17
aprile

BUIO: SU PREMIUM CINEMA ARRIVA IL THRILLER CON OSVART, SMUTNIAK, MADE’ E CERVI

Buio - Premium Cinema

Coprodotto dall’italiana Leader Film Company e dall’americana Dolphin Entertainment, con la regia di Nicolaj Pennestri, venerdì 19 aprile alle 21,15 su Premium Cinemaandrà in onda in prima Tv Buio, film thriller in 4 episodi da 20 minuti ciascuno, Protagonista assoluto del film, inizialmente destinato ad una trasmissione in chiaro su Canale5 ed in seguito migrato su Mediaset Premium, sarà il buio, inteso come buio dei luoghi ma anche dell’anima.

Ogni corto si concentrerà su un personaggio, limitando al massimo gli spazi e l’arco di tempo della storia. Protagoniste degli episodi 4 attrici, pronte  a mostrare per l’occasione il loro lato più noir: Andrea Osvart, Margareth Madè, Kasia Smutniak e Valentina Cervi.

Nel primo corto dal titolo L’Intruso, Andrea Osvart interpreta Giulia, una ragazza che rimane sola nella grande villa di famiglia. Rumori, telefonate senza risposte ed alcuni macabri indizi fanno credere alla ragazza che un uomo si aggiri minacciosamente nella casa. Nessuno la vuole ascoltare; neppure la polizia vuole credere alle sue ragioni. Quando scoprirà l’identità del suo assassino, sarà troppo tardi…

In Buio, secondo corto che da’ il titolo anche all’intero film, Margareth Madè, reduce dal successo de Il Commissario Montalbano, interpreta Angela, una ragazza a cui un incidente porta via la vista ed il padre. Un uomo misterioso la cresce. Angela si sente al sicuro fino a quando un’operazione agli occhi non le permette di riacquistare la vista. Ma con la vista Angela troverà anche gli assassini del padre.

Nell’episodio Cinque ore di luna piena, in una corsa sfrenata contro il tempo, guidando sulle strade di una Roma futuribile, Ester, una ragazza interpretata da Kasia Smutniak, tenta di salvare la vita al proprio uomo. Il tempo non lascia spazio agli errori. Sola contro tutti la donna andrà incontro al suo destino. Una storia drammatica, che appare come un nero presagio, se si considera che proprio poco tempo dopo aver girato il corto, la Smutniak ha visto morire in una tragedia il suo compagno Pietro Taricone.

L’ultimo corto, dal titolo L’Urlo, vede invece Valentina Cervi nei panni di Barbara, una ragazza che si perde nei sotterranei di un grande albergo. In un’angusta cantina tenta di salvare una ragazza dalle grinfie di un maniaco; per farlo dovrà affrontare le insidie e la mente perversa del serial killer. Non tutto però sembra ciò che appare.



Articoli che potrebbero interessarti


Ballando con le stelle 2016 - Lucarelli e Mariotto
BALLANDO CON LE STELLE 2016 – IAGO GARCIA VS LUCARELLI: “MI SEMBRI UNA TRONISTA”. E POI VINCE SUI TACCHI. FUORI LA MADE’


Margareth Madé e Samuel Peron
MARGARETH MADE’ E SAMUEL PERON A BALLANDO CON LE STELLE 2016


Milly Carlucci
BALLANDO CON LE STELLE 2016: IL CAST COMPLETO


Nicole Orlando
BALLANDO CON LE STELLE 2016: NICOLE ORLANDO E MARGARETH MADE’ CONCORRENTI

3 Commenti dei lettori »

1. Peppe93 ha scritto:

17 aprile 2013 alle 13:24

Salvatore: sulla guida tv mediaset dice durata 94 minuti infatti inizia alle 21.15 e finisce alle 22.50
Comunuque bel progetto mi piace.



2. Marco89 ha scritto:

17 aprile 2013 alle 13:31

L’ idea mi sembra buona, certo su canale 5 avrebbe totalizzato il 10 a farla grande.
Le attrici però non mi convincono: la Madè è imbarazzante nella recitazione, Osvart inespressiva e poco talentuosa, Cervi enigmatica e poco comunicativa ( anche se sembra faccia faville all’ estero), si salva la Smutniak, anche se a me non fa impazzire.



3. Luna ha scritto:

17 aprile 2013 alle 16:33

Marco89 ahahahhahahahahahhhh una peggiore dell’altra (salvo solo la Cervi) Pensa che su Sky la peggiore attrice in “In Treatment” é la Smutniak…una lagna !!!!!! Vedi cosa vuol dire fidanzarsi con un produttore ? Lavori senza saper recitare !



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.