8
ottobre

MI MANDA RAITRE: ELSA DI GATI PRAGMATICA, STRIZZA L’OCCHIO ALL’ATTUALITA’. E ARRIVA SILVIA MOTTA (MA CHE C’ENTRA?)

Elsa Di Gati, Mi Manda Raitre

A sentirle di mattina, certe storie di ordinaria ingiustizia ti mandano il caffè di traverso. Ma in tv c’è modo e modo di raccontare le cose, e in tal senso Mi manda Raitre segna un punto a proprio favore. Il programma condotto da Elsa Di Gati, infatti, presenta ogni giorno casi di furberie, vessazioni e truffe all’italiana, provando a tutelare i cittadini in modo concreto e senza spettacolarizzazioni. Per intenderci, non ci sono piazze urlanti o personaggi con la bava alla bocca, ma al contrario il vero protagonista è il confronto verbale tra le parti.

Il merito va attribuito al longevo format della terza rete, ma anche alle innovazioni ad esso apportate in occasione del debutto nel daytime, avvenuto proprio quest’anno. La nuova collocazione, dalle 10 alle 11, ha reso la narrazione di Mi manda Raitre più agile (le lungaggini del prime time avevano fatto il loro tempo) e la scelta di affidare la conduzione ad Elsa Di Gati si è dimostrata coerente in tal senso. La giornalista, infatti, possiede il pragmatismo adatto ai temi trattati e di recente – proprio quando i toni del confronto si stavano accendendo – abbiamo apprezzato il suo invito ad “abbassare i toni e trovare una soluzione concreta“.

Un po’ per tradizione e un po’ per necessità (la concorrenza di La7 di fa sentire), il programma mette spesso in scaletta vicende legate all’attualità. In una fascia oraria ormai conquistata dal talk d’approfondimento, Mi manda Raitre parla anche di crisi, redditometro, Imu, di indebiti pensionistici, stalking… I protagonisti delle storie e gli esperti presenti in studio a loro sostegno, tuttavia, non sono dei vip e questo punto segna la differenza con Coffee Break, il diretto competitor della rete terzopolista. Tra i due programmi la sfida è aperta e il duello degli ascolti è serrato.

A proposito di ascolti tv, è di ieri la novità di un intervento a fine puntata da parte di Silvia Motta, la  commentatrice degli ascolti di TvTalk. Ogni giorno, dopo aver parlato ad Agorà, l’analista comparirà anche a Mi manda Raitre per commentare i dati Auditel della giornata precedente. Una trovata, questa, che stentiamo a comprendere: come si spiega, infatti, la disamina tecnica sulle curve d’ascolto e sulle percentuali di pubblico in un programma da sempre dedicato a tutt’altro argomento?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Mi Manda RaiTre
MI MANDA RAITRE: DAL 6 SETTEMBRE LA NUOVA EDIZIONE CON SALVO SOTTILE


Elsa-Di-Gati
MI MANDA RAI3 RINASCE IN VERSIONE QUOTIDIANA CON ELSA DI GATI


Elsa Di Gati
RAI – PALINSESTI AUTUNNO 2013: CONFERMATO MISSION SU RAI1, RITORNA MI MANDA RAI3


Serena Bortone
Rai3, debutta il nuovo daytime. Ad Agorà c’è Serena Bortone, Chi l’ha visto? anticipa, Quante Storie riparte con Sgarbi

1 Commento dei lettori »

1. Gianni ha scritto:

9 ottobre 2013 alle 12:23

Non ha senso.
Per puro caso i sono trovato davanti alla tv proprio in quel momento. Non posso seguire la trasmissione per l’orario ma leggevo in basso “Mi manda Rai3″ e non capivo il nesso.
Sulle prime ho pensato che avessero scoperto qualche magagna nei dati auditel ma era solo un siparietto inutile.

Da domani si collegheranno con Paolo Fox! :P



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.