9
settembre

LA NUOVA VITA IN DIRETTA HA IL SAPORE DEL TG

La Vita in Diretta

La vita in diretta

Anche se il programma quotidiano di infotainment Rai negli anni ha cambiato nome diverse volte, possiamo dire che La vita in diretta esiste dal 1991 e fa compagnia ai telespettatori tutti i giorni fin da allora. Tuttavia, sentendone il titolo, oggi come oggi viene in mente soprattutto il sorriso di Mara che fino a ieri accoglieva i suoi ospiti nel salotto così caldo e familiare.

E lo sa Paola Perego (qui la nostra intervista), neo conduttrice, che ha voluto cominciare questa avventura proprio insieme a Mara Venier, in un passaggio di testimone che ha fatto un po’ di pubblicità alla Domenica In a cui la bionda tornerà a breve. Più che altro è probabile si volessero far abituare i telespettatori piano piano alla sua assenza, per non traumatizzarli troppo visto il cambiamento che sentimentalmente si annunciava epocale. E un po’, diciamoci la verità, lo è (ma in fondo lo sapevamo già).

La nuova edizione de La Vita in diretta comincia più veloce, con il segmento Italia in diretta (non più Buon Pomeriggio) in cui la Perego e l’altra new entry, Franco Di Mare, lanciano gli highlights con le notizie principali che si discuteranno nel pomeriggio e che sanno di titoli di testa del telegiornale. Ed infatti la principale differenza col passato sta nel taglio più giornalistico della trasmissione, che ha perso il clima familiare e rassicurante della “chiacchiera” prendendo quello più veloce del rotocalco. Nuovo il logo, nuova la sigla, sparita la musichetta di lancio cui eravamo abituati, uno studio che è lo stesso ma non si direbbe proprio.

La Perego, forte del fatto di conoscere bene nella vita la maggior parte dei personaggi dello spettacolo, è una padrona di casa che mette a suo agio gli ospiti, a volta diremmo anche troppo: un po’ esagerata per esempio la celebrazione riservata ad Elisabetta Canalis. Quanto a Franco Di Mare, dalle passate esperienze al tg si è portato anche la scrivania, dietro la quale spesso resta per discutere di politica ed attualità. Preparato ed attento, anche lui ha speso alcune belle parole per chi lo ha preceduto, un Marco Liorni che ha definito “elegante” e che il pubblico si domanda se e quando rivedrà.

Per tante cose diverse, ce ne sono però alcune che non cambieranno mai: gli inviati de La vita in diretta, intramontabili; i buontemponi che si piazzano dietro di loro per mandare messaggi alla mamma o a Papa Francesco; le discussioni tra gli opinionisti che più diversi non si può, tipo Irene Pivetti vs Gianpiero Mughini a proposito della riapertura delle case chiuse. E varie.

Insomma anno nuovo, vita nuova, meccanismi talvolta simili. E l’esordio non entusiasma ma non è nemmeno da buttar via. Però ci sono due note da fare: le postazioni web per Daniela Ferolla, Dario Sardonè e Roberto Manzoni sono una bella idea, ma non andrebbero usate? E i giovani annunciati, dove sono?



Articoli che potrebbero interessarti


marco carta-valentina tarsitano
COLPI DI SOLE/7: PAOLA PEREGO GIRA IL PROMO DI VITA IN DIRETTA, IVA ZANICCHI E LA COLF, BOB SINCLAR NUDO, MARCO CARTA


LA NUOVA VITA IN DIRETTA HA IL SAPORE DEL TG
PAOLA PEREGO E FRANCO DI MARE PER LA PRIMA VOLTA IN VIDEO INSIEME!


I Fatti Vostri
I Fatti Vostri: Magalli unico padrone di casa di un format sempre uguale a se stesso


Mara Maionchi
X Factor 2017: è subito Mara Maionchi show. Ecco i concorrenti ammessi

7 Commenti dei lettori »

1. francy975 ha scritto:

9 settembre 2013 alle 20:50

ma cavolo è stata solo la prima puntata
a me è piaciuta tanto molto veloce non statica movimentata una perego a proprio agio e un di mare all’ inizio impacciatissimo che si è mangiato tante parola, ma poi nella seconda parte si è sciolto notevolmente; ho trovato un po’ lungo il talk politico anche se decisamente chiaro,
TRA LE 18 E LE 18:50 INSERIREI ARGOMENTICON I GIOVANI E SONDAGGI CON INTERAZIONE WEB.

COMUNQUE BEN TORNATA PAOLA PEREGO QUESTO E’ IL TUO POSTO



2. lex ha scritto:

10 settembre 2013 alle 00:09

Guardare la Perego che intervista la Canalis come una diva mi ha subito fatto cambiare canale, tra le due non so chi fosse la peggio!



3. ciak ha scritto:

10 settembre 2013 alle 11:16

io apprezzo da sempre (e d anche in questa veste) il bravo FRANCO DI MARE… per la Perego mi chiedo…che ci fa????
comunque… però stà cronaca esaminata in tutte le salse…al pom. ha proprio scocciato…
FACENDO un salto al pomeriggio SU CANALE 5… dico che è inguardabile…
ieri mi ha dato fastidio il modo con cui il regista zummava sugli sguardi e sulle lacrime delle figlie delle vittime della tragedia di fine luglio sul viadotto a MONTEFORTE IRPINO…. NAUSEANTE!!!
ma perchè il pom. non si può ridere??? chi l’ha deciso????



4. fill ha scritto:

10 settembre 2013 alle 12:21

non capisco quando la mariacarmela ha fatto il salto da “attrice” a “giornalista”. interviste tutte una lacrima, primi piani scontati, ma non basta quarto grado? nemmeno a chi l’ha visto c’e’ uno scempio simile. per carita’ pieno rispetto x gli intervistati ed il loro dolore, ma non si va da una che subito dopo ti mette il trans che cambia sesso! che razza di programma e’?
stendiamo un velo sull’intervista perego-canalis, non ho retto dopo i primi minuti…



5. naty ha scritto:

10 settembre 2013 alle 14:26

però se vogliamo essere onesti la Canalis l’ha detto che non è certo lei a rappresentare l’Italia negli Usa, ma che ci sono persone molto più meritevoli di lei! quindi è la Perego che l’ha presentata come una diva, non è lei che se la tira di certo (anche se una che è uscita con Clooney ne avrebbe ben donde!!!!!)



6. crissi ha scritto:

20 novembre 2013 alle 22:23

Trovo la Perego imbarazzante. E’ noto a tanti perche’ riesca a lavorare…La Canalis, poi, non avrebbe motivo di tirarsela. E’ vero e’ uscita con Clooney ma gli e’ servita solo come…paravento.



7. gianna servi ha scritto:

4 dicembre 2013 alle 14:04

caro:ti volevo chiedere se mi potevi dare l’indirizzo del locale dove fanno i balli della Bretagna(Francia)a Roma



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.