17
luglio

CUCINE DA INCUBO: NELL’ULTIMA PUNTATA CANNAVACCIUOLO ATTERRA A LO ZODIACO DI FIUMICINO

Cucine da Incubo

Pista d’atterraggio per Cucine da Incubo. Oggi alle 21:50 su Fox life andrà in onda l’ultima puntata dedicata ai ristoranti da incubo da trasformare in sogni. Tutto è cominciato a Roma, al ristorante Pane e Olio, ma poi Antonino Cannavacciuolo, lo chef stellato che ha vissuto così tanti incubi da farci venire il dubbio che Morfeo abbia mangiato al suo ristorante e digerito male, ha avuto modo di apprezzare l’incapacità di svariati proprietari e chef. L’avventura della prima stagione di Cucine da Incubo si conclude a Fiumicino nella pizzeria Lo Zodiaco, in cui, dicono nel loro sito, lavorano anche le pregiati carni danesi e argentine. Quelle simpatiche. Quelle antipatiche invece le affogano nell’aceto balsamico.

Inutile dirvi quello che succederà nella puntata. Cannavacciuolo ordinerà mezzo menù, annuserà i piatti serviti, li sevizierà con una forchetta e poi assumerà l’aria disgustata, rimandando al mittente tutto quello che ha ordinato. Chef, proprietario e camerieri si incolperanno a vicenda del disastro e ammetteranno con l’ingenuità di quelli convinti che il programma si chiami “Cucine da incubo ma non troppo” che si, si aspettavano qualche critica, ma non così tante. Poi arriveranno i consigli di Cannavacciuolo, un nuovo look al ristorante e un nuovo menù composto da piatti che il super chef definirà semplici. Una bruschetta, in fondo è una bruschetta. Pure se devi insaporirla con una composta di pomodori tagliati a cubetti 1 mm x 1 mm e piccole fettine d’aglio insaporite al 75 % con il basilico e al 25 con il rosmarino posizionate perpendicolarmente al pane, ottenuto da un impasto di farina di kamut, di grano saraceno e di farina integrale.

Comunque, a Lo Zodiaco mancano le basi. Non bisogna essere degli attivisti de La prova del cuoco e nemmeno aver preparato tutti i menù di Benedetta per essere a conoscenza che mettere la panna nella pasta è un crimine contro il palato (stellato). Lo sappiamo bene, infatti, che quando si fa casino con gli ingredienti di un primo piatto, con un po’ di panna, tutto si amalgama e i sapori svaniscono. Per fortuna.

A questo punto è arrivato il momento di salutare lo chef Cannavacciuolo che, diciamoci la verità, non è che poi ci abbia spaventato così tanto. Puntata dopo puntata è diventato il protagonista, veracemente simpatico, di una favola in cui tutto è bene quel che finisce bene.  E tutti gli chef cucinarono felici e contenti. Con pochi grassi e cambiando l’olio della frittura prima di irreversibili mutazioni di colore.



Articoli che potrebbero interessarti


Antonino Cannavacciuolo a Che Fuori Tempo che Fa
Antonino Cannavacciuolo ospite di Fazio mentre sul Nove salva Cucine da Incubo


Cucine da incubo 4 - Trattoria Davis
Cucine da Incubo 4: Cannavacciuolo alla Trattoria Davis di Milano. Ecco com’è oggi


Cucine Da Incubo 4_Antonino Cannavacciuolo
Cucine da Incubo 4: Cannavacciuolo si sposta sul Nove e riparte dal «Totem» per finire «Dalla Padella alla Brace»


Cucine da Incubo 3
CUCINE DA INCUBO 3: TORNA QUESTA SERA SU FOX LIFE LO CHEF ANTONINO CANNAVACCIUOLO

3 Commenti dei lettori »

1. francesca ha scritto:

17 luglio 2013 alle 23:07

Io sono passata in questo ristorante circa un anno e mezzo fa insieme a mio marito. Ci hanno trattato malissimo e non ci siamo mai più tornati.
Quasi non si meriterebbero questo aiuto da parte di cannavacciuolo !!



2. griser ha scritto:

18 luglio 2013 alle 01:33

Anche io ero andato ma tipo 6anni fa e non avevo mangiato male…forse avranno cambiato gestione. Purtroppo vedrò la puntata con Sky On Demand perchè l’ho persa



3. anna ha scritto:

18 luglio 2013 alle 04:15

Io e il mio compagno siamo di fiumicino e andiamo spesso in questo ristorante, loro sono bravi e gentili e poi fanno una pizza strepitosa
e credo abbiano approfittato di questa straordinaria vetrina di cucine da incubo..ci torneremo al piu’ presto!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.