27
luglio

CLASSICA: DA OTTOBRE SBARCA NELL’AREA 100. I CANALI OPTION IN ITALIA FATICANO

Classica

Classica

Da chi non si fa problemi a ripetere “il meglio deve ancora venire” ci si aspetterebbe una sorta di piccola rivoluzione. E la vetrina era effettivamente piuttosto ghiotta: i 10 anni di Sky in Italia potevano essere un’ottima occasione per rimescolare un po’ le carte in tavola. Nuovi canali e nuove strategie commerciali, ad esempio. E invece no, perché una delle poche novità annunciate in pompa magna nella lunghissima conferenza di autocelebrazione riguardava… Classica.

Lo storico canale di opera e lirica, nato nel lontano 1997 su Tele+, lascia infatti da ottobre l’offerta Option e sbarca tra i primi 100, ossia tra i canali del pacchetto base Sky Tv visibile a tutti gli abbonati, “acquisendo” l’alta definizione. Dopotutto questa “predilezione” dei vertici della pay tv che fa capo a Rupert Murdoch nei confronti dell’opera si era già avvertito in più di qualche occasione in passato, quando il canale è andato in simulcast con Sky Arte, alla stregua di un qualsiasi tappabuchi promozionale. A nulla sembrano inoltre serviti gli investimenti pubblicitari per “rilanciare” il canale, reso spesso visibile a tutti gli abbonati, senza dimenticare gli aiutini di Sky TG 24.

E’ chiaro che l’idea di acquistare canali a parte – al di fuori del normale abbonamento – qui in Italia – salvo qualche eccezione – non funziona e forse non ha mai funzionato – a differenza dei mercati esteri-, e il passaggio di Classica “in chiaro” è solo l’ennesima dimostrazione della mancata riuscita di una strategia portata avanti fin troppo a lungo. Magari la visibilità che acquisirà il canale potrà essere comunque d’aiuto per racimolare qualche spettatore in più, ma è pur sempre vero che il target a cui è indirizzato non sembra rientrare propriamente tra il pubblico tipico della piattaforma.

Anche perché già Rai5 – che pure si sforza nel variegare il palinsesto pur di non finire nell’oblio ed è per giunta ricevibile gratuitamente in tutta Italia – ha chiare difficoltà ad entrare tra le abitudini degli spettatori, interessati quasi esclusivamente agli eventi clou della stagione lirica. Sarebbe interessante capire quali siano gli obiettivi con Classica, anche perchè in tutta sincerità dubitiamo che il solo scopo di Sky sia “dare visibilità e risonanza all’arte”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Masterchef (2)
Intrattenimento Sky 2017/2018: i programmi in palinsesto su SkyUno, FoxLife e SkyArte


Gomorra 3
Palinsesti Sky 2017/2018: le serie e i film


SkySport 2017/2018
Palinsesti Sky Sport 2017/2018


Sky Calcio Show
Serie A 2017/2018 su Sky: torna Ilaria D’Amico con «Sky Calcio Show». La domenica sera è di Fabio Caressa

3 Commenti dei lettori »

1. griser ha scritto:

27 luglio 2013 alle 11:29

Ecco mancava il solito articolo contro sky. Ammettilo che sei cliente di Premium



2. Alessandro ha scritto:

27 luglio 2013 alle 12:34

I canali option dovrebbero sparire, detto questo sky non può accontentare solo gli appassionati di cinema e sport e io trovo un’ottima soluzione inserire classica nel pacchetto generale, poi essendo una tv a pagamento più che darci dei canali e arricchire i canali esistenti con altri contenuti ( ad esempio sul Pack calcio tutto il calcio esistente in Europa e sul Pack sport nba, seriea di basket, F1,MotoGP, tutte le gare motoristiche secondarie, olimpiadi invernali, tennis, rugby ecc.) ma cosa deve fare di più? P.s. : dieci canali di cinema, ti sembrano pochi?



3. ZACHARY2002 ha scritto:

27 luglio 2013 alle 20:45

Rai 5 non si vede in tutta italia io da quando è stato aperto non l’ho mai visto ed abito a Modena



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.