4
giugno

MA IL CIELO E’ SEMPRE PIU’ BLU: RAI 1 REPLICA LA FICTION SU RINO GAETANO

Rino Gaetano (Claudio Santamaria) - Ma il cielo è sempre più blu

Rino Gaetano (Claudio Santamaria) - Ma il cielo è sempre più blu

“Chi vive in baracca, chi suda il salario, chi ama l’amore e i sogni di gloria, chi ruba pensioni, chi ha scarsa memoria. Chi mangia una volta, chi tira al bersaglio, chi vuole l’aumento, chi gioca a Sanremo, chi porta gli occhiali, chi va sotto un treno“. Così scriveva e cantava Rino Gaetano nel 1975 e a distanza di quasi quarant’anni il commento dolce amaro che l’artista fece dell’Italia nel suo brano Ma il cielo è sempre più blu risulta quanto mai attuale.

Rai 1 questa sera omaggia l’artista calabrese scomparso nel 1981, a due giorni di distanza dall’anniversario della sua morte, avvenuta il 2 giugno, e replica la fiction Rino Gaetano – Ma il cielo è sempre più blu andata in onda in prima visione nel 2007 per la regia di Marco Turco, con Claudio Santamaria nel ruolo del protagonista e prodotta da Claudia Mori.

La miniserie in due episodi, che questa sera verrà trasmessa in un’unica puntata, racconta la vita del cantautore dagli esordi al successo e ha riscosso a suo tempo un grande consenso di pubblico, mentre è stata duramente criticata dalla famiglia dell’artista, in particolar modo dalla sorella Anna, che contestò l’inserimento nella narrazione di circostanze non rispondenti al vero, come la storia d’amore tra Rino e la sua manager interpretata da Laura Chiatti, e al contrario l’omissione di avvenimenti importanti come l’imminente matrimonio con la fidanzata, a cui dà il volto Kasia Smutniak.

Non apprezzati inoltre i continui riferimenti all’alcool, secondo lei non così presente nella vita del fratello e l’atteggiamento ostile affidato al padre dei due. Più di tutto però mancherebbe la trasposizione degli ultimi momenti di vita del cantante, l’incidente stradale di cui fu vittima e l’inutile tentativo di salvarlo con ben cinque ospedali che rifiutarono il suo arrivo. Di contro, il cantante Antonello Venditti all’indomani della messa in onda criticò il fatto che non ci fossero riferimenti alla dipendenza di Gaetano dalla cocaina, finendo per essere querelato dalla famiglia.

Una fiction che ha fatto discutere, dunque, e che presumibilmente contribuirà a girare il coltello nella piaga, visti i tagli necessari per la riduzione di questa sera ad una puntata sola.



Articoli che potrebbero interessarti


Liberi Sognatori - Libero Grassi
Liberi Sognatori: su Canale5 il ciclo di film dedicato a quattro eroi civili. Apre Libero Grassi


Natale a Un Medico in Famiglia
10 episodi cult a tema natalizio di fiction e serie TV


Rocco Schiavone
10 fiction da vedere o rivedere in streaming nelle feste. Senza pagare


Gomorra
Serie tv sulla mafia, Nicola Gratteri: «Ragazzi imitano i personaggi». Giusto monito, ma no alle censure

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.