14
marzo

BIGNOMI: LA RAI AL SERVIZIO DELLA CULTURA. VIA SMARTPHONE.

Fiorello parla dell'origine del Risorgimento

Le cartucciere che avvolgono il girovita degli studenti manco fossero la cintura di Batman? Lo storico Bignami tascabile, attentamente celato in una tasca (possibilmente laterale) dei jeans durante i compiti in classe? Acqua passata, ormai. L’era digitale e il mondo 2.0 hanno invaso il mondo sociale e culturale che, finalmente, escogita un modo intelligente e ironico per fornire ai liceali (e non) le nozioni base per l’apprendimento di letteratura italiana e storia. Stiamo parlando di BiGnomi, una nuova app educativa disponibile gratuitamente per iPhone e Android, realizzata dalla Rai in collaborazione con la società informatica Giob.

Una divertente video-enciclopedia utilissima per gli studenti desiderosi di ripassare, in breve tempo e in piena leggerezza, gli argomenti più disparati della nostra storia e delle nostre lettere. E chi meglio dei protagonisti della musica, dello sport, del cinema e della televisione può accattivare il pubblico giovane istruendolo sulla biografia di Umberto Saba e sull’effettiva durata del Congresso di Vienna? Carlo Verdone che si immerge in “quel ramo del lago di Como”, Enzo Miccio che indaga il percorso dantesco della Divina Commedia risparmiando qualche consiglio a Beatrice e al suo outfit, Enzo Iacchetti che ripercorre le tappe fondamentali dell’entrata dell’Italia nella Grande Guerra e Fiorello che sfoglia la biografia e le imprese di Giuseppe Mazzini: sono solo alcuni dei volti e degli argomenti affrontati dal BiGnomi per divertire, ma soprattutto, per istruire.

In pillole video della durata massima di quattro minuti, vecchi e giovani potranno rinfrescarsi la memoria su alcune delle materie più ostiche del nostro percorso di studio, facile trappola dei domandoni sciorinati nei quiz tv e delle ficcanti interrogazioni promosse dalle Iene. Certo, lo studio rimane di per sé uno degli assiomi più importanti per garantirsi un futuro solido e onesto, ma perché non usufruire dell’aiuto di un’iniziativa che potrebbe facilitarci il lavoro segnalando le informazioni base di quello o quell’altro argomento?

Oltre che su smartphone, BIGnomi è disponibile anche attraverso il sito www.bignomi.rai.it e le Smart Tv predisposte per la connessione a internet. Per ora i filmati sono cento, ma non è detto che in futuro possano aumentare contando sulla risposta del pubblico e, naturalmente, sulla complicità delle star.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati


RENZI: CANONE RAI RIDOTTO A 100 EURO NEL 2016. SI PAGHERA’ IN BOLLETTA

Il canone Rai verrà abbassato e si pagherà in bolletta: Matteo Renzi ha estratto il coniglio dal cilindro. Ospite a In Mezz'Ora, su Rai3,...


STASERA E’ PROPRIO NERA: MARIA CARMELA RIMANE DA SOLA. FUORI ALDO BUSI, DOMENICA SI PUNTA SULL’EDUCAZIONE SESSUALE.

E' durata solo una puntata l'avventura di Aldo Busi al fianco di Barbara d'Urso. Se domenica scorsa vi siete persi i balli scatenati, le...


ASCOLTI TV DI VENERDI 16 GENNAIO 2015: FORTE FORTE FORTE DEBUTTA AL 15.52%. SENZA IDENTITA’ AL 13.6%. QUARTO GRADO AL 9.97%

Ascolti tv prime time - venerdì 16 gennaio 2015 Su Rai1 la prima puntata (qui il resoconto completo e le foto) di Forte Forte Forte ha...


MILLY CARLUCCI A DM: AVREMO UNA SORPRESONA NELLA SECONDA PUNTATA, LAPO ELKANN!

Precisa, puntuale, pignola. Intervistarla è un piacere: ha sempre una risposta per tutto e guai a trovarla impreparata. Anche quando si trova...

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.