21
giugno

I RACCOMANDATI… E LE TANGENTI: APERTA UN’INCHIESTA SU ALCUNI CAPISTRUTTURA RAI

Ciak Si Canta

La Rai non ha fatto in tempo ad uscire dall’impasse che ha determinato il lungo rinvio per l’approvazione dei palinsesti autunnali, che già una nuova tegola si abbatte sul tetto di viale Mazzini: la procura di Roma ha infatti aperto un’indagine per abuso d’ufficio, nella quale sono coinvolti alcuni capistruttura dell’azienda pubblica.

Tutto nasce dalla denuncia presentata da Pietro Di Lorenzo, ex presidente della società di produzione tv Ldm, nella quale si parla di alcune (presunte) somme di denaro a lui richieste prima sotto forma di prestiti e poi di vere e proprie tangenti dall’ex capostruttura di Rai 1 Giampiero Raveggi, la cui posizione è ora sotto verifica insieme a quella della moglie Chiara Cavagni, capostruttura dell’Ufficio Risorse Televisive. Oltre alle richieste economiche, secondo le affermazioni di Di Lorenzo, ci sarebbe stata anche una richiesta di assunzione per il figlio del responsabile palinsesti Chicco Agnese, che voleva oltretutto uno stipendio ben superiore a quello garantito dalla Rai per la sua qualifica.

Intervistato da La Stampa, Raveggi si difende affermando di essere oggetto di una vera e propria forma di stalking da parte di Di Lorenzo, e che ben due indagini interne Rai hanno appurato l’infondatezza delle accuse. Secondo il produttore, invece, il rifiuto alle richieste di Raveggi avrebbe portato ad una drastica riduzione di impegni per la sua società con conseguente danno economico: dal 2006 il fatturato con la Rai sarebbe sceso da 18 a 2 milioni di euro l’anno. Non solo: come leggiamo sul Corriere, Di Lorenzo afferma che i suoi format sono stati mandati in onda contro programmi di successo proprio per farli risultare un flop e che gli ospiti sono stati contrattualizzati soltanto all’ultimo momento e con cachet molto inferiori alle richieste. Dal suo sdegnato “no” sarebbero dipesi il “finire fuori i binari” de I RaccomandatiMettiamoci all’Opera nonché la mancata messa in produzione della terza serie della fiction Il Capitanodella seconda di Cugino & Cugino. Coinvolti anche Butta la luna e Punto su di te.

Il pm Alberto Galanti ha già proceduto con le prime iscrizioni nel registro degli indagati e convocato i conduttori delle trasmissioni per conoscere la loro versione dei fatti, benché non vi siano sospetti su un loro eventuale coinvolgimento. Tra i primi ad essere ascoltati Eleonora Daniele, conduttrice della puntata pilota e della prima stagione di Ciak… si canta: Di Lorenzo afferma infatti di aver subito molte pressioni da Gianni Alemanno affinché fosse proprio lei la conduttrice dello show. Fabrizio Frizzi, Claudio Lippi, Martina Colombari ed Elisabetta Canalis sarebbero invece stati indicati come testimoni dal produttore che, dopo aver raccontato già tutto all’allora commissione etica Rai, dovrebbe incontrare a breve anche la nuova commissione di vigilanza.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Monica Maggioni
Rai, Guardia di Finanza nella sede di Roma. «Acquisizione di documenti» sulle spese di Monica Maggioni


Milena Gabanelli e la redazione di Report
Milena Gabanelli, addio alla Rai: «Proseguirò il mio mestiere su un altro mezzo. Penso di avere chiuso con la TV» – Video


Federica Angeli
Rai, giovedì 16 novembre staffetta tv per i giornalisti minacciati


Flavio Insinna, spot Brio Blu Rocchetta
Flavio Insinna risponde a Rocchetta: «La richiesta danni è infondata. Io sono stato danneggiato»

3 Commenti dei lettori »

1. Peppe93 ha scritto:

21 giugno 2013 alle 16:39

Secondo me Di Lorenzo ha alzato questo polverone solo per cercare di lavorare nuovamente in Rai. Comunque vedremo. Le cose che si stanno dicendo su Eleonora Daniele per me sono false.



2. mugnezz ha scritto:

21 giugno 2013 alle 17:18

non mi stupico proprio per niente , anzi non mi stupirei se saltassero fuori altre cose losche



3. Tommi ha scritto:

21 giugno 2013 alle 18:27

Dite a Di Lorenzo che i programmi che ha prodotto con la Rai (e lo dico nel modo più gentile) erano una vera “merda”!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.