9
luglio

CHI LASCIA LA STRADA VECCHIA PER LA NUOVA…

La Sai l’Ultimissima @ Davide Maggio .it

Un sonoro 22,89% di share con una replica della replica!

E’ stato questo il risultato del prime time di sabato scorso di Canale5. 

Un risultato che, volendo andare oltre l’euforia del risultato in sè per sè, fa riflettere.

La Sai l’Ultimissima, infatti, altro non è che il “Meglio di” dei 10 gloriosi anni di programmazione de “La Sai l’Ultima”, vero e proprio cult della nostra televisione, partito sabato 4 luglio 1992 quando la prima serata iniziava ancora alle 20.30.

Una replica della replica, insomma, che, a costo zero, ha portato a casa un ennesimo, soddisfacente risultato.

L’ennesimo caso che stimola alcune semplici considerazioni.

Ultimamente capita spesso e volentieri di parlare, in termini assolutamente entusiastici, di vecchie glorie della tv del passato e, altrettanto spesso e volentieri, è chiaramente percepibile una vera e propria nostalgia nei confronti di quella televisione che, ora come ora, non si produce più.

Ad animare, infatti, gli spiriti dei produttori di oggi c’è quella che oserei definire una “caccia al format” quasi ossessiva che se da un lato è meritevole di portare alla ribalta anche nel nostro paese dei programmi cult a livello mondiale, dall’altra ha il grosso difetto di affossare dei geni televisivi nostrani che hanno saputo ideare prodotti destinati ad entrare nella storia della nostra tv ma soprattutto hanno avuto lo straordinario potere di far breccia nel cuore dei telespettatori.

Badate bene, non credo che un programma debba andare avanti all’infinito per il semplice fatto d’essere foriero di ascolti ragguardevoli.

Come per ogni cosa è necessario che venga adattato per rispecchiare i gusti, per forza di cosa evoluti, del pubblico.

Ma questo non significa che debba essere necessariamente soppresso il vecchio in favore del nuovo che molto spesso non riesce a eguagliare. 

E soprattutto non capisco perchè menti televisive straordinarie debbano trovare meno spazio per l’avanzata galoppante di format stranieri, spesso deludenti.

Quelle stesse menti che non solo hanno saputo ideare programmi indimenticabili ma che sono riusciti a traslare in Italia programmi stranieri riuscendo perfettamente nella delicata opera di adattamento di cui parlavo alcune righe più su.

Come non ricordare la straordinaria Fatma Ruffini, il mitico Gigi Reggi, l’indimenticabile Signor No (Ludovico Peregrini), il compianto Illy Reale solo per citarne alcuni.

In Italia avremmo lo straordinario privilegio di poter inventare in casa dei format da esportare o di riadattare in maniera eccellente format storici che non potrebbero non trovare, anche oggi, un seguito di aficionados.

L’unico segno dato in questa direzione è stato il recente acquisto da parte di Endemol dei diritti per l’Italia de “La Ruota della Fortuna” la cui edizione rinnovata sta riscuotendo, com’era prevedibile, successi clamorosi in paesi come la Francia e la Spagna.

Scordammoce ‘o passato? Nemmeno per idea!



Articoli che potrebbero interessarti


La Sai l'Ultima (Lorella Cuccarini) @ Davide Maggio .it
LA SAI L’ULTIMA TRA BUFALE GIORNALISTICHE e NOVITA’ DELLA NUOVA EDIZIONE!


Ezio Greggio e Romina Pierdomenico - La Sai l'Ultima?
La Sai l’Ultima?: un’inutile «Digital Edition»


Proietti e Greggio
La Sai L’Ultima?: Greggio punta su Gigi Proietti, Malgioglio e Altafini per la seconda puntata


Pippo Franco Pamela Prati
La sai l’ultima?: 10 curiosità sullo storico varietà di Canale5

19 Commenti dei lettori »

1. silvia78 ha scritto:

9 luglio 2007 alle 16:18

anche se mi sono stufata di vedere repliche su repliche ( come ho gi avuto occasione di dire..) sabato dando unocchiata ai palinsesti tv mi sono ritrovata a guardare lunica cosa decente ossia la sai lultima…..come me penso altre persone….. concordo pienamente con ogni parola da te scritta.



2. Riccardo81 ha scritto:

9 luglio 2007 alle 17:20

Le repliche piaccono!!! sopratutto il sabato notte con “”Ieri & Oggi in tv special”" di Paolo Piccioli, a “”Sai lultima”" hanno partecipato tutti i protagonisti di due trasmissioni cult degli anni 80 “”Drive in”" e “”Il pranzo è servito”", un passato da non dimenticare!!!



3. Lele ha scritto:

9 luglio 2007 alle 17:29

Chi lascia lEstrada vecchia per la nuova… :-D



4. lagoblu ha scritto:

9 luglio 2007 alle 18:28

Personalmente “”La sai lultima”" non mi è piaciuto. Ma sono pienamente daccordo con la tua riflessione. Non per nulla ho apprezzato molto ieri pomeriggio le repliche degli spettacoli della “”Premiata ditta”". Ma che fine hanno fatto i quattro comici? Avanguard… cosa mi dici in proposito?



5. NeroCorvino ha scritto:

9 luglio 2007 alle 18:51

Dai Davide, riportaci il pranzo è servito, Gerry lasci il milionario e R101. Chiss che poi qualcuno non parli di reincarnazione del compianto Corrado nel corpo di Scotti :)



6. Davide Maggio ha scritto:

9 luglio 2007 alle 18:59

@ NeroCorvino : secondo me Il Pranzo è Servito non torner mai piu. Ad essere sincero, tra tutti i programmi cult del passato mi piacerebbe ritornasse La Ruota della Fortuna. Che trovo adattissima ad un preserale.



7. Richard ha scritto:

9 luglio 2007 alle 20:44

Sono daccordo. Non amo molto La sai lultima, ma è vero quello che hai detto. insomma concordo e quoto Lagoblu! Saluti



8. Dynit ha scritto:

9 luglio 2007 alle 22:34

Concordo con quanto scritto e anche sul fatto che probabilmente non torner mai più neanche il pranzo è servito (io sono della nuova generazione quindi non me lo ricordo questo programma :P) però affermo ciò considerando che ormai da tempo canale5 ha rinunciato a fare un programma di mattina sulla falsariga di UnoMattina. Mi ricordo che prima facevano a Tu per tu con la Ruta e la Clerici e poi con Gianfranco Funari. Non era male come programma nemmeno quello…



9. NeroCorvino ha scritto:

10 luglio 2007 alle 01:06

Davide, consentimi un appunto. La Ruota della fortuna, quando fin nel 2004, non fu stoppata bruscamente. Io la seguivo, lho seguita per almeno 10 anni (gli ultimi) e ti assicuro che nelle ultime edizioni era un morto che camminava. Un programma cadavere ormai, con ascolti bassissimi (riusciva a fare anche 800mila spettatori) e solo la tenacia di Mike ormai lo portava avanti. Ricollegandomi a questo post, inoltre, a proposito di repliche ricordo che negli ultimi anni alternavano periodi di messa in onda regolare a periodi di repliche, sempre più lunghi e sempre meno segnalati come tali dalla grafica. Ricordo che lultimo anno si era attestata sui 900mila-1milione e la cosa buffa è che le nuove puntate non facevano neppure in briciolo in più delle repliche… e l saggiamente cominciarono a mandare in onda interi trimestri di repliche :)



10. Davide Maggio ha scritto:

10 luglio 2007 alle 03:05

@ NeroCorvino : si, e assolutamente corretto quello che dici. Per bruscamente intendevo che, proprio per il fatto dessere andati avanti a repliche per molto tempo, non hanno dato comunicazione della chiusura del programma sino a quando gli ascolti non sono diventati davvero troppo bassi. Considera che a mio avviso la rovina della Ruota della Fortuna è stato uno scarso impegno autorale. Le frasi erano diventate davvero poco interessanti e il gioco poco avvincente nonostante le modifiche che se cercato di apportare al programma.



11. Sempreinpista ha scritto:

10 luglio 2007 alle 09:59

Ragazzi, le repliche non costano nulla, riempiono spazi che per colmarli bisognerebbe spendere un sacco di soldi ed ora, vi assicuro visto che ci lavoro, la parola dordine è “”RISPARMIO!”". Oramai non si fanno piu, o quasi, programmi decenti anche perchè il tutto è arrivato ad avere costi improponibili. E la causa di questa situazione è anche, in parte, da addebitare ai capistruttura e ai loro sottoposti, che hanno sempre fatto lavorare amici, ditte di amici e parenti, con prezzi assurdi, per far “”guadagnare”" tutti. Siamo arrivati al punto che una scenografia per una telepromozione “”normale”" costa dai 15 ai 25 mila euro e quindi viene riutilizzata svariate volte mentre prima costava un terzo, se non di meno, e ci si poteva permettere di cambiarla più spesso (ma, anche qui, facendo lavorare sempre i “”soliti”"). Che poi, cretetemi, i soldi non è che non ci siano, anzi! Li spendono tutti i diritti sul calcio, fiction, e…. ritrutturazioni internte. Ad ogni modo, ripeto, come ho scritto nel post sui palinse



12. giuy ha scritto:

10 luglio 2007 alle 10:37

La sai lultima non è che mi piacesse più di tanto…ma perchè non ho mai sopportato lo stile bagaglino, molto finto. Mentre la ruota della fortuna ladoravo…cho pure il gioco in scatola a casa O_o



13. AmicoAscoltatore ha scritto:

10 luglio 2007 alle 13:20

Basta. Io questo programma lo odio! Ma secondo voi fanno ridere quelle barzellette? E Pippo Franco è decisamente stucchevole.



14. Marko ha scritto:

11 luglio 2007 alle 08:37

Non mi è mai piaciuto, lho visto pochissime volte e molte barzellette le conoscevo da anni…..non capisco come abbia fatto ad ottenere quasi il 23% di share con delle replichissime…poi ci lamentiamo di quello che ci propongono in tv….. Personalmente al posto delle repliche di programmi del genere preferisco noleggiare un bel film.



15. Multimedia Player Tv ha scritto:

11 luglio 2007 alle 08:47

La questione è che utilizzano sempre i soliti programmi diventati ormai storici per fare share… io francamente non riesco a guardare oltre la seconda replica… tanto tra un pò tutto questo schifo finir e lascer spazio all On Demand.



16. gryphius ha scritto:

11 luglio 2007 alle 17:50

commento fuori tema, ma ne rendo conto ma la tempestivit è una caratteristica di questo blog. Anna Falchi, lady Finanza, parteciper alla prossima edizione de “”Lisola dei Famosi”".. dicheno…



17. Nickmasies87 ha scritto:

12 luglio 2007 alle 00:22

Io mi sto chiedendo…ma come mai la Rai non prende provvedimenti? Al sabato sera ci sono sempre le solite repliche che fanno da una vita, la principessa Sissi, che viene propinato ad ogni estate, lo stesso tra poco dicasi per Sister Act..insomma, è normale che canale 5 vinca il sabato sera con un programma in replica, non ha nessun competitor che può toglierli il primato.. La Rai potrebbe puntare su repliche di indietro tutta, o quelli della notte, magari opportunatamente tagliate per renderle un programma adatto al sabato sera…non so..oppure una specie di supervariet in prima serata, anche li evitando di propinare ogni santo giorno le scenette di verdone, in particolare quella delle persone che sono state su marte, e quella del servo nero che ha ucciso la donna (quella in cui verdone nella parte del cacciatore chiama a casa e alla fine dice di aver sbagliato numero).. Se qualcuno s dove è Del Noce in vacanza lo vada a trovare, e gli dica di aprire gli occhi mentre i colleghi di Raiuno fanno (o sort



18. Multimedia Player Tv ha scritto:

17 luglio 2007 alle 11:40

A proposito di Rai, ma Desperate Housewife lo fanno questanno?



[...] ne parla da circa due anni ma i successi riscossi dalle repliche delle repliche andate in onda quest’estate, hanno probabilmente convinto i più [...]



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.