6
maggio

GIULIO ANDREOTTI E’ MORTO.

Giulio Andreotti

Giulio Andreotti

Lo sguardo assente. Di fronte a lui Paola Perego. La location il salotto delle interviste di “Questa Domenica” contenitore della domenica pomeriggio di Canale 5. Giulio Andreotti, in quell’occasione, in diretta tv, lasciò tutti a bocca aperta. Assolutamente incapace di reagire per diversi minuti, si rese protagonista di un momento rimasto alla storia. Della televisione. Ma anche della sua storia. Indimenticabile per tutti coloro che assistevano alla trasmissione.

Non fu un mancamento, ma impossibilità di reazione. Il suo fisico era già molto debole, questo è certo. Oggi, però, le notizie sono altre: Giulio Andreotti è morto.

Novantaquattrenne, più volte primo ministro italiano è stato, senza ombra di dubbio uno degli uomini che hanno segnato la politica dello stivale. L’anno scorso, sul web, si era diffusa la voce della sua scomparsa, niente di vero. Lui stesso parlò di “allungamento della sua vita”, scherzandoci sopra.

E’ morto a Roma, alle ore 12.25. I funerali, quindi, si terranno domani pomeriggio. Se ne va così uno degli uomini più discussi. L’uomo che ispirò il film scritto e diretto da Paolo Sorrentino “Il Divo” e che senza ombra di dubbio resterà uno dei personaggi più importanti del ventesimo secolo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Luciano De Crescenzo
E’ morto Luciano De Crescenzo


Luca Zingaretti e Andrea Camilleri
Luca Zingaretti piange Andrea Camilleri: «Ho sperato fino all’ultimo che aprissi gli occhi. Mi lasci con un senso incolmabile di vuoto»


Andrea Camilleri
Andrea Camilleri è morto. Addio al papà del Commissario Montalbano


Cameron Boyce
Morto nel sonno Cameron Boyce. La stellina Disney aveva solo 20 anni

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.