diventare molto di più. Sono il direttore artistico del Laboratorio Arteinscena del Politeama Pratese e del Teatro Manzoni a Cassino insieme a Erminia Veglia e ho due scuole a Roma, il Centro Studi Musical e Danza Incontro. Grazie a questo ho avuto modo di conoscere tanti ballerini sordi ai quali insegna Ambra Bianchini e vorrei dar loro l’opportunità di mostrare il loro talento. Se una persona non sa che si tratta di danzatori non udenti, non potrebbe mai capirlo, ma finora non hanno avuto modo di esibirsi a Teatro e in tv solo in tardissima serata. Ma nella mia tv potrei dar loro spazio: sto pensando ad una diretta streaming dal mio sito su cui sto lavorando proprio in questi giorni”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Lilli Gruber
GRAFFITI, 9 – 18 MARZO: GRUBER VS LIGUORI, IL FLOP DI MASSIMO LOPEZ, MARIA DE FILIPPI IN RAI?


Giorgio Panariello
DATEMI UN VARIETA’ E SOLLEVERO’ GLI ASCOLTI


Fiorello
FIORELLO: QUASI FATTA PER GIORGIA, JOVANOTTI E BUBLE’. LADY GAGA? ‘IL LUNEDI HA IL PODOLOGO’


Fiorello
FIORELLO: DA SETTEMBRE IN RAI, LA DOMENICA E IL LUNEDI, UNA VOLTA AL MESE.

3 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

25 novembre 2013 alle 15:08

Semplicemente il coreografo di Heather Parisi…



2. Marcourli ha scritto:

25 novembre 2013 alle 18:18

Gli anni d’oro della Tv pubblica e privata.
1978-1988



3. Fabio_Di V ha scritto:

25 novembre 2013 alle 22:09

Non concordo in tutto… Anche Sanremo è un varietà ed è rimasto, così come anche “Tale e quale show”. Ultimamente ce ne sono stati anche altri, vedasi il varietà di Fiorello… Vero che sono stati fatti errori, che sono cambiate molte cose, che purtroppo è stato eliminato il balletto in tv che era un momento adorato (da me)…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.