25
aprile

LA SINDROME DELL’ODORE DI PESCE

Malattie Imbarazzanti

Malattie Imbarazzanti

Non fatevi trarre in inganno dal titolo! Non parliamo di grandi chef appassionati di fritture miste e neanche di ex-lucciole in pensione. Parliamo di una malattia rara che affligge la povera Michelle, una giovane ragazza africana di 25 anni.

Michelle è disperata (e anche chi le sta attorno pare!) poichè rilascia un cattivo odore di pesce dal fiato e dalle urine. A parlarne lei stessa a Malattie Imbarazzanti (Real time, mercoledi ore 00.30). La vita della ragazza è limitata: non riesce a tessere relazioni umane, a mantenere un posto di lavoro fisso e addirittura a prendere un autobus. Si sente emarginata e additata da una società schiava dell’immagine che non tollera il suo profumo di fogna.

Michelle è in lacrime, non riesce a trovare un fidanzato. La dottoressa che l’ha visitata in trasmissione ha dichiarato che la fragranza nauseabonda proviene dalla bocca e dalla zone intime. Ecco svelato il problema: chi andrebbe a letto con una donna che alita pattume? Michelle è una ragazza con la “puzza sotto al naso“, ma non perchè assume atteggiamenti sdegnosi ma perchè lei davvero la puzza di pesce ce l’ha sotto al naso tutto il giorno, “soprattutto nei giorni di ciclo”, dichiara. La gente la evita mentre le pescherie vorrebbero acquistarla per attirare clienti. Trovare l’amore è impossibile in queste condizioni persino Hannibal Lecter la risparmierebbe. Al tanfo di putrefazione non c’è profumo in flacone che tenga anzi spesso il mix è letale.

La sindrome, che è un eccessivo accumulo di trimetillamina nell’organismo, prevede una lunga terapia a base di antibiotici e probiotici accompagnati da una dieta ferrea a base di frutta, verdura e “Arbre magic”!

Siamo contenti perchè Michelle presto guarirà, profumerà di rose e nuove consapevolezze. E, chissà, magari potrebbe essere scritturata per un nuovo film: “Non aprite quella bocca!”

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Imma Polese - Matteo Giordano
Il Castello delle Cerimonie: la nuova boss Imma, figlia di Don Antonio, dà il via alla sesta stagione


discovery italia
Discovery, palinsesti 2017/2018: le novità di Real Time, DMAX, Focus, Giallo, Discovery Channel ed Eurosport


Take Me Out
Gabriele Corsi a DM: «Take Me Out è divertente nonostante il conduttore. Torno a Carta Bianca? Lo spero vivamente»


REAL TIME_Cose da non chiedere_3
Cose da Non Chiedere: come «maneggiare con cura» i luoghi comuni

26 Commenti dei lettori »

1. Matteo ha scritto:

25 aprile 2013 alle 15:46

Questa e` pura pubblicita` o mi sbaglio?



2. pedro (edizione italiana) ha scritto:

25 aprile 2013 alle 16:37

Matteo: Vergognoso tutto quanto, ecco quello che è. Ma come si può alle 20:45 h, in access prime time, (anche se notte fonda da voi) mandare in onda questa porcheria e senza nemmeno un taglio??? A quest’ora ci sono milioni di bambini guardando la televisione, per amor del cielo!!! Dobbiamo protteggerli, non vi pare???
Ma che schifo di trasmissione, santo cielo dove siamo arrivati!!!
Ripeto, come si può??? Tutti dobbiamo protestare per far sì che la tolgano dal palinsesto, o almeno mandarla in onda a notte fonda come da voi. Ditemi la verità, vi prego. Non vi sentite anche voi chiamati in causa???



3. Anon ha scritto:

25 aprile 2013 alle 16:45

@pedro: Ma cosa c’è che i bambini non possano vedere?
È una malattia che esiste davvero e in questo programma ti fanno capire cos’è e come si cura. Non capisco cosa ci sia di male.



4. Nina ha scritto:

25 aprile 2013 alle 17:00

Stasera rilassati con noi con Malattie Imbarazzanti e My Schokin body!

Pedro: alle 20,45 non ci devono essere bambini da soli davanti alla Tv. Il problema non esiste.



5. pedro (edizione italiana) ha scritto:

25 aprile 2013 alle 17:00

@Anon: Mi riferisco alla trasmissione in generale. È uno schifo vero e proprio. Ma pensi veramente che è giusto mandare in onda questa schifezza tutti i giorni alle 20.45 di sera???
Le nostre parti intime non dovrebbero mai apparire in televisione, e ancora meno alle 20.45 della sera. Come ho detto prima, ci sono molti bambini davanti alla tv a quest’ora. Per amor del cielo, ma come si può??? Non pensate questo anche voi? E non pensate che dobbiamo fare qualcosa al riguardo???



6. Davide Maggio ha scritto:

25 aprile 2013 alle 17:03

Il problema non esiste. Il programma va in onda alle 23. Pedro non parlare a vanvera. E magari dai un’occhiata alla tv spagnola che in pieno daytime ne combina di corte e di crude.



7. Davide Maggio ha scritto:

25 aprile 2013 alle 17:03

Matteo: all’odore di pesce?



8. pedro ha scritto:

25 aprile 2013 alle 17:17

Scusa Davide, magari non mi sono spiegato bene. Infatti sto parlando della tv del mio paese. Da noi la trasmissione va in onda alle 20.45. Per me, questo è inaccettabile e vergognoso. Mi dispiace. Non sto parlando a vanvera. Sono semplicemente arrabbiato.



9. Dasmix ha scritto:

25 aprile 2013 alle 17:24

Ahahaha davide!

Beh in effetti a paragone la tv spagnola è più spinta, ma forse anche per la mentalià più aperta. (Beati loro)



10. PierVivaCanale5 ha scritto:

25 aprile 2013 alle 17:27

che bella foto..ahahah



11. pedro (edizione italiana) ha scritto:

25 aprile 2013 alle 18:12

Nina ha detto: “alle 20,45 non ci devono essere bambini da soli davanti alla Tv. Il problema non esiste”.

@Nina: Infatti tutti i miei amici mi dicono la stessa cosa, cioè “Il problema non esiste”. Ed infatti i miei amici guardano la trasmissione con la presenza dei suoi figli piccoli. Loro mi dicono che la sessualità non deve essere un tabù fin da piccoli, e per questa ragione guardano la trasmissione insieme.
Mi sa che il problema c’è l’ho solo io. Magari è perché non ho ancora figli. Mah.



12. Psquared ha scritto:

25 aprile 2013 alle 18:13

Che poi il fatto che le “parti intime” non debbano mai comparire mi lascia un po’ basito… voglio dire è una cosa che hanno tutti, e se proprio vogliamo chiamare in causa i bambini sono proprio loro che non vedono malizia in nulla. Poi gridare allo scandalo per una trasmissione che parla di salute e malattie mi pare veramente pura follia



13. Josep Ballester Alizpikueta ha scritto:

25 aprile 2013 alle 18:16

Pedro:invece Sálvame ,dove si insultano ogni giorno per quattro ore, é un bel programma da far vedere ai bambini.



14. MisterGrr ha scritto:

25 aprile 2013 alle 18:41

malattie imbarazzanti è il top



15. pedro (edizione italiana) ha scritto:

25 aprile 2013 alle 18:48

DM: Scusa DM, prima ho scritto un commento molto importante per dare un senso a tutto il mio discorso. “Penso” che magari è molto interessante per gli utenti. Non lo vedo. Mi potete dire cos’è successo?

Magari non era adatto per il pubblico italiano ed è stato eliminato. (Non lo so. Proprio per questo mi piacerebbe saperlo).
Grazie.



16. pedro (edizione italiana) ha scritto:

25 aprile 2013 alle 18:56

DM: Scusa DM, adesso lo vedo.



17. pedro (edizione italiana) ha scritto:

25 aprile 2013 alle 19:07

Josep: Neanche quello, neanche quello. Certo amigo!



18. AnnaBi ha scritto:

25 aprile 2013 alle 19:35

Sarà che adoro il dottore e ho una cotta per lui, ma adoro questi programmi “imbarazzanti”. La cosa sconcertante, semmai, è che i dottori visitano spesso a mani nude, toccano piaghe e bubboni così..mah. Per il resto in Italia è tutto pixellato, si trattano le parti anatomiche con approccio medico, non è sex therapy e va in onda tardi. Poi mi chiedo, io per carità non ho figli e sarò meno sensibile, ma devono essere la televisione e tutti i media a dover pensare ai bambini, ma sti genitori non ci possono pensare da se a far crescere sani e forti i pargoli? Bisogna sempre delegare agli altri? Io sono cresciuta prima di censure, moige, fasce protette e federazioni armate di genitori e mi sembra che i ragazzini di oggi, che mi obbligano a fare l’alba per vedere qualcosa di interessante, siano comunque iper sessualizzati.



19. Davide Maggio ha scritto:

25 aprile 2013 alle 19:51

pedro: o usi un unico nick oppure il tuo ban lo sento sempre più vicino!



20. liberopensiero ha scritto:

25 aprile 2013 alle 23:07

La mia trasmissione preferita..in assoluto,non c’è niente di male!È tutta natura!



21. liberopensiero ha scritto:

25 aprile 2013 alle 23:28

La foto non si riferisce all’odore di pesce per due motivi:la ragazza che ne è affetta è afroamericana e le cosce sono bianche.Tutti e tre i medici non hanno le mascherine per la puzza.Unico dubbio,perché è necessario che le due dottoresse tengano la paziente per le caviglie?e che caspita di attrezzo tiene in mano il dottore???O signur questo mi diventa un horror ah ah ah…..



22. Anon ha scritto:

26 aprile 2013 alle 09:42

@pedro (edizione italiana): se il programma avesse parlato di malattie alle mani, avresti fatto lo stesso ragionamento?



23. pedro ha scritto:

26 aprile 2013 alle 21:34

@Anon. No, assolutamente no.
Il problema è che le poche volte che ho visto la trasmissione, ho visto immagini di nudo (e mi riferisco a organi sessuali maschili e femminili) senza nessun tipo di pixelizazione. E mandare in onda queste immagini alle 20:45 di sera, (che in realtà è come se fossero le 19:45 da voi), mi sembra un po’ troppo presto. E non soltanto scene di nudo, anche immagini che a mio parere possono ferire la sensibilità dei più piccoli.
Ma se la trasmissione fosse in onda, diciamo dopo le 11, per me sarebbe perfetto.
E ti posso assicurare che ho una mentalità molto aperta, ma questo è veramente troppo.



24. Antonella ha scritto:

26 aprile 2013 alle 23:11

L’attrezzo che tiene il doc in mano dovrebbe essere uno speculum, che si usa, appunto, per fare le visite ginecologiche…



25. Anon ha scritto:

27 aprile 2013 alle 14:05

@pedro: ti ripeto la domanda: se il programma parlasse di malattie alle mani e facesse vedere le mani di pazienti malati senza pixelizazione, diresti la stessa cosa?

Gli organi sessuali sono organi come tutti gli altri. Hanno qualcosa in più o in meno di braccia, gambe, mani, orecchie o dita?

Se tuo figlio si scandalizza a vedere un organo sessuale maschile o femminile, significa che non sei un buon padre o una buona madre.



26. Miriam ha scritto:

21 maggio 2013 alle 20:38

Ma meno male che finalmente c’è una trasmissione così!

1) La sindrome dell’odore di pesce esiste davvero, è rara sì, ma esiste, ed è devastante per chi ne è affetto! e meno male che in una trasmissione pubblica finalmente ne parlano, così come di tutte le altre malattie, sia rare che non rare. Visto che per tutto il resto ci sono solo veline e attricette mezze nude, con pose e comportamenti al limite della pornografia…questo invece è educativo!? Ma fatemi il piacere..vogliamo poi parlare di alcuni video musicali di mtv ecc? del grande fratello che rompe i maroni da più di 10 anni? di uomini e donne? di gente che (per soldi, quindi è pure tutto inventato) litiga e si prende a parolacce in tv?

2) Il parlare di malattie imbarazzanti e, a volte, rare può aiutare chi si vergogna ad andare dal medico..quando invece non c’è nulla da vergognarsi (se si trova un buon medico!). Inoltre spesso uno rimane per tanto tempo senza sapere neanche il nome della propria malattia, e spesso si vergogna di andare dal medico o i medici stessi sorvolano su certe malattie, non sapendo nemmeno loro cosa sia.

3) In Italia è tutto pixellato, però il vedere come un organo (sessuale e non) possa diventare “imbarazzante” a causa di alcune malattie (soprattutto quelle sessualmente trasmissibili!) può far maggiormente responsabilizzare per quando riguarda l’uso del preservativo ma anche di controllo preventivi come per i tumori (avevano per esempio parlato di tumori alla mammella, dell’autopalpazione ecc). Invece per le parti non sessuali, può aiutare a sensibilizzare le persone e avere comunque rispetto per chi, purtroppo, ha problemi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.