4
aprile

DA VINCI’S DEMONS – SET IN GALLES PER LA SERIE SUL GIOVANE LEONARDO. GOYER: IN ITALIA E’ PIU’ COMPLESSO GIRARE

Da Vinci's Demons - Conferenza Stampa

Un evento. Il più grande genio che la storia abbia mai incontrato, raccontato in contemporanea in oltre 120 paesi del mondo grazie a una coproduzione internazionale (Fox International Channels, BBC WorldWide, Starz) tra le più ambiziose realizzate negli ultimi anni. Non una biografia, però: Da Vinci’s Demonsdal 22 aprile ogni lunedì alle 21.50 su Fox –  è un “fantasy storico” che ricostruisce, non senza immaginazione, gli anni giovanili di Leonardo Da Vinci, quelli di cui si hanno le minori testimonianze storiche.

“C’è un periodo della sua giovinezza, quello che va dai 28 ai 32 anni, di cui non si ha documentazione storica: c’è chi ritiene che all’epoca lavorasse per il sultano d’Egitto come ingegnere in Siria, costruendo macchine da guerra per l’Impero Ottomano (…) In realtà nessuno lo sa. Esistono versioni contrastanti in merito. E la nostra storia è ambientata proprio in quel periodo”

spiega il creatore David Goyer - già sceneggiatore della trilogia de Il Cavaliere Oscuro – che si è lanciato in questa mastodontica e complessa operazione. Intervenuto stamane alla conferenza stampa tenutasi a Palazzo Vecchio a Firenze, insieme al cast di attori, Goyer ha ammesso di non temere le critiche che potrebbero arrivare dal pubblico italiano per una rappresentazione storica non sempre fedele e non esente da scene di sesso e violenza.

“Sapevamo che certi aspetti sarebbero stati provocatori per gli italiani ma, se mi conoscete, le stesse controversie le ho avute per Batman e so già che le avremo per Superman (che presto porterà sul grande schermo, ndDM). Provocare è la mia natura“.

Allo stesso tempo, riguardo alla serie, aggiunge:

“Superato lo shock che Leonardo non è un vecchio con la barba, la serie celebra una persona e Firenze. Spero che avrete ancora più turisti”.

Peccato però che Da Vinci’s Demons sia stato girato in Galles per la necessità di avere a disposizione un ampio sound stage e grazie al governo britannico che ha reso più semplice il tutto mettendo a disposizione una serie di castelli. In Italia – tuona Goyer – “è tutto più complesso, parlate con la vostra film commission“. Curiosamente, però, la Toscana Film Commission ha collaborato ai 3 giorni fiorentini di presentazione della serie, che hanno avuto altresì il patrocinio del Comune di Firenze, il cui sindaco, Matteo Renzi, è stato ringraziato ieri nel corso della proiezione.

La mancata ambientazione nel Belpaese va di pari passo con l’assenza nel cast principale di attori italiani. L’abbiamo chiesto noi di DM all’autore, per il quale non ci sono state preclusioni e la scelta è ricaduta sui migliori che “casualmente”, aggiungiamo noi, sono britannici come la BBC che coproduce la serie.

E’ Tom Riley, giovane inglese promettente, colui che dà il volto ad un venticinquenne Leonardo. Scelto –  fa sapere Goyer – per la sua intelligenza (“non si può fingere l’intelligenza“), ma con addominali ben scolpiti, il protagonista ha confessato che per calarsi nel ruolo si è concentrato sulla parte umana di Leonardo. Da Vinci’s Demons, però, offre un ritratto dell’autore della Gioconda che spesso sconfina nel mitologico. Inevitabili dunque i paragoni tra il genio toscano e i supereroi portati sullo schermo da Goyer. L’autore, che sottolinea il fatto che il mantello di Batman è stato disegnato ispirandosi ad un disegno di Leonardo, parla di somiglianze con Bruce Wayne: entrambi hanno incubi e un rapporto particolare con la loro famiglia. Per Riley il super potere di Leonardo “è la sua mente che non vedeva dei limiti“.

In conferenza c’è poi spazio per le battute di Goyer sul fatto che, per gli americani, Leonardo significa Di Caprio e che la vera storia di un ristorante vegetariano aperto – e andato male – da Leonardo e Botticelli potrebbe essere il soggetto di una sitcom. Tra le curiosità, invece, c’è il vestito composto da 2000 penne di pollo che vedremo indossare nella serie da Laura Haddock, interprete di Lucrezia Donati, l’affascinante nobildonna fiorentina amante di Lorenzo dei Medici e oggetto del desiderio di Leonardo.



Articoli che potrebbero interessarti


Da-Vincis-Demons
DA VINCI’S DEMONS: LA SERIE SU LEONARDO IN ESCLUSIVA SU FOX NEL 2013


Leonardo da Vinci (Tom Riley) (4)
DA VINCI’S DEMONS: BOCCIATA L’AMERICANATA SU LEONARDO DI FOX


Keshia Knight Pulliam (Rudy Robinson) oggi
Come sono diventati i bambini delle serie TV – Foto


Professione Vacanze
10 Serie d’Estate mai dimenticate

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.