19
agosto

1983-2013: IL MEZZOGIORNO DI RAIUNO COMPIE 30 ANNI

Il mezzogiorno di Rai1

Il prossimo 9 settembre alle 12.00 su Rai1 prenderà il via la nuova edizione de La prova del cuoco, il popolare show culinario condotto da Antonella Clerici. La trasmissione, giunta alla sua tredicesima stagione, è diventata l’appuntamento di punta del mezzogiorno della prima rete Rai, slot che proprio quest’anno festeggia i suoi trent’anni di vita. Era infatti il 3 ottobre del 1983 quando il monoscopio della tv di Stato lasciò il suo spazio a Raffaella Carrà, protagonista assoluta del gioco-spettacolo Pronto, Raffaella?.

La trasmissione fu il primo show della Rai ad occupare quella fascia oraria, sino ad allora presidiata esclusivamente dalla tv commerciale con quiz di successo come Bis e Il Pranzo e Servito, condotti rispettivamente da Mike Bongiorno e Corrado su Canale 5. Fu proprio per contrastare la sempre più lanciata Finivest che la Rai decise di puntare su un volto altrettanto popolare, quello appunto della Carrà.

Da allora il mezzogiorno di Rai1 è rimasto acceso, alternando negli anni numerosi programmi e personaggi che, complice l’ora di messa in onda, sono riusciti ad entrare nel cuore degli spettatori come pochi altri. Ripercorriamo insieme questi trent’anni passati a mangiare davanti alla tv.

1983-1985: PRONTO, RAFFAELLA?

Pronto, Raffaella? andò in onda per due stagioni, dall’ottobre del 1983 al giugno 1985, e consacrò definitivamente il successo nazionale di Raffaella Carrà. Lo spettacolo, ideato e diretto da Gianni Boncompagni, con testi di Lianella Carell e Giancarlo Magalli, si rivelò da subito un grande successo, in grado di totalizzare all’epoca un ascolto di quasi 14 milioni di spettatori. Un successo dovuto in primo luogo all’ecclettismo della Carrà, pronta a passare con disinvoltura dalle interviste alla rubrica della posta, sino ai gettonatissimi quiz telefonici. Tra i vari giochi, una menzione particolare merita un quiz che invitava gli spettatori da casa ad individuare il numero esatto di alcuni piccoli oggetti (tappi a corona, viti, chiodi, etc) contenuti in un grosso barattolo trasparente. Nel gioco, per alcune settimane, al pari di tanti altri oggetti, vennero inseriti anche i fagioli, curiosamente rimasti impressi nella memoria collettiva del pubblico, al punto da far passare alla storia della tv il quiz telefonico come il celebre “gioco dei fagioli”. Oltre all’interazione con il pubblico, il programma prevedeva spazi comici, momenti di canto e ballo con protagonista la stessa Carrà, interprete anche delle sigle di apertura e chiusura del programma (tra le più celebri Fatalità e Que Dolor). Da segnalare inoltre l’ambientazione casalinga della scenografia, raffigurante un tipico salotto italiano, con una grande terrazza e grosse finestre, il cui sfondo riproduceva il panorama di Roma. In due stagioni la Carrà ospitò nel suo salotto centinaia di ospiti, personaggi dello spettacolo, della politica, e persino Madre Teresa di Calcutta, in una delle sue rarissime apparizioni tv. Il successo della trasmissione fu tale che il format venne acquistato anche in Germania, Spagna, Argentina e Brasile. Grazie al programma la Carrà divenne amatissima, e non mancò chi gridò al miracolo quando, nel febbraio dell’ 84, la mamma di una bambina affetta da disturbi della parola le comunicò che la sua bimba aveva pronunciato come prima frase “Ti amo Raffaella”. Nonostante il grande successo, dopo due stagioni la Carrà decise di lasciare la trasmissione e tornare ai varietà di prima serata.

1985 – 1987: PRONTO, CHI GIOCA?

Con l’abbandono della Carrà, il timone del mezzogiorno di Rai1 passò ad Enrica Bonaccorti, attrice ed apprezzata conduttrice nelle precedenti stagioni del programma Italia Sera. La trasmissione mutò il titolo in Pronto, Chi gioca?, ma mantenne inalterata la sua formula. La regia del programma rimase sempre di Gianni Boncompagni, mentre nel cast figuravano la Premiata Ditta, al loro debutto in tv, e la soubrette Alessandra Martines, sostituita nella seconda stagione da Maria Laura Baccarini. Anche questa nuova versione del talk-show di Rai1 ottenne molto successo. Non mancarono però le polemiche quando la conduttrice, il 28 ottobre del 1986, annunciò in diretta tv la sua gravidanza.

“Aspetto un bambino, e la mia gravidanza la vivremo insieme… vedrete la mia pancia crescere, qui, davanti alle telecamere, giorno per giorno fino alla fine…”

L’annuncio creò malumori tra i dirigenti dell’azienda che criticarono l’uso privato del mezzo pubblico da parte della conduttrice che pochi giorni dopo, a causa di alcune complicazioni, perdette il bambino che teneva in grembo. Il suo posto alla conduzione venne temporaneamente preso da Giancarlo Magalli, già autore del programma, che esordì così alla conduzione televisiva e in seguito, al ritorno della Bonaccorti, continuò ad occuparsi del quiz telefonico. Come per la Carrà, anche l’avventura al mezzogiorno di Enrica Bonaccorti durò due stagioni: la conduttrice decise infatti di lasciare il programma per approdare con un importante contratto alle reti Fininvest.

1987-1988: PRONTO, E’ LA RAI?

Anche nella stagione 1987/1988 con Pronto, è la Rai? il mezzogiorno di Rai1 continuò a puntare sulla formula del salotto con ospiti e giochi telefonici per il pubblico da casa. Gianni Boncompagni, passato a Domenica In, lasciò la cabina regia a Lella Artesi, mentre  la conduzione del programma venne affidata, dopo l’ottima prova dell’anno precedente, a Giancarlo Magalli, affiancato da Simona Marchini ed Andy Luotto. A questi ultimi venne affidato il compito di dare vita a diversi sketch comici. Tra i vari giochi telefonici condotti da Magalli, il più popolare fu Il Pigliatutto. Il programma, complice la concorrenza sempre forte di Canale5 con Bis e Il Pranzo e servito, ma anche il successo in casa sulla seconda rete di Mezzogiorno è.. con Gianfranco Funari, registrò una media di appena 4 milioni di telespettatori, un ascolto decisamente inferiore alle versioni condotte dalla Carrà e dalla Bonaccorti.

1988-1989: VIA TEULADA, 66

Nella stagione 1988/1989 per riportare al successo il mezzogiorno, Rai1 decise di puntare tutto su Loretta Goggi. Si abbandonò l’idea del salotto tv, ormai più che sfruttata, e si puntò su uno studio più dinamico. Il pubblico del mezzogiorno venne portato nel cuore della stessa Tv, in Via Teulada 66 (da qui il titolo del programma), nella sede dello storico centro di produzione della Rai di Roma (quello del mitico Studio 1 di Mina, per dire). La scenografia della trasmissione prevedeva uno spazio redazionale per i momenti di attualità, un bar per le interviste più leggere, e un palco per i momenti di spettacolo e gli immancabili giochini telefonici da casa. La Goggi era affiancata dalle Sisters, un trio composto da tre sorelle attrici, e dal comico bolognese Vito, presenza muta del programma. La parte musicale, oltre che alla Goggi, interprete delle sigle del programma, venne affidata al gruppo dei Quattropercento e a numerosi cantanti ospiti, presenti spesso per un’intera settimana. Gli ascolti del programma però non decollarono e costrinsero gli autori ad apportare delle modifiche. In particolare venne inserito il pubblico in studio ed aumentata l’interazione della Goggi con il pubblico a casa grazie al maggior spazio destinato ai giochi telefonici. A fine stagione la Goggi preferì lasciare il mezzogiorno e dedicarsi a nuovi progetti.

Continua…

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


VERDEMATTINA
1983-2013: IL MEZZOGIORNO DI RAIUNO COMPIE 30 ANNI – SECONDA E ULTIMA PARTE


Eurovision Song Contest 2011: Raphael Gualazzi
EUROVISION SONG CONTEST E LA BEATA IGNORANZA.


Raffaella Carrà, Pagelle
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (4-10/04). PROMOSSA RAFFAELLA CARRA’. BOCCIATI BELEN E LA FOTOINTERVISTA ALLA VENTURA


Scomparsa
Scomparsa: tutti i personaggi

18 Commenti dei lettori »

1. Marcovaldos ha scritto:

19 agosto 2013 alle 16:56

Proprio oggi mi stavo divertendo a girovagare per il web alla ricerca di notizie e spezzoni sui vari programmi del mezzogiorno Rai,a partire da “Pronto Raffaella” del 1983 fino ad arrivare a “La Prova del cuoco” del 2000.
Mi mancano però i programmi del mezzogiorno che vanno dal 1992 al 2000,ovvero dalla chiusura di Piacere Raiuno in poi.
Aspetto con ansia il seguito di questo articolo capitato a fagiolo…
E’ quasi come se mi aveste letto nel pensiero!



2. aleimpe ha scritto:

19 agosto 2013 alle 17:10

il mezzogiorno di Rai 1 è nato prima con l’ edizione delle ore 12 del TG1 a settembre…

Inoltre nel 1985 prima di “Pronto, chi gioca ?”, c’era una versione quotidiana del “TG l’una” chiamata “Tg l’ Una casual”, ve la ricordate ?



3. kalinda ha scritto:

19 agosto 2013 alle 18:22

bella rubrica



4. Salvatore Cau ha scritto:

19 agosto 2013 alle 18:50

@marcovaldos

Trattandosi di Pronto, Raffaella? non poteva che capitare a fagiolo :D



5. rien ha scritto:

19 agosto 2013 alle 18:50

Non credo che Fabio Fazio fosse nel cast di Via Teulada 66, ma in Loretta Goggi in Quiz.

Bellissimo Via Teulada 66, innovativo per l’epoca, che nostalgia…anche se ha un po’ segnato il sodalizio trentennale (tra sceneggiati e varietà) tra la Goggi e e la Rai. Tornerà in rai, nello specifico su rai due con Il Canzoniere delle feste nella stagione 92/93 e poi solo sporadicamente negli anni.



6. kalinda ha scritto:

19 agosto 2013 alle 18:52

anche il mattino di Mediaset era bello ricordo facciamo un affare, tutti in famiglia, cantando cantando, bis, il pranzo è servito…..a me era piaciuto anche A tu per tu con Clerici/Ruta.



7. rien ha scritto:

19 agosto 2013 alle 18:57

Per gli ascolti di Via Teulada, ci fu un calo dopo la prima settimana, ma con le modifiche in corso d’opera il programma raggiunse il 30% di share, anche grazie al successo del gioco La Parola Boom che impazzò fino alla fine del programma. Da ricordare le sigle che si sono susseguite nell’arco dell’intera stagione del programma: Il mio Uomo che uscì come 45 giri (è l’ultimo 45 giri della Goggi) scalò le classifiche dei 45 più venduti, e poi ancora Ottocento, Fino all’ultimo respiro etc…



8. Marcovaldos ha scritto:

19 agosto 2013 alle 22:49

@SalvatoreCau : mai espressione fu più azzeccata,in questo caso :D
Comunque giuro,mi avete letto nel pensiero! Aspetto di conoscere i programmi del mezzogiorno Rai successivi a Piacere Raiuno,fin lì c’ero arrivato.

Per quanto riguarda Via Teulada 66,doveva essere un progetto davvero innovativo e interessante.I Fatti Vostri ancora oggi ne richiama in parte la scenografia,quella del Bar in particolare.
Poi la Goggi…straordinaria! Fazio non credo facesse parte del cast
fisso,Youtube però ne testimonia un’ospitata: http://www.youtube.com/watch?v=pV0n6TdJj9k

Davvero mediocre come imitatore…



9. aleimpe ha scritto:

19 agosto 2013 alle 22:59

“Via Teluada 66″ significò la fine del mezzogiorno storico di Rai 1, poi arrivò Piacere Raiuno…



10. Lele ha scritto:

19 agosto 2013 alle 23:15

Del mezzogiorno in tv ricordo i guai creati al traffico telefonico dell’allora Sip e agli abbonati romani, infuriati perché avevano numeri simili a quelli della Rai (06 3139, 3693 ecc…) e venivano disturbati (o isolati) da chi sbagliava nel chiamare la Raffa. Credo che proprio durante Via Teulada 66 fu utilizzata, per la prima volta, la nuova centrale giochi con prefisso 0769, messa a disposizione della Rai per decongestionare il prefisso 06. E, a beneficio dei patiti del lotto, mi spingerei oltre: il numero doveva essere 7390! ;)



11. Francesco Amico ha scritto:

19 agosto 2013 alle 23:51

Tutto partì da Canale 5.. Nostra Signora della Tv difficilmente avrebbe accettato di fare il mezzogiorno nel 1983 se dapprima Mike con “Bis” nel 1981 e Corrado con “Il pranzo è servito” nel 1982 (programma che, a mio parere, dovrebbe tornare a presidiare la fascia che ha lanciato, al posto di sto benedetto “Forum”) avessero fatto questo “salto nel buio” e avessero scoperto i milioni di spettatori che a mezzogiorno stanno davanti la tv..



12. odineodette ha scritto:

21 agosto 2013 alle 19:29

grazie alla carrà si è scoperto un nuovo modo di fare trasmissione che ancora oggi viene copiato. pronto raffaella è comunque stato molto di più di un salotto, merito del talento artistico a 360° della carrà, la quale ballava, cantava, faceva sketh con gli ospiti! tutte le altre edizioni hanno avuto più o meno successo, ma nessuna è stata in grado di coprire completamente quel ruolo così complesso! prova ne è che raffaella carrà ha continuato a mietere successi in tutto il mondo in vari campi tornando ai giorni nostri alla canzone dance, mentre gli altri sono più o meno spariti o ricoprono ruoli di minore importanza!



13. dUrsino ha scritto:

22 agosto 2013 alle 00:03

Quante mattinate passate invano lì a tentare di prendere la linea per giocare.. ovviamente se non ero a scuola!! Ricordo che ad un certo punto per l’intasamento delle linee suddivisero le regioni per giornate e per i diversi giochi proposti.. che tempi! Spiace un po’ che la televisione tutta in genere (pubblica e commerciale) abbia abbandonato la linea dei giochini telefonici.. credo a causa della crisi e degli svariati tagli al budget.



14. mdolla ha scritto:

24 agosto 2013 alle 14:12

certo che un programma cult come pronto raffaella dovrebbe uscire in dvd, soprattutto i balli e le canzoni fatte dalla carrà e le interviste!



15. GIUSEPPE ha scritto:

24 agosto 2013 alle 18:52

sinceramente anche la prova del cuoco dovrebbe cambiare dopo tante stagioni



16. Anna Maria ha scritto:

28 agosto 2013 alle 14:52

La “parola boom”impazzò in tutta Italia,tanto da costringere la “RAI”a consentire per la 1 volta nella storia della TV,l’invio di cartoline postali per liberare le linee telefoniche intasate!Con un gioco che sicuramente , era a livelli più alti dei “fagioli”della Carrà…e con una conduttrice,la grandissima Loretta Goggi, che dopo alcune difficoltà iniziali,dovute allo “sbaraccamento”di salotto e “giochini scemi”,portò a casa un altro successo all’insegna della qualità!Quando la TV del mezzogiorno non era solo “pentole e manicaretti”e potevamo goderci la donna di spettacolo più polivalente e IMMENSA che L’Italia abbia mai avuto!



17. Pierdomenco Soraggi ha scritto:

29 agosto 2013 alle 20:50

Via teulada ebbe un inizio difficile poi cn qualche novita decollo’ ARRIVANDO A 3ml cn una grande loretta



18. Peter ha scritto:

12 ottobre 2013 alle 19:05

Che dire pronto Raffaella é il mio programma preferito! Un perfetto show all’ora di pranzo con una Carrá bellissima oltre che bravissima nella conduzione, nelle interviste e nei giochi telefonici oltre a ballare e cantare. Di sicuro uno dei suoi migliori programmi e anche uno delle migliori trasmissioni della Rai! Dovrebbero produrre dei DVD con le puntate perché é davvero una cosa fantastica! Comunque per chi volesse vedere qualcosa del programma io carico molti video di Raffaella Carrá e ovviamente anche di Pronto Raffaella. Sul mio canale ci so i anche alcune puntate intere oltre a interviste e balletti e canzoni :)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.