30
settembre

GINNASTE VITE PARALLELE: LA TERZA STAGIONE SU MTV. LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Ginnaste - Vite Parallele

Avete presente certi ragazzi di Amici di Maria De Filippi, quelli che quando parlano avreste voglia di tirargli un paio di sberle educative? Cancellateli e immaginate invece dei ragazzi che parlano con quell’educazione e quel rispetto a cui quasi non siamo più abituati. Sono gli atleti adolescenti protagonisti di Ginnaste – Vite Parallele, il docureality di MTV, prodotto dalla Fremantle Media la cui terza stagione andrà in onda dal 28 ottobre alle 16:00. Un programma che è assolutamente innovativo per il panorama televisivo italiano e che è stato subito premiato dal pubblico.

La storia è quella degli atleti della nazionale italiana di ginnastica artistica, raccontata in presa diretta, con il solo supporto di una voce narrante. Ragazzi che si allenano tutto il giorno e che, nel poco tempo libero, dopo aver fatto i compiti, cercano di vivere delle “normali” vite da adolescenti. I divertimenti, pochi in realtà, i primi amori, gli scherzi, i “mi piace” su facebook. Le uniche polemiche sono quelle sane con gli allenatori perchè lo sport è rigore e sacrificio e questi ragazzi non lo possono dimenticare. Il loro obiettivo sono le Olimpiadi. Per pensare al futuro dopo la ginnastica è troppo presto. E anche per pensare a difficoltà, stanchezza o sofferenza. “Quando pensi alle Olimpiadi tutto passa in secondo piano”.

Questa è la risposta che all’unisono ci hanno dato in conferenza stampa – che si è tenuta durante il Roma Fiction Fest -, dove abbiamo incontrato 5 dei protagonisti della terza stagione. L’ormai conosciuto Nicola Bartolini e poi Filippo Landini, Marco Sarrugerio, Elisa Meneghini, Alessia Praz, i nuovi atleti entrati nella squadra. La sensazione è di avere davanti cinque adolescenti consapevoli del successo che hanno ottenuto ma che, con un po’ di ingenuità, non hanno ben chiaro il motivo per cui siamo interessati a fargli delle domande. Abbassano gli occhi, si sorridono, si intimidiscono. La domanda se si sono montati la testa dopo il successo l’abbiamo fatta, ma è stata assolutamente superflua. Per niente. “Con le persone che guardano il programma, fai foto, autografi e non fai la persona viziata” è la risposta del veterano del programma Nicola Bartolini, il meno intimidito dai giornalisti.

Alessia ed Elisa sono andate ad allenarsi a Milano e da spettatrici di Ginnaste, “non ne perdevamo una puntata“, si sono ritrovate a esserne protagoniste, “ci siamo abituate abbastanza subito alle telecamere“. Nella prima puntata della terza stagione vedremo Alessia alle prese con un po’ di problemi con Paolo, il suo nuovo allenatore “era una nuova esperienza, appena arrivata mi sono subito allenata con Paolo e Claudia. Pian piano però mi sono adeguata ai nuovi ritmi e ai nuovi allenamenti“. La severità fa parte del “gioco”. “Siamo lì per un motivo“, dice Nicola “ognuno ha le proprie idee, capita che sbagliamo entrambi“. “Loro lo fanno per aiutarci a migliorare“, gli fanno eco Alessia ed Elisa.

Di televisione invece ne guardano poca. A Nicola piacciono I Simpson e vorrebbe conoscere Scrillex, un dj. Marco punta invece a conoscere Rihanna, mentre Elisa si mantiene su un classico degli adolescenti di oggi, Fedez. E poi ci hanno raccontato della loro vita con le telecamere. “La nostra vita è faticosa, ma le telecamere sono state uno stimolo“, dice Nicola, “la sera quando si spengono, andiamo a dormire e poi le rivediamo la mattina per il risveglio”. Poco tempo per altro. “La libertà tra virgolette“, dice Nicola, questa è la cosa che a volte invidiano ai loro amici non atleti. Amici però sono anche i loro compagni di squadra. “L’amicizia è importante, è importante avere il sostegno dei compagni anche negli errori“, dice Marco, che il suo momento brutto lo ha vissuto l’anno scorso, quando per un infortunio ha dovuto rinunciare agli Europei Giovanili di Montpellier. E il rapporto con gli antagonisti nei campionati italiani con cui poi invece diventano compagni di squadra in Nazionale? “Noi ci conosciamo tutti da anni, quando si sta in Nazionale la competizione sparisce“, ci racconta Nicola, riconoscendo comunque che la ginnastica lo ha reso più competitivo.

I ragazzi che ci guardano spero che sappiano che devono lavorare per arrivare ai nostri livelli“, è ancora Nicola a pronunciare questa frase che un po’ racchiude il senso di tutto il programma. A questo punto non resta che vedere come i ragazzi si prepareranno alle importanti gare che li attendono quest’anno, a livello nazionale, con le finali del campionato italiano e i campionati assoluti, e a livello internazionale, con gli Europei di Mosca, i Giochi del Mediterraneo, i Mondiali di Anversa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Outlander
Outlander 3: su Fox Life continua il viaggio nel tempo di Claire Randall


NARCOS_3
Narcos 3 su Netflix: il Cartello di Cali è il nemico da sconfiggere – Trama e anticipazioni


Narcos 3
Narcos: la terza stagione da venerdì 1° Settembre 2017 su Netflix. Ecco il trailer


POTRO_SS3_MR
Super Shore all’Italiana: il cast

1 Commento dei lettori »

1. Dasmix ha scritto:

30 settembre 2013 alle 13:55

Si scrive Skrillex regà



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.