6
ottobre

LE AMICHE DEL SABATO: IL POMERIGGIO DAL “LATO UMANO”

Lorella Landi

Tutti, oggi, cercano l’emozione. La cerca l’adolescente, ansiosa di vedere Rush non tanto per ammirare la storica rivalità fra Lauda e Hunt, quanto il sorriso sprezzante di Chris Hemsworth. La cerca la directioner, disposta a sopportare ore di fila pur di accaparrarsi l’ultima copia della biografia di Harry Styles. La cerca Simona Ventura, interessata all’umiltà e alla pancia dalle esibizioni consumate sul palco di X Factor, e, naturalmente, la cercano i talk show del piccolo schermo, decisi ad abbandonare il linguaggio freddo e macchinoso dei telegiornali per arrivare dritti al cuore del telespettatore. E in questo, Le Amiche del Sabato non può che ritenersi vincente.

Il contenitore informativo del sabato pomeriggio condotto da Lorella Landi mira proprio a questo: a emozionare, nel bene o nel male, il pubblico della prima rete Rai confezionando servizi e raccogliendo testimonianze che vadano dritte nel segno. Sarà per questo che, dopo una brevissima parentesi dedicata alla tragedia di Lampedusa, si vira immediatamente all’argomento che, in questa settimana, ha più colpito il mondo dello spettacolo italiano: la scomparsa di Giuliano Gemma. L’intervista esclusiva alla figlia Vera non basta, ed è così che lo studio accoglie immediatamente un carosello di “amici” e, soprattutto, di “amiche”, accorse per ricordare la star degli spaghetti western prima di commuoversi per la morte del regista Carlo Lizzani, annunciata in diretta dalla conduttrice.

Ma l’emozione non può esaurirsi solo dietro gigli bianchi e pesanti catafalchi. La vita è fatta di lacrime e sorrisi e noi, in questo momento, vogliamo portare un sorriso sia qui in studio che a chi ci guarda da casa” sottolinea la Landi passando subito dalle lacrime per Gemma e Lizzani a quelle degli invidiosi delle coppie di quest’estate: Corradi e Santarelli, Boateng e Satta, Pellegrini e Magnini e, naturalmente, Belen e Stefano (mentre lui è ospite dal dirimpettaio Verissimo). Scopriamo, quindi, che, alle fantomatiche nozze dell’anno, la Santarelli non ha rinunciato al tacco e che la Canalis ha mangiato divinamente. E’ tutto molto bello, ma non sarà un tantino fuori tempo?D’altronde l’emozione non dorme mai e, dagli amori ritrovati ai naufraghi più chiacchierati, non quelli del Titanic e della Concordia, bensì quelli fra Monica Bellucci e Vincent Cassel e fra Raoul Bova e Chiara Giordano, il programma prosegue rapido e indolore, alternando reportage e interviste senza prendere fiato. Dopotutto è sabato pomeriggio e chiunque vorrebbe allentare le redini della proprie tribolazioni per sorridere alle battute di Roberto Alessi, scoprire i retroscena svelati da Silvana Giacobini e cantare i successi di Sergio Caputo… o no?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Scomparsa - Vanessa Incontrada
Scomparsa: Rai 1 vince facile con la «solita» Vanessa Incontrada


La Strada di Casa - Alessio Boni
La Strada di Casa: Alessio Boni emoziona, la storia è forte e coinvolge


Rosy Abate - La Serie
Rosy Abate riporta in scena il meglio di Squadra Antimafia


Le Tre Rose di Eva 4
Le Tre Rose di Eva sono tornate davvero

4 Commenti dei lettori »

1. Luna90-ILovePaolaPerego ha scritto:

6 ottobre 2013 alle 09:54

Gobbona trash ahah



2. morescano ha scritto:

6 ottobre 2013 alle 10:47

programma da cancellare, per rispetto degli uomini che pagano il canone.
oppure facciano anche “gli amici del sabato”

ma ormai il perbenismo femminista impera



3. Luna90-ILovePerego ha scritto:

6 ottobre 2013 alle 12:01

@morescano voi la supremazia l’avete avuta da quando è nato il genere umano fino alla metà del 1900. Adesso, finalmente, spazio alle donne.



4. IL MIO REALITY ha scritto:

6 ottobre 2013 alle 21:50

Questa conduttrice è imbarazzante. Retorica, approssimativa, insicura, scontata…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.