3
settembre

DMLIVE24: 3 SETTEMBRE 2013. IL LUNEDI DI IRIS NEL SEGNO DI ALMODOVAR, EUROVISION SONG CONTEST 2014 A COPENHAGEN

Pedro Almodovar

Pedro Almodovar

Il DM Live 24 è un post pubblicato ogni giorno (a mezzanotte circa) nel quale, tramite i commenti, vengono raccolte in tempo reale le segnalazioni degli utenti su qualunque programma in onda e, più in generale, in relazione a qualsivoglia notizia televisivamente rilevante. I più interessanti verranno pubblicati nel DM Live 24 del giorno successivo.

Eurovision Song Contest 2014 a Copenhagen

Duff ha scritto alle 12:07

L’Eurovision Song Contest 2014 si terrà a Copenhagen, in Danimarca, più precisamente alla B&W Hallerne. La capitale era candidata assieme alle città di Herning e Horsens. La decisione è stata comunicata questa mattina dalla TV di stato danese DR. Fonte: eurovision.tv

Iris – il lunedì nel segno di Almodovar

Una retrospettiva dedicata al doppio premio Oscar Pedro Almodóvar inaugura “Director’s Cut”, nuova rassegna di Iris dedicata ai più grandi registi del panorama mondiale.

Iniziata ieri con il melò-noir “La Mala Educación”, scritto da Almodóvar nel corso di dieci anni e presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2004, la rassegna proseguirà ogni lunedi sul canale dedicato al cinema di Mediaset. Tra i futuri appuntamenti spicca la prima  visione in chiaro del noir, al limite dell’horror, “La pelle che abito”, con Antonio Banderas ed Elena Anaya. Tra le altre opere in locandina, il commovente dramma “Parla con lei” e le pellicole in cui primeggia la musa del regista Penelope Cruz, “Carne tremula, “Volver” e “Abbracci spezzati”.

Ecco tutti i titoli e la programmazione:
9 settembre:        “Parla con lei”
16 settembre:      “Carne tremula”
23 settembre:      “La pelle che abito”
30 settembre:      “Volver-Tornare”
7 ottobre:              “Gli abbracci spezzati”



Articoli che potrebbero interessarti


Torre Rai Milano Sempione
DM LIVE24: 11 MAGGIO 2015. TORRE RAI DI MILANO ILLUMINATA PER EXPO – IRIS A CANNES


Fazio Bergomi e Caressa - Che Tempo Che Fa
DMLIVE24: 21 GENNAIO 2014. FAZIO E LO SPOTTONE A SKY – EUROVISION: ENTRAMBE LE SEMIFINALI IN DIRETTA SU RAI 4


Caterina Balivo
DMLIVE24: 20 NOVEMBRE 2013. IL CONCERTO DI NATALE ALLA BALIVO, ESC 2014 – L’ITALIA C’E', MORTO MARCELLO D’ORTA


Matt Bomer (Neal) - White Collar
DMLIVE24: 23 SETTEMBRE 2013. 16 ANNI INCINTA SU MTV, LA PELLE CHE ABITO SU IRIS, WHITE COLLAR SU TOP CRIME

5 Commenti dei lettori »

1. marcko ha scritto:

3 settembre 2013 alle 08:23

in carne tremula non c’è penelope cruz, ma la nostra francesca neri.



2. aleimpe ha scritto:

3 settembre 2013 alle 17:07

La RAI sbagliò a non accettare i 350 milioni di Sky

di Dario d’Elia, 03 settembre, 2013 12:51 , Fonte: clicca qui

33

La sentenza del Consiglio di Stato sancisce l’autogoal della RAI, che nel 2009 decise di non accettare l’offerta milionaria di Sky per le trasmissioni in chiaro.

Il Consiglio di Stato ha dato definitivamente ragione a Sky nella querelle con RAI sulle trasmissioni in chiaro del digitale terrestre. È una vecchia storia che giunge finalmente al capitolo finale, e che ancora una volta costerà agli italiani un piccolo esborso. Nello specifico RAI, Tivù srl e AGCOM pagheranno rispettivamente 13mila, 7mila e 10mila euro a Sky. Comunque spiccioli, rispetto ai 350 milioni che la Rai ha di fatto gettato dalla finestra. Soldi che avrebbero fatto la differenza per un azienda che ha un bilancio tutt’altro che florido.

Tutto ha inizio nel luglio 2009 quando entra nel vivo la trattativa tra Sky e RAI per le trasmissioni di quest’ultima sul satellite. La TV di Murdoch offre 350 milioni di euro per sette anni. Il neo-direttore Mauro Masi, spalleggiato dal ministro delle telecomunicazioni Paolo Romani, non accetta.

Grottesco mercanteggiare, tra un broadcaster privato e un servizio pubblico. La RAI è però obbligata per legge a trasmettere in chiaro su tutte le piattaforme disponibili. L’escamotage si chiama Tivù Sat, la piattaforma satellitare gratuita italiana creata da Rai Radiotelevisione Italiana, Mediaset, Telecom Italia Media, FRT e Aeranti-Corallo. Il caso vuole che nasca proprio il 31 luglio 2009.

Ecco ottenuti più risultati: Rai non ha ceduto agli inglesi, su Sky i suoi canali sono criptati, il blocco delle televisioni dominanti mantiene il pallino del gioco in mano. L’unico inghippo è rappresentato dal decoder, incompatibile con i servizi Sky.

Di lì in poi inizia un balletto di giudizi dell’AGCOM, memorie difensive, sentenze e ricorsi del TAR. Insomma, il solito iter giudiziario che accompagna gli scontri fra titani.

Il punto chiave della decisione del Consiglio di Stato è comunque questo: la RAI non ha rispettato gli “obblighi di servizio pubblico e del contratto di servizio, tra cui le modalità di distribuzione delle smart card e la possibilità per tutti gli utenti di ricevere la programmazione pubblica gratuitamente su tutte le piattaforme distributive”.

La lunghissima sentenza del Consiglio di Stato elenca ogni dettaglio di questa storia, ma in fondo torna sempre alla questione del servizio pubblico. L’AGCOM presieduta da Corrado Calabrò fece poco, anzi alla fine ritenne idonee le proposte RAI per “superare i segnalati problemi di mancata ricezione integrale del servizio pubblico”.

Il Consiglio di Stato spiega anche la cosiddetta “cessione gratuita” della programmazione di servizio pubblico sarebbe dovuta valere non solo per gli utenti ma anche per le piattaforme distributive. L’AGCOM sbagliò a circoscrivere l’obbligo fraintendendo la “diversa situazione di rapporti contrattuali della RAI a monte della programmazione, e non attinenti alla fase di cessione della stessa alle diverse piattaforme distributive”.

I giudici di fatto sostengono che sfruttare il valore economico della programmazione RAI sulla base di scelte imprenditoriali (improntate a criteri di economicità), “significherebbe contraddire la stessa filosofia della neutralità tecnologica e della universalità del servizio pubblico”. L’uso di più piattaforme e tecnologie non può essere considerato come uno strumento di business, ma una garanzia per una migliore fornitura del servizio.

Infine l’accordo Tivusat con Telecom e Mediaset, che di fatto ha favorito attività commerciali che non hanno nulla a che fare con il servizio pubblico. Aiuto di Stato? Forse, e nella fattispecie illegittimo “in quanto non preventivamente comunicato alla Commissione Europea”.

Come se non bastasse anche “una alterazione della parità di condizioni nel mercato concorrenziale televisivo a favore di alcuni operatori privati attraverso l’impiego di risorse pubbliche”. Senza contare che i regolamenti vietano “espressamente alla RAI di utilizzare, direttamente o indirettamente, i ricavi derivanti dal canone per finanziare attività non inerenti al servizio pubblico televisivo”.

Se è vero che “la televisione rappresenta l’inconscio a cielo aperto della nostra società”, come ha detto il critico cinematografico Serge Daney, quale impulso avrà mai portato il servizio pubblico radiotelevisivo italiano guidato da Mauro Masi a rinunciare ai 350 milioni di Sky?

FONTE: Tomshw



3. LB ha scritto:

3 settembre 2013 alle 19:16

Location diversa dal solito per L’eurovision ma sono sicurò che la tv danese metterà in piedi sicuramente un grande show. Speriamo piuttosto per la conferma della partecipazione, teneteci aggiornati



4. Mattia Buonocore ha scritto:

3 settembre 2013 alle 20:25

La settima sarà l’ultima stagione di True Blood. La messa in onda in Usa è prevista nell’estate del 2014



5. Davide Maggio ha scritto:

4 settembre 2013 alle 01:36

marcko: e invece c’è.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.