17
maggio

EUROVISION SONG CONTEST 2013, SECONDA SEMIFINALE: ECCO I PAESI CHE PASSANO. L’EST EUROPA FA DI NUOVO BLOCCO, REGOLAMENTO DA RIVEDERE?

Eurovision Song Contest 2013

Eurovision Song Contest 2013

Anche quest’anno l’Eurovision Song Contest ha dato il “peggio” di sé con il meccanismo di votazione messo in piedi dall’organizzazione. Certo, si è cercato di limitare per quanto possibile il solito blocco tra paesi “amici”, ma evidentemente quanto fatto non è sufficiente: EBU dovrebbe mettere mano al regolamento e rivedere totalmente la struttura della manifestazione, che sta soffrendo parecchio l’ingresso dei paesi dell’est, sempre pronti a supportarsi a vicenda.

E così a rimetterci sono i paesi meno in luce, come la buon San Marino che ha talmente creduto nella kermesse da mettersi nuovamente in discussione portando sul palco di Malmo un pezzo particolarmente interessante, senza dubbio adatto ai palati degli spettatori europei. Ma Valentina Monetta – seconda volta consecutiva all’ESC – non ce l’ha fatta comunque, la sua Crisalide è rimasta al palo e il progetto europeo va ancora in fumo.

Sì perché, come in molti hanno fatto notare anche all’EBU da tempo, da anni sta venendo a galla una preoccupante tacita solidarietà tra paesi amici, in particolare il blocco dell’Est Europa, che puntualmente si riversa i voti pur di arrivare in finale e tentare di scalare la vetta. Nulla di sorprendente dunque in questa Top10 uscita dalla seconda semifinale, in cui spiccano i soliti Azerbaijan, Armenia, Romania e Georgia, mentre il Nord – che arriva compatto in finale – si è speso per aiutare Norvegia, Finandia e Islanda.

Ecco la Top10 della seconda semifinale (non è un ordine di classifica):

- Ungheria – ByeAlex – Kedvesem
- Azerbaijan – Fərid Məmmədov – Hold me
- Georgia – Nodiko Tatishvili e Sopho Gelovani – Waterfall
- Romania – Cezar – It’s my life
- Norvegia – Margaret Berger – I feed you my love
- Islanda – Eyþór Ingi Gunnlaugsson – Ég á líf
- Armenia – Dorians – Lonely planet
- Finlandia – Krista Siegfrids – Marry me
- Malta – Gianluca Bezzina – Tomorrow
- Grecia – Koza Mostra feat. Agathonas Iakovidis – Alcohol is free

I 7 paesi eliminati:

- Lettonia – PeR – Here we go
- San Marino – Valentina Monetta – Crisalide
- Macedonia – Esma Redžepova e Vlatko Lozanoski – Pred da se razdeni
- Bulgaria – Elitsa Todorova e Stoyan Yankulov – Samo šampioni
- Israele – Moran Mazor – Rak bishvilo
- Albania – Adrian Lulgjuraj e Bledar Sejko – Identitet
- Svizzera – Takasa – You and me



Articoli che potrebbero interessarti


Eurovision Song Contest, classifica Mengoni
EUROVISION SONG CONTEST 2013: LA CLASSIFICA FINALE


Eurovision Song Contest 2013
EUROVISION SONG CONTEST 2013, LA PRIMA SEMIFINALE: ECCO I CANTANTI CHE PASSANO ALLA FINALE


NCIS
Ascolti TV Usa, i più visti della stagione 2016/2017


ESC 2017 - Simulazione seconda semifinale
Eurovision Song Contest 2017: i cantanti in gara nella seconda semifinale – Scaletta e foto

7 Commenti dei lettori »

1. johli8 ha scritto:

17 maggio 2013 alle 11:21

Noooooooooo! Mi hanno tolto la cabello da quelli che!! Noooooooooooo! Da settembre nella domenica di rai2 ci sarà quello spocchioso di Savino!!!! Nooooooooo!! luttoooooo!! Vicky tornaaa!



2. Franco2 ha scritto:

17 maggio 2013 alle 12:13

Mah, in realtà non sappiamo con certezza quanto ha agito il sistema dei blocchi geografici, visto che i voti dei singoli Paesi nelle semifinali non si conoscono.
E poi, c’è da dire che per la prima volta tutto il blocco ex yugoslavo è stato eliminato quando, in teoria, dovrebbe essere anche più forte del blocco scandinavo.
Comunque, sì, è un peccato che Valentina sia stata eliminata. Non lo meritava proprio. :(
Speriamo che San Marino le dia una terza possibilità (magari stavolta affidandosi ad autori sanmarinesi).



3. Dasmix ha scritto:

17 maggio 2013 alle 12:53

La finlandese la amo! Trash a manna.
Comunque far uscire Mengoni 23esimo su 26 in gara nella serata di Sabato, non è molto producente o sbaglio?!

@johli8: OMG ma comee! Spero vivamente che non sia così.



4. johli8 ha scritto:

17 maggio 2013 alle 13:36

@Dasmix
Mi sa proprio che sarà cosii :( poi ci lamentiamo dell’incompetenza di mediaset,in rai manco scherzano!! Da settembre la domenica si gioca a burraco



5. Josep Ballester Alizpikueta ha scritto:

17 maggio 2013 alle 13:42

Dasmix: Far uscire Mengoni 23esimo, significa che ha buone probabilità di vittoria … Se pensi che negli ultimi 10 anni i vincitori si sono esibiti dalla posizione 17 in giù , credo che l’Italia abbia buone probabilità di vincere. Daniele, io credo che quest’anno il regolamento sia buono , vedi , per esempio che paesi come Olanda o Belgio sono passati alla finale e che non ci sia nemmeno un paese balcanico o Cipro è già un passo avanti. Per quanto riguarda San Marino, è stato un peccato , però è lo stesso che le succedeva con Andorra: sono microstati e non ci sono molto emigranti sammarinesi o andorrani sparsi per l’Europa(come il caso di Malta o Cipro)



6. Dasmix ha scritto:

17 maggio 2013 alle 15:52

Johli: si mi sa che è l’unica.. Mah che balle però!

Josep: mi hai convinto, speriamo allora!
Per quanto riguarda san marino la canzone non era nulla di che ma lei bravina come cantante.



7. MisterGrr ha scritto:

17 maggio 2013 alle 19:10

Allucinante il non passaggio di San Marino, Israele e Svizzera, al posto di quelle brutture immense di Armenia, Ungheria e ROMANIA.

Sì, cantiamo per 23°, ma tanto hanno letteralmente consegnato il trofeo alla Danimarca, facendola cantare da canzoni da ultimi posti come Ungheria e Islanda.

Non c’è il blocco slavo (erano decenni che non si vedeva almeno una nazione yugo in finale), ma c’è quasi tutto il blocco sovietico (tranne la Lettonia in pratica) e tutto il blocco nordico.
E’ una vera vergogna, la vera pecca dell’ESC.

Forza Anouk!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.