22
ottobre

LA VITA IN DIRETTA: UN PROGRAMMA “SEXY”

Paola Perego

Quando, dopo aver trangugiato una “carbonara sbagliata” e un calice di vino bianco per mandarla giù, ci siamo sintonizzati alle 15.20 su Rai1 temevamo di imbatterci in una composizione pittorica di Degas, segnata da quella melanconia e da quei colori freddi che, in un certo senso, costellano il nostro pomeriggio televisivo con pagine di cronaca nera e testimonianze drammatiche. Ed è per questo che, nell’udire l’intro a suon di “Sex bomb” e nel vedere la mise attillata e sensuale di Paola Perego, ci siamo resi conto che il Degas era diventato un Pollock, con le sue tinte accese e vibranti, rendendo l’inizio de L’Italia in Diretta, il primo segmento di Vita in diretta, sexy e accattivante.

Ce ne accorgiamo dalla rinnovata intesa fra Paola Perego e Franco Di Mare, che non perde occasione per sottolineare l’inconsueto look della conduttrice con particolare attenzione ai “jeans acchiappa-pubblico”, per poi sollevare una delicata questione: cosa deve fare un programma e, di conseguenza, una persona per essere sexy? Certo, dalla sensualità al tradimento il passo è davvero breve ed è qui che la Perego si mostra come la perfetta padrona di casa di un dibattito equilibrato e moderno intorno al tema scelto per aprire la trasmissione. Sandra Milo e Azzurra Della Penna in studio e Vittorio Sgarbi in collegamento sono lì per dire la propria in merito, non senza l’incursione della conduttrice fra il pubblico, spesso detentore di verità e pensieri ben più saldi degli ospiti canonici.

Certo, l’adulterio e il possibile perdono sono di per sé argomenti prettamente attuali e mai démodé, come dimostrano i contributi video che ripercorrono i triangoli amorosi oltreoceano come Clinton-Hillary-Lewinsky o Kennedy-Jacqueline-Marlyn, e italiani come Fogli-Valentino-Pravo e Pupo-Anna-Patricia. Il tutto viene affrontato con grande garbo e compostezza, bippando il “c@zzo” uscito dall’intemperante De Martino nel servizio di Max Lazzari e lasciando spazio alle riflessioni di uno Sgarbi stranamente pacato e ben posto verso il dialogo. Sarà che è più facile domare la sua vis polemica in collegamento, ma il critico d’arte ha dato una lezione di grande intelligenza, affermando di come “le donne compiono un tradimento per rivalsa e gli uomini per se stessi”. Il climax è perfettamente regolato e, dal perdono per un’infedeltà, si passa ai trucchi per non far naufragare un matrimonio. Se è vero che la raison d’etre della televisione è riflettere ciò che la gente desidera vedere a mo’ di specchio, non certo quello stendhaliano bensì quello turpe e veridico dei nostri bagni, allora siamo convinti che il tradimento e la sensualità continuano ad ossessionarci malgrado le epoche e la tecnologia, trovando nel salotto tv la giusta maniera per aprire una scatola mai del tutto riposta in mansarda. La vita in diretta è riuscita, così, a regalarci, grazie all‘ironia della Perego e alla compostezza dei suoi ospiti, tre quarti d’ora piacevoli e interessanti, almeno fino al servizio di Franco Di Mare sulle cause misteriose della morte di Daniele. E’ proprio a questo punto che Pollock diventa Degas e il cerchio si ripete.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


DM_live 10 Marzo 2011
DM LIVE24: 10 MARZO 2011. MARIA CARMELA SI CHIEDE: ‘COSA SI FANNO GLI UOMINI SUL PISELLINO?’


Federica Angeli
Rai, giovedì 16 novembre staffetta tv per i giornalisti minacciati


La Vita in Diretta
La Vita in Diretta: arriva il tavolo con pasticcini e bevande


Fabio Fazio
Pagelle TV della settimana (9-15/10/2017). Promosse Antonella Elia e Simona Izzo. Bocciati gli alibi di Che (Fuori) Tempo Che Fa

9 Commenti dei lettori »

1. Alessandro ha scritto:

22 ottobre 2013 alle 18:04

E’ vero, la Perego con quel look oggi era DA URLO *____*

Il talk iniziale è sempre dedicato ad argomenti leggeri ed è generalmente gradevole, forse ci sarebbe da variare di più il parco opinionisti! ;)
A me personalmente piacerebbe vedere più interviste one to one magari ad attori/conduttori in promozione.

Piccola postilla: la giornalista di Chi si chiama AZZURRA, non Alessandra.



2. Mario Manca ha scritto:

22 ottobre 2013 alle 18:12

Corretto! Grazie mille ;)



3. Markos ha scritto:

22 ottobre 2013 alle 18:16

Questi tipi di argomenti sono tipici de Le Amiche del Sabato…mi stupisco che vengano “affrontati” temi così importanti anche nei giorni feriali :D



4. Markos ha scritto:

22 ottobre 2013 alle 18:17

Adesso stanno riciclando un servizio dell’anno scorso (anche se l’argomento rimane attualissimo)



5. Hammer ha scritto:

22 ottobre 2013 alle 20:09

Ahahah ovviamente questo blog scrive di quanto sia stupenda questa vid versione paola presta…



6. lola ha scritto:

22 ottobre 2013 alle 21:32

paola è una grandissima conduttrice e il programma migliora di giorno in giorno



7. zopla ha scritto:

22 ottobre 2013 alle 23:49

Programma trash, inguardabile, la Perego e` peggio della pessima Venier, che almeno qualche volta fa ridere, dopo Sposini questo programma e` il buio!



8. tvtv ha scritto:

23 ottobre 2013 alle 11:34

Paola Perego è fredda, incapace, per nulla sexy.
la vita in diretta la peggiore edizione di tutti i tempi.



9. Gianni ha scritto:

25 ottobre 2013 alle 12:07

Una trasmissione mortifera e soporifera.
In mano a una Perego che è il pallido ricordo di quella che tutti amavamo a Forum.
Il sospetto che ho è che il mio amore verso la Perego fosse tutto dovuto al suo aspetto fisico!
Vederla oggi così, vestita non solo male e copertissima ma anche con un pessimo busto (a base di pantaloni da centro sociale, tronchetti da tedesca malvestita, giacchetti di pelle da fattona questuante) mi fa solo pena.
La Rai le vieta qualunque accenno di sensualità e di lei rimane poco o niente. Solo la Venier alla Domenica ti comunica ancora più miseria e tristezza col suo studio lucubre e neanche un ombra di svago o allegria.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.