6
settembre

BACIAMO LE MANI: MICA VI SI E’ SCHEGGIATO LO SMALTO?

Baciamo le mani

Allora cominciamo con il fare un po’ di ordine. La prima puntata è andata in onda di lunedì, la seconda di giovedi, ieri 5 settembre, la terza andrà invece in onda venerdi 13 settembre (anticipazioni qui). Insomma, se Baciamo le Mani non vi ha confuso abbastanza con lo scambio di identità della protagonista e di suo figlio scaturita dalla necessità degli autori di spedirli in qualche modo in America, potete recuperare con la confusione temporale scaturita, invece, dalla necessità di quelli della rete di contrastare nell’ordine, il concerto di Jovanotti, Beppe Fiorello e una a caso delle sue fiction in replica e infine Tale e Quale Show. Che l’hanno accesa. E’ la loro scelta definitiva.

Per riassumervi la puntata di ieri useremo una frase che sarebbe potuta essere una delle frasi cult della nostra amatissima Pupetta “Scart’frusc e pigl’ primera“. Preferite dire “dalla padella alla brace“? Va bene lo stesso. Il risultato non cambia. C’è una povera donna che scappa dalla Sicilia per sfuggire alla mafia. Arriva a New York e…. indovinate un po’? C’è la mafia pure lì. Insomma, questa è peggio di Roberto Saviano. Si finisce sempre a parlare di infiltrazioni della criminalità organizzata.

Ora non staremo qui a raccontarvi tutto quello che è successo durante la puntata. Per intuire lo sviluppo della storia, non è necessario essere delle aquile. Basta essere dei passerotti. Vogliamo però segnalarvi i 5 passaggi chiave, quelli rappresentativi della seconda puntata di una fiction che, sebbene sullo spirito del telespettatore non abbia le stesse conseguenze di un calcolo sul rene, contiene comunque le sue banalità e forzature. Nella giusta quantità, però, quella sufficiente a farci rinunciare al cambio canale. Meglio non correre rischi, dovesse arrivare Don Cesare.

1. Il ginecologo. Virna Lisi, mamma padrona, porta Sabrina Ferilli, Gabriella fu Ida, dal ginecologo. Succedeva spesso un tempo per controllare la verginità della donna. Ida, però, è arrivata già prole munita. Andare dal ginecologo serve solo a dimostrare che la signora Vitaliano è un po’ stronza. Manco Ida avesse detto che lei si chiamava Maria e il mammoccetto Gesù. Che, fake per fake, uno poteva pure tentare l’azzardo…

2. Il prete killer. Nella sua prima inquadratura della seconda puntata è steso a 4 di bastoni davanti all’altare. Squilla il telefono. Sarà di nuovo Papa Francesco che gli porta conforto. Qualcuno deve spiegare al Santo Padre che è una fiction. E’ tutto finto. Ah no, è Don Cesare. C’è il marito di Ida da strangolare nella cappella della prigione. Con il rosario. Don Abbondio che diventa Batman, praticamente.

3. Il commissario fortunello. C’è una vedova che deve andarsi a sposare con uno e che ancora non si toglie la fede vecchia. C’è Ida che davanti a lui la fede se l’è tolta e messa nella borsa dopo aver scoperto la mafiosità del coniuge. C’è una bomba che esplode su un treno e ci sono poliziotti, nemmeno muniti delle tutine bianche dei Ris, che tra i reperti trovano la fede che era ancora nella borsa di Ida scambiata per caso con quella della vedova. Se la morta è una e le fedi sono due o è riciclaggio di fedi usate o Ida è viva.

4. Il triangolo. Ancora non l’hanno disegnato, ma gli autori sono già pronti con matita e squadra. Che insomma, va bene che Pasquale è eroe di guerra e ha la mano monca, ma cosa ha fatto per meritarsi pure i capelli a leccata di pecora? Si è distinto nella guerra alla calvizie di Berlusconi? Non bastasse tutto questo, è pure ingenuo. E a parlare con Ida/Gabriella ci manda il fratello bono, che ovviamente non ci parla perchè arriva proprio nel momento in cui lei sta facendo Kim Basinger nel bagno. La guarda, però. E il primo lato del triangolo è tratto.

5. Il fratello minore. Voi come lo chiamereste uno che ha superato l’età dell’innocenza e alla mamma preoccupata per l’incontro con il “padrino” di zona le dice di non agitarsi perchè se la proposta non la convince può sempre dirgli di no? E certo, perchè quando Don Gillo si è presentato al matrimonio della fake con mano monca sono tutti andati a baciargli le mani per sentire il profumo della crema che aveva messo su prima di uscire. Mica per rispetto e obbedienza. Non sappiamo voi, ma noi lo chiamiamo bambacione. O giuggiolone, anche.

[BACIAMO LE MANI - TUTTI I PROTAGONISTI]

[BACIAMO LE MANI - PRESENTAZIONE, FOTO E TRAMA]

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Pechino Express 2017 - Antonella Elia si commuove
Pechino Express 2017, seconda puntata: nelle Filippine si piange


Bake Off Italia 2017 - Manuela e Viola
Bake Off Italia 2017: il naufragar m’è «dolce» in questo mare… di lacrime


MasterChef 6 - i concorrenti con i giudici
MASTERCHEF 6: TROVATI I VENTI CONCORRENTI TRA PROVE, TALENTI E CASI UMANI


Pechino Express 2016 - Seconda Tappa
PECHINO EXPRESS 2016: LA SECONDA TAPPA E’ VINTA DAI SOCIALISTI, CHE TENTANO DI ELIMINARE I CONIUGI PER VENDICARE GLI INNAMORATI

11 Commenti dei lettori »

1. vilpanet ha scritto:

6 settembre 2013 alle 17:57

il ginecologo serviva a vedere se era buona a far figli
seguite un pò la storia



2. Valeria Carola ha scritto:

6 settembre 2013 alle 18:09

E’ su questo che ironizziamo. Tu hai mai sentito di suocere che portano le nuore a fare visite per capire se possono o non possono avere figli? Alla fine degli anni 50 è difficile credere che un ginecologo con la sola imposizione delle mani, senza ecografia, potesse dire se una donna poteva o non poteva avere figli. Tanto più che lei un figlio lo aveva già. Chiamasi forzatura.



3. ArturoVidal ha scritto:

6 settembre 2013 alle 18:28

C’è poco da ironizzare…per vedere se l’imene è integra è sufficiente uno speculum, osservazione poco opportuna



4. Valeria Carola ha scritto:

6 settembre 2013 alle 18:55

ragazzi, allora. dovete leggere. per controllare la verginità era usuale portare la ragazza dal ginecologo. Per controllare se poteva avere figli, come accade nella fiction, NO.
ArturoVidal, secondo te ho ironizzato sull’imene o sulla verginità?



5. fede ha scritto:

6 settembre 2013 alle 19:07

Che insomma, va bene che Pasquale è eroe di guerra e ha la mano monca, ma cosa ha fatto per meritarsi pure i capelli a leccata di pecora?

ahahahhahahahahahahahhahahhhahahahahha mitica!



6. ArturoVidal ha scritto:

6 settembre 2013 alle 19:12

Valeria Carola, in realtà la verità sta nel mezzo perchè non basta nemmeno un’ecografia per stabilire se una donna sia fertile o meno.
Non credo che avrebbe giovato alla trama incentrare un’intera puntata sui risultati dei prelievi ormonali della Ferilli o meglio sul referto di un’isterosalpingoscopia che al tempo in cui è ambientata la fiction non penso esistesse ancora. A me pare una forzatura sottolineare un episodio così banale, di certo si sono viste incongruenze peggiori di questa.



7. Valeria Carola ha scritto:

6 settembre 2013 alle 21:19

Arturo, era una battuta.
Comunque ti vedo ferrato in materia. Magari ti mando il risultato del mio pap test e ne discutiamo!!!!!!



8. marcko ha scritto:

6 settembre 2013 alle 23:55

tranne ke per il prete, le altre cose non le ho viste così forzate, poi credo ke una visita medica per constatare ke li sotto sia tutto apposto per avere dei bambini non mi pare sia così fuori dal mondo…

valeri carola forse dal momento ke la fiction è ambientata negli anni 50 ti aspettavi ke la suocera facesse mangiare solo verdure bollite alla nuora e ke la facesse dormire a testa in giù con le gambe incrociate?



9. genoveffa ha scritto:

7 settembre 2013 alle 09:21

c’è poco da criticare, a moltissimi piace perchè sempre cosi velenosi?????



10. Andrew ha scritto:

7 settembre 2013 alle 12:40

Valeria ogni volta mi fai morire dal ridere! Anche se non seguo la fiction è sempre un piacere leggere questi articoli!
Io lo farei diventare un appuntamento fisso settimanale per ogni fiction Rai/Mediaset, avresti materiale fino alla tua pensione! :D



11. Valeria Carola ha scritto:

7 settembre 2013 alle 16:15

Grazie Andrew! magari però ogni fiction rai e mediaset no… una ogni tanto!!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.