12
agosto

TOM & JERRY: WARNER BROS CENSURA EPISODI POLITICAMENTE SCORRETTI

Tom & Jerry

La scure della censura si abbatte pure su Tom & Jerry. Ebbene si, seppur in maniera retroattiva, anche i due beniamini dei bambini di tutto il mondo, nati nel 1940 dalla matita di William Hanna e Joseph Barbera, hanno subito numerosi tagli ad alcune delle loro gag. Warner Bros ha, infatti, già da tempo iniziato a ripulire i suoi cartoon da scene politicamente scorrette, in particolare quelle in cui si prendono più o meno bonariamente in giro neri, indiani e giapponesi (come non ricordare gli scherzi e le burle ai danni della celebre Mammy “Due Scarpe”, donna afroamericana pasticciona, nonché padrona di Tom, della quale peraltro non veniva mai mostrato il viso).

Va precisato che molti dei cartoni della Warner, Tom & Jerry inclusi, vennero girati a partire dagli anni ‘30 e ‘40 in un contesto ben diverso da quello attuale, in cui in America si era ancora ben lontani dall’affermazione dei diritti civili. Anni, soprattutto quelli della seconda guerra mondiale, in cui il paese si schierò con ogni mezzo, compresi i cartoon, in difesa dei pericoli provenienti dai paesi stranieri. A riportare alla ribalta della cronaca gli episodi di censura, come riportato da Repubblica, è stata recentemente la denuncia di un gruppo di appassionati di cartoon, rimasti a dir poco delusi dopo aver acquistato i cofanetti con gli episodi di Tom & Jerry rimasterizzati per il blu ray, ed aver scoperto l’avvenuta censura.

Tante le proteste sul web. C’è chi  trova inconcepibile tagliare delle scene per far si che il pregiudizio non esista, e chi più semplicemente fa presente che si tratta di dvd destinati a collezionisti, e chiede di smetterla di essere trattato come un bambino. Un portavoce di Ted Turner, attuale proprietario della Warner Bross, giustifica la censura in maniera categorica:

“Noi vendiamo nel mercato globale, e per questo  abbiamo escluso contenuti che riteniamo inappropriati  per un mercato globale.”

Non è la prima volta che Tom e Jerry finiscono tra le forbici della censura: già in passato vennero tagliati alcuni episodi in cui i due protagonisti erano ritratti alle prese con delle sigarette. In particolare l’episodio in cui il gatto Tom, per fare colpo su di una gattina dagli occhioni languidi, per mostrare la sua virilità, si accendeva una sigaretta. In altre occasioni gatto e topo furono accusati di eccessiva violenza, per via delle tante botte, dei quintali di dinamite esplosi e di tutti i marchingegni usati durante le loro quotidiane battaglie.

Razzismo, violenza, messaggi diseducativi. Non c’è pace per Tom & Jerry. Viene spontaneo domandarsi come sarebbe la tv attuale se la stessa minuziosa lente venisse utilizzata per analizzare telegiornali e  talk show con lacrime e scandali quotidiani. Lì si che ci sarebbe da censurare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Jeremias Rodriguez - GF Vip 2017
Perché il GF Vip censura Jeremias? Baby Rodriguez: «Inizio a raccontare delle cose e subito mi chiamano in confessionale»


Connor e Oliver
LE REGOLE DEL DELITTO PERFETTO: RAI 2 CENSURA IL SESSO GAY


Projecto Bullying
THE BULLY PROJECT: LA SPAGNA CENSURA IL FORMAT SUL BULLISMO IN ARRIVO SU RAI2


L'Isola di Adamo ed Eva - Charles Kpaneman
L’ISOLA DI ADAMO ED EVA AL VIA: TUTTI NUDI NELLA VERSIONE XXX, MA NIENTE NUDI INTEGRALI

6 Commenti dei lettori »

1. Andrew ha scritto:

12 agosto 2013 alle 17:41

Mah… Le attuali generazioni sono le generazioni che meno sentono il razzismo, visto che ormai c’è un’omogeneità culturale e non vi sono più discriminazioni per il solo colore della pelle! E proprio queste attuali generazioni sono cresciute con Tom & Jerry senza censura, e non mi pare che i bambini di ora siano tutti col fucile puntato contro ogni persona di nazionalità diversa! Sinceramente trovo che ultimamente si è arrivati ad un punto esagerato del politically correct, ogni cosa viene vista come offensiva, diseducativa, e chi più ne ha ne metta! Onestamente mi sembra che non ci sia più libertà di fare un qualcosa senza essere sottoposti a perenne giudizio su tutto!
Ci sono contenuti ritenuti non adatti ad alcuni Paesi? E allora si “censuri” solo in quei Paesi, non in tutto il mondo!



2. Fabio Di_V ha scritto:

12 agosto 2013 alle 19:22

Quoto con il pensiero di Andrew, che stavo per scrivere…



3. Fabio Di_V ha scritto:

12 agosto 2013 alle 20:06

Tra l’altro, se ad essere censurata sarà la sequenza da cui è tratto lo screenshot postato in questo articolo, non vedo dove sia il politically scorrect. E’ semplicemente un topo che si è “mascherato”, senza dare una connotazione inferiore o negativa di ciò cui si è mascherato. Devo dedurre che non si sa più ben capire quando ci sia razzismo… Adesso basta che uno si mascheri ed è automaticamente razzismo! Vabbè… … … Anzi, se Tom e Jerry fosse razzista mai e poi mai una persona con la pelle scura sarebbe stata una padrona!

Mi spiace che la società del 2013 stia diventando così integralista, senza saper fare delle distinzioni (se andiamo avanti di questo passo, pure le battute in Will e Grace saranno ritenute omofobia)….



4. Salvatore Cau ha scritto:

12 agosto 2013 alle 20:40

@Fabio Di_V

L’immagine del post non è collegata agli episodi censurati. E’ stata scelta solo per dare un’attinenza al pezzo.



5. Fabio Di_V ha scritto:

12 agosto 2013 alle 20:45

Ah… Ok ;)



6. Dasmix ha scritto:

13 agosto 2013 alle 20:37

Eppure in rete circola lo screen della faccia di Mama! ;)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.