9
ottobre

RADIO BELVA: GIUSEPPE CRUCIANI E DAVID PARENZO SU RETE4. EMILIO FEDE INVIATO SPECIALE

Radio Belva - Cruciani e Parenzo

Radio Belva - Cruciani e Parenzo

Sarà il primo esperimento televisivo di anti-talk, il tentativo di demolire per quanto possibile l’artefazione mediatica dell’attualità. Giuseppe CrucianiDavid Parenzoi protagonisti dell’impresa – si sono già attrezzati per l’occasione (vedi foto) e stasera inizieranno a picchiare duro in prime time. L’irriverente coppia di giornalisti presenterà su Rete4 Radio Belva, un nuovo programma d’approfondimento politico (e non solo) che intende riproporre in tv lo stile beffardo e cinico della loro trasmissione radiofonica La Zanzara. Il format è ancora tutto da scoprire, ma una cosa è certa: non sarà il solito dibattito.

Radio Belva – Cruciani e Parenzo svelano il format

Sarà una specie di Fight club del talk show: un fight talk” ha spiegato Cruciani in un’intervista al Giornale, riferendosi al carattere battagliero ed originale che distinguerà la trasmissione. Gli ospiti al centro dello studio saranno, non a caso, protagonisti dell’attualità noti per le loro dichiarazioni ambigue o politicamente scorrette. A metterli sotto torchio ci saranno, oltre ai conduttori, alcuni opinionisti altrettanto effervescenti, quali Maria Giovanna Maglie, Alan Friedman e lo scrittore Mauro Corona. In trasmissione sarà presente anche tribuna di “nuovi mostri”, ossia cittadini comuni molto autentici sia nell’aspetto sia nei punti di vista.

Radio Belva – Emilio Fede inviato speciale

L’obiettivo dichiarato, ovviamente, è quello di far discutere e di aspettare che in studio scatti la “belva”. Cruciani e Parenzo, inoltre, avranno a disposizione un inviato d’eccezione, Emilio Fede, che tornerà su Rete4 dopo il burrascoso addio al notiziario del canale. L’ottuagenario giornalista indosserà i panni del cronista d’assalto, tornando così alle origini, e la sua prima missione sarà quella di infilarsi in una sede di Sinistra e Libertà, il movimento di Nichi Vendola, per intavolare una discussione con i militanti.

Radio Belva – la prima puntata

Il tema della prima puntata sarà il razzismo emerso (sia in un senso sia nell’altro) intorno ai fatti di Lampedusa, con il confronto tra le opinioni più accese al riguardo. Obiettivi d’ascolto? “Ci accontenteremo di stare sopra lo 0,8%. Poco sopra il monoscopio ci basta” ha dichiarato Cruciani in modo provocatorio, ma anche con la consapevolezza che un programma così è tutto da testare sul campo. Con la giusta proporzione tra approfondimento e show.

L’appuntamento con Radio Belva è per stasera, in prima serata su Rete4.



Articoli che potrebbero interessarti


Radio Belva | Giuseppe Cruciani | David Parenzo
RADIO BELVA SOSPESO. PER MAURO CRIPPA TORNERA’ IN ONDA…. SU ITALIA1?


Giuseppe Cruciani, David Parenzo 1
RADIO BELVA SOSPESO. GIUSEPPE FEYLES: HA PRESO UNA DERIVA NON CONDIVISIBILE


Giuseppe Cruciani, David Parenzo
RADIO BELVA, CHE BORDELLO! CRUCIANI, PARENZO E L’INTRATTENIMENTO ALLA CRONACHE MARZIANE


Giuseppe Cruciani e David Parenzo sbarcano su Rete4
RADIO BELVA: GIUSEPPE CRUCIANI E DAVID PARENZO SBARCANO NEL PRIME TIME DI RETE4

4 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 11:23

Che bello, c’è Mauro Corona!



2. aleimpe ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 12:40

Con Fede l’ 0,2 %!!!



3. pollon87 ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 12:44

x 2. aleimpe
E finiamola con questo “razzismo ideologico”! Poi, vedo che nessuno ha notato la presenza FISSA di Alan Friedman (ottimo acquisto per Rete4) nel cast del programma, il che dimostra l’ignoranza totale dei sinistroidi… inoltre, Fede è lì come provocazione in pieno stile di Cruciani e Parenzo: ovviamente voi ci siete cascati in pieno!



4. aleimpe ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 14:42

E nelle prossime puntate a “Radio Belva” sarebbe in arrivo Alessandro di Pietro.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.