28
giugno

UOMINI E DONNE GAY – GIOVANARDI ATTACCA: NON METTEREI I MIEI NIPOTI DAVANTI ALLA TV (VIDEO)

Maria de Filippi in chat

Constato che le lobby gay sono molto potenti e evidentemente muovono miliardi. Se dovesse andare in onda Uomini e Donne gay, impedirei a mia nipotina minorenne di guardare il programma. Ai miei nipoti di 4 anni e 5 anni non li metterei davanti alla tv a vedere una cosa così. Avranno col tempo una loro sessualità ma non lo metto da minorenne e da bambino davanti alla tv dove ci sono scene di sesso esplicito. È chiaro che a un bambino di 4 o 5 anni che vede scene di questo tipo cosa gli spiego? Che è un’anomalia? E allora può chiedermi perchè ho una mamma e un papà e li ci sono due papà?”.

Lo ha dichiarato l’on. Carlo Giovanardi intervenendo a KlausCondicio, il programma tv di Klaus Davi in onda su YouTube, in merito alle anticipazioni stampa che lanciano la notizia di una versione omosex del celebre programma di Maria De Filippi.

Nel corso dell’intervista visibile sotto, l’ex sottosegretario ha aggiunto: “Se penso che ormai da anni in tutti i festival del cinema, nelle fiction, in tv, c’è un overdose di programmi gay non posso che constatare che la moda è quella di rappresentare situazioni di questo tipo. Le lobby gay sono potentissime anche dal punto di vista economico quindi il fatto che ci sia riproposto costantemente e insistentemente questo modello è un fatto culturale che rischia di offuscare il modello eterosessuale. Lo scandalo non è la singola trasmissione.


Lo scandalo – continua Giovanardi – non è questa trasmissione, visto che uno può anche cambiare canale, ma che a breve verranno criminalizzati e penalmente perseguiti programmi in cui si rappresenta Valentino e Valentina dicendo che è quello il modello. E’ quello che sta accadendo, appena al di là ormai del fatto che una trasmissione televisiva ci racconti Ugo che corteggia Ugo o Maria che corteggia Maria, qui siamo al punto che se uno dice che la normalità è Ugo che corteggia Maria rischia recriminazioni. Che una trasmissione pomeridiana – conclude l’esponente Pdl – si accodi ad altre mille forme di spettacolo dove se non c’è la storia gay sembra che non ci sia la storia, è un segno del conformismo dei tempi e che questo sia diventato il simbolo dell’attenzione al tema dei diritti è una cosa veramente singolare”.

Per la verità in Italia – a differenza della Spagna - sono poche le possibilità che una versione gay di Uomini e Donne sia lanciata. La conduttrice, nel corso di una chat tenuta con i suoi fan, ha lamentato un “vizio di forma” mentre per C’è Posta per Te la questione sembra essere diversa:

“forse uomini e donne avrebbe un problema pratico: i corteggiatori avrebbero possibilità di vedersi di incontrarsi anche due volte a settimana e se nascessero storie d’amore, verrebbe meno l’assunto del programma. per C’è posta, spesso ci ho pensato, sono arrivate delle richieste, ho però una remora: il compagno o la compagna invitato al buio (come il presupposto vuole),laddove non fosse dichiarato, sarebbe contento/a di vedere rivelato il suo orientamento sessuale?”



Articoli che potrebbero interessarti


MARIA DE FILIPPI
UOMINI E DONNE, MARIA DE FILIPPI: A SETTEMBRE IL TRONO GAY


Ipotesi trono gay a Uomini e donne
TRONO GAY A UOMINI E DONNE? PIU’ MAI CHE POI…


Alex Migliorini piange con la sua famiglia
Uomini e Donne 2017/2018: Alex Migliorini è il tronista gay


Uomini e Donne Spagna coppia gay
UOMINI E DONNE IN SPAGNA: UNA COPPIA GAY “INFILTRATA” IN UN TRONO ROSA

13 Commenti dei lettori »

1. gè95 ha scritto:

28 giugno 2013 alle 12:53

è ovvio che non possa esistere una versione gay di uomini e donne, se i corteggiatori se la fanno tra di loro non viene rispettato lo schema del programma



2. Marco89 ha scritto:

28 giugno 2013 alle 13:03

Lasciando perdere gran parte delle altre dichiarazioni che lasciano il tempo che trovano, ai suoi nipotini di 4 e 5 consiglia di far vedere Uomini e donne in versione attuale, cioè etero? Beh non è che così lanci messaggi migliori. Senza parole.
Più che dei media, dei festival del cinema e del resto, che sono luoghi d’ elite totolmente lontani dalla strada, Giovanardi si renda conto di quanto ancora sia difficile vivere liberamente
l’ omosessualità nei tempi nostri. Quando io andavo a scuola c’ era addirittura più rispetto…adesso i bambini di dieci anni definiscono con espressioni poco simpatiche i gay…quindi la lobby non è sicuramente reale ma fittizia. Basterebbe insegnare il rispetto, io al mio cuginetto di 4 anni che vedeva Luxuria in tv spiegai quello che era realmente, e non mi è sembrato particolarmente scosso, vive benissimo. Son tutte cavolate.



3. tania ha scritto:

28 giugno 2013 alle 13:04

Caro Giovanardi,premesso che con i suoi nipoti puo’ comportarsi come crede,io personalmente non ho modelli che lei evidentemente ha.Alle mie nipoti ho fatto vedere Beautiful Thing,Serendipity e Transamerica e non hanno avuto problemi di nessun genere.



4. Raffaele Di Santo ha scritto:

28 giugno 2013 alle 13:23

Io non metterei Giovanardi davanti ai miei figli.



5. Mickey ha scritto:

28 giugno 2013 alle 13:24

Solo in Italia può esistere gente che:

1) Guarda simili robacce

2) Pensa che le situazioni rappresentate siano vere

3) Pensa che i corteggiatori/tronisti visti finora siano tutti etero



6. Fiò ha scritto:

28 giugno 2013 alle 13:56

No comment.



7. Bradz ha scritto:

28 giugno 2013 alle 13:58

Scene di sesso esplicite a uomini e donne??? Ma quando mai!!! E poi se anke ci fossero tra etero invece gliele farebbe guardare a dei bambini??? Ma dai!!! La cosa piú brutta in Italia è chiamare con l appellativo di onorevole sti personaggi qui!!!



8. marcko ha scritto:

28 giugno 2013 alle 15:15

son sicuro ke i nipotini di giovanardi si vergognano di lui sia in tv ke nella vita reale.



9. ilyf ha scritto:

28 giugno 2013 alle 15:27

@marcko perchè ? solo perchè te pensi di pensare in maniera giusta !?! se si , chi sei te per dirci come pensare



10. alberto ha scritto:

28 giugno 2013 alle 15:46

hahahahahaha non faccia vedere neanche la versione etero che può causare pure più danni. Ma l’attività politica di questo onorevole si esplica solo in invettive contro i gay? Mi sembra che nella sua carriera politica, abbia parlato solo di loro. Mahhhh stranissima Italia



11. nicola83 ha scritto:

28 giugno 2013 alle 17:06

Ma Giovanardi ancora in politica sta? Ma ancora non l’hanno spedito a zappare la terra a calci in c**o?



12. Dasmix ha scritto:

28 giugno 2013 alle 20:48

Disse la passiva repressa..



13. Michele ha scritto:

29 giugno 2013 alle 13:34

Allora caro Carlo Giovanardi se lei non vuole che la tv faccia programmi sui gay, io cittadino italiano orgogliosamente non cattolico voglio che siano bandite per sempre dalla Rai, tv pubblica di uno stato LAICO tutte le fiction religiose su preti, suore, papi e santi, A sua immagine, la trasmissione della Santa Messa (che per me è solo il comizio settimanale di un capo di stato straniero) e tutti i programmacci estivi dedicati a Padre Pio e San Francesco guardati solo dalle vecchie, se li vogliono questi programmi li faccia Tv2000 non la Rai pagata dagli italiani con il canone e non dallo IOR o da tutti i soldi che i preti risparmiano con l’esenzione dall’Imu.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.