3
aprile

SERENA DANDINI RIPARTE DA ‘FERITE A MORTE’: OGGI ALLE INVASIONI BARBARICHE

Serena Dandini

Serena Dandini

Femminicidio e violenza sulle donne. Tema così complesso ma allo stesso tempo assente dalla tv generalista, se non sotto forma di cronaca nera. Che se ne parli, nei termini dell’intervento sociale e dei progetti da mettere in atto, è cosa lontana. La patata bollente diventa televisiva solo se c’è di mezzo l’ennesima vittima, un fatto atroce di cronaca e la curiosità ‘necrologica’.

La previsione, in questo senso, si tiene ben lontana dalla tv del pomeriggio e quella del prime time. A causa delle difficoltà a trattare un tema così complesso e la superficialità che, invece, straripa nel piccolo schermo italiano. Ma non sempre, per fortuna.

Serena Dandini, ospite stasera a ‘Le Invasioni Barbariche’ e distante dalla tv come protagonista, si sta dedicando al teatro con ‘Ferite a Morte’: storie di vittime di uomini assassini, stalker, compagni dall’amore malato. Pièce che è diventata anche un libro. La ‘battaglia delle ragazze’ racconta la complessa lotta al femminicidio, tra struggenza e disperazione, i cui dati in Italia sono ogni giorno più allarmanti.

Un progetto che si allarga ben oltre il racconto e che punta a fissare impegni nell’agenda del governo nazionale: primi su tutti leggi contro la violenza sulle donne. Ad affiancarla a teatro anche volti noti, da sempre impegnati tra sociale e tv: Lella Costa, Ambra Angiolini, Micaela Ramazzotti, ma non solo.

A ‘Io Donna’ Serena Dandini ha detto: «Al Governo chiediamo leggi, non rose». Tante le tappe dello show: Roma, Firenze, Milano e poi in tutta Italia a cui parteciperanno anche nomi importanti istituzionali e dello spettacolo: da Malika Ayane ma anche i politici Emma Bonino e Susanna Camusso. Due appuntamenti internazionali inoltre: Londra e New York.

Perché non mandare in tv (perché non su La 7?) uno degli appuntamenti teatrali? Comunque, nel corso della puntata de ‘Le Invasioni Barbariche’ anche Paola Ferrari, Maccio Capatonda, Suor Anna Nobili e Sebastiano Mauri.



Articoli che potrebbero interessarti


Paola Ferrari contro Serena Dandini
PAOLA FERRARI: SERENA DANDINI? BELLA STR*NZA


Flavio Insinna
Insinna, Striscia attacca ancora: nel suo libro «violenza anti-femminile che si spinge al femminicidio»


urbano-cairo-daria-bignardi
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (23-29/03/2015). PROMOSSI GEO E CASAROTTO, BOCCIATI ALTA INFEDELTA’ E LE INVASIONI


Stefano De Martino - da Facebook
DM LIVE24: 26 MARZO 2015. STEFANO DE MARTINO: NON SONO UN MANTENUTO – FRANK MATANO EMOZIONATO A LE INVASIONI BARBARICHE

2 Commenti dei lettori »

1. gio ha scritto:

3 aprile 2013 alle 12:23

Tema assente dalla tv generalista??!!! Cos’è una presa per il cu..? Praticamente è l’unico argomento di cui si parla tutti i giorni nei programmi per donne dal mattino alla sera spesso con l’ausilio di programmi e fiction sull’argomento in prima e seconda serata.
E’ così la Dandini dopo anni di intrattenimento di sinistra si da al femminismo più frenato…..



2. Marco89 ha scritto:

3 aprile 2013 alle 12:32

@ Gio: nell’ articolo è specificato, se non sotto forma di cronaca nera.
Detto questo, saro acido e maligno, sprofonderò all’ inferno, ma mi fa ridere che adesso la Dandini si occupi di questo, forse perchè magari non ha più un posto in tv. E poi parla lei di leggi? Difende la sinistra che spesso e volentieri con chi commette reati di un certo tipo, ha il pugno molto poco duro…solo il fatto di non voler cambiare la Costituzione per immettere leggi più severe fa capire quanto poco abbia fatto per questo tema in questi anni. L’ Italia è l’ unico paese in cui i politici vanno in carcere a trovare chi ha commesso il reato, dargli supporto psicologico e non dai parenti della vittima. Ipocrisia allo stato puro. Pure Ambra ci si mette..mamma mia, povera Italia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.