24
settembre

FIORELLO E IL TITOLO SHOCK CHE CIRCOLA SUL WEB

Dal profilo Twitter di Fiorello

Gran parte delle testate giornalistiche si dota di una figura che ha un compito preciso e di grande importanza: il titolista. Sul web è un po’ diverso, ma anche qui un articolo scritto benissimo avrà poche probabilità di essere letto se il titolo è poco accattivante mentre, se il titolo cattura l’interesse, anche un pezzo meno forte desterà attenzione. Quando poi al centro del discorso c’è un volto noto come quello di Fiorello, ogni cosa è già potenzialmente notizia e bisognerebbe andarci cauti.

Edicola Fiore e le parodie su Berlusconi

Lo showman siciliano, che resta uno dei personaggi di spicco della tv italiana anche se dalla tv manca da un bel po’, in queste ore sta facendo i conti con un articolo che lo riguarda e il cui titolo shock colpisce la sua immagine e attualizza un passato lontano di cui non ha neanche più senso parlare. Ma ripercorriamo i fatti.

Il 18 settembre 2013 Fiorello pubblica sul suo sito un video messaggio di Silvio Berlusconi doppiato da lui e il giorno dopo, durante l’Edicola Fiore, insieme ai suoi intona la parodia dell’inno di Forza Italia, immaginando goliardicamente come potrebbe diventare in occasione del rilancio del partito. La cosa non piace a Vittorio Feltri che, durante L’aria che tira a La7, si dice deluso dal comportamento di Fiorello visto che il primo filmato per lui era “volgare e meschino“. Poi, dalle colonne de il Giornale, dice che “quando Fiorello era schiavo della droga, pieno zeppo di cocaina, e rischiava di scomparire, nessuno di noi ha osato colpirlo alla schiena né al petto“.

Fiorello e il titolo fuorviante sul web

Fiorello dapprima la prende sul ridere, poi non commenta oltre, almeno fino a ieri. Quando, a distanza di quattro giorni, Libero.it titola in prima pagina: “Shock Fiorello: “Pieno zeppo di cocaina”. Come se fosse una cosa accaduta oggi, senza riferimenti alla polemica con Feltri o al contesto della frase, in qualche modo lasciando ai lettori il rischio di non approfondire e convincersi di una cosa che non è.

L’equivoco ha portato il diretto interessato a sfogarsi su Twitter e a segnalare l’accaduto ai suoi followers, il che ha riaperto la polemica e scaldato gli animi, aprendo uno scenario politico che non è il fulcro del problema. Fermo restando che non è una banale querelle a cambiare il senso di un personaggio che è tale come pochi altri, indipendentemente dalla bandiera e dai propri giudizi, bisognerebbe ricordare che l’abito non fa il monaco ma il titolo fa la notizia. E che distogliere l’attenzione dal discorso principale, invece di sottolinearlo lo banalizza.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Fiorello
Fiorello chiude l’Edicola. Allo studio un nuovo varietà in seconda serata


Vittorio Feltri, In Onda
In Onda, Vittorio Feltri scatenato: «Io me ne frego dei migranti, me ne sbatto proprio» – Video


Murale Fiorello Vigna Clara
Edicola Fiore: il cast geronto-comico (con qualche intruso) di Fiorello e Meloccaro


Edicola Fiore, Fiorello
Fiorello riapre la sua Edicola: “Siamo qui per regalare buonumore”. Show per le vie di Roma (guarda tutti i video)

9 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

24 settembre 2013 alle 14:44

E’ una cosa bruttissima, ma è in uso sulla carta stampata da molto tempo. Specialmente nei giornali locali.



2. comare ha scritto:

24 settembre 2013 alle 14:47

Solo due parole: “Che schifo”. Mi vergogno per loro.



3. pig ha scritto:

24 settembre 2013 alle 14:58

Peccato che Fiorello se la sia presa col quotidiano di Belpietro facendo una gaffe. Quella notizia l’ha riportata il sito “libero.it” mentre il sito del quotidiano di Belpietro è “liberoquotidiano.it”



4. border_mind ha scritto:

24 settembre 2013 alle 16:36

Fanno vomitare, ma da molto tempo. Vabbeh, ne siamo perfettamente a conoscenza. Se non avessero gli sporchi finanziamenti pubblici (noi paghiamo per sto schifo) sarebbero gia falliti da un pezzo.



5. Giancarlo ha scritto:

24 settembre 2013 alle 17:07

Marchio di fabbrica de “il giornale” e “libero”



6. Tyrael87 ha scritto:

24 settembre 2013 alle 17:34

è Libero il PORTALE che una volta si chiamava IOL non il QUOTIDIANO di Feltri. comunque non è la prima volta che succede, fanno sempre titoli sensazionalistici fuorvianti. è buono giusto per la casella mail (ce l’ho da 13 anni ormai), tutto il resto è feccia.



7. Nina ha scritto:

24 settembre 2013 alle 17:35

…fatto quotidiano,unità, repubblica.



8. bruna ha scritto:

24 settembre 2013 alle 18:26

è vergognoso!!!! anke perché Fiore non si è mai schierato e prende in giro tutti cmq il Fatto è l’unico grnale ke lo ha difeso.. …..



9. Marta ha scritto:

24 settembre 2013 alle 18:57

Il problema non è il titolo dell’articolo. Fiorello ha fatto una gaffe, confondendo il quotidiano Libero con il portale Libero, contestando dunque non il titolista ma la notizia lanciata da un giornale che lui credeva di destra. In pratica, ha sbagliato lo screenshot, ma penso che a tutto pensasse fuorché ad un titolo fuorviante.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.