1
marzo

CHE DIO CI AIUTI 2: GUARDARLA NON E’ PECCATO

Che dio ci aiuti 2

Non è che serva proprio l’aiuto dell’Altissimo per fare un buon prodotto televisivo. Bastano degli autori bravi che abbiano voglia di fare quello per cui sono pagati. Scrivere. E degli attori preparati capaci anche loro di fare quello per cui sono pagati. Recitare. E così quella che all’apparenza potrebbe sembrare una fiction banale si trasforma in un prodotto leggero e divertente, che lo spettatore segue senza pensare che gli sceneggiatori siano cresciuti a televisione e Topazio e che gli attori abbiano studiato recitazione sul Bignami. Parliamo di Che Dio ci Aiuti 2, in onda il giovedi sera su Rai1.

Rai1. Ve lo ripetiamo perchè dovete avere ben presente che siete sintonizzati sul tasto numero 1 del telecomando e che state guardando le storie di una suora, dall’approccio decisamente più solare rispetto a quello della religiosa interpretata da Jessica Lange in American Horror Story-Asylum e sicuramente più sobrio, sebbene non bigotto, rispetto alla monaca di Monza. Se invece vi approcciate alla visione di Che Dio ci Aiuti, aspettandovi la versione di Lost ambientata in un convento, allora, ve lo diciamo subito, resterete delusi. La novità della fiction, la prima che salta subito agli occhi anche dello spettatore più distratto, è che il protagonista non è Beppe Fiorello. E nemmeno Terence Hill, sebbene il paragone tra Suor Angela e Don Matteo arrivi puntuale come l’”amen” dopo che il prete dice  ”andate in pace”. Diciamo però che guardando le storie di Suor Angela, non proverete quel senso di “afflizione”, che le atmosfere e le storie di Don Matteo provocano, soprattutto nel pubblico più giovane.

Nella stagione di quest’anno, dicendola all’americana, siamo passati da un taglio poliziesco a uno procedurale. Italianizzando, dal poliziotto all’avvocato. Nello specifico da Massimo Poggio a Lino Guanciale, che si sono passati il testimone di abitante maschile del convento e di protagonista della storia d’amore potenziale e latente. Le puntate sono strutturate seguendo sempre lo stesso schema. Introduzione del piccolo Davide, che fa da voce narrante in apertura, “fattaccio” che costituisce il fulcro della puntata e a cui Suor Angela si trova in qualche modo connessa, come Jessica Fletcher lo è sempre a un omicidio, effetti collaterali del fattaccio sugli abitanti del convento, panoramica sull’andamento delle loro vite e… lieto fine. Siamo su Rai1 e per di più in un convento, ricordatevelo. Dalle parole redenzione e “happy end” non si può prescindere.

Sicuramente, le storie raccontate non verrebbero premiate con l’Oscar alla migliore sceneggiatura originale. D’altronde i problemi comuni son sempre gli stessi e sono già tanti. Non c’è necessità di inventarsene altri, provocando paranoie nello spettatore! Perdoniamo anche qualche falsa illusione, come quella creata nella terza puntata in cui Azzurra, interpretata dalla brava Francesca Chillemi, riceve una multa di 550 euro… la stessa cifra con cui potrebbe comprare due paia di Manolo Blahnik in saldo. Beh, questo no. Magari.

Oltre a Lino Guanciale, che abbiamo già nominato e di cui, in una botta di superficialità, vogliamo sottolineare la dotazione di una buona quantità di fascino, nel cast compaiono una serie di attrici giovani che “svecchiano” l’atmosfera della fiction (e il suddetto riferimento alle Manolo ne è un esempio). Non che questo significhi che Elena Sofia Ricci e Valeria Fabrizi siano vecchie, ma diciamo che, per questioni di curriculum, rientrano nella categoria “veterane”.

Il cast giovane permette poi di costruire dialoghi veloci e simpatici, in cui utilizzare una terminologia più moderna che supera la soglia della misericordia e dell’amore per il prossimo, concetti che si percepiscono ma restano nell’ambito del sottinteso e dello scontato, e che non dà l’idea che ogni battuta sia un sermone e un’esplosione di tutte le buone parole del mondo. Una cosa sola, ma il mammoccetto con che diavolo di accento parla? Oh no, abbiamo detto diavolo. Che Dio ci aiuti!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Rosy Abate - La Serie
Rosy Abate riporta in scena il meglio di Squadra Antimafia


Le Tre Rose di Eva 4
Le Tre Rose di Eva sono tornate davvero


Sirene
Sirene: un racconto fumettistico e confuso, audace ma senza pretese


Sotto Copertura 2
Sotto Copertura 2: Gioè nuovo eroe Rai, da cattivo Preziosi convince

6 Commenti dei lettori »

1. Marco89 ha scritto:

1 marzo 2013 alle 15:08

No Valeria non toccarmi il bimbo che mi fa impazzire! Ha un accento forse siciliano credo, ma ieri quando ha rivelato di non voler cambiare le scarpe perchè la mamma le ha detto che erano da ometto ero a rischio lacrimazione occhi! E’ di una tenerezza disarmante.
Che dire, fiction bellissima! Trama senza molte pretese ma ti strappa un sorriso. I buoni sentimenti ci sono ma meno stucchevoli che in altre fiction…e poi Azzurra! Divina! Non sopportavo la Chillemi ma qui mi piace da matti…gli sceneggiatori hanno costruito un personaggio meraviglioso! La sua ignoranza è da oscar.
La Ricci comincia a piacermi ma come suora mi sa sempre un pò di innaturale. Comunque fiction promossa a pieni voti, altro che Don MAtteo, dove sembra di essere in un’ altra era.
Brava Valeria!



2. giuseli8 ha scritto:

1 marzo 2013 alle 16:12

Adoro qsta fiction,infatti l’unica fiction tra rai e mediaset che guardo. Mi fa passare 2 ore serene,la seguo dalla prima serie e penso che Azzurra sia uno dei motivi di successo di qsta serie.Riesce sempre a strapparti un sorriso.Spero che nel momento in cui ci fosse una terza serie Azzurra non venga accantonata perchè sarebbe un peccato! cmq da 1a10 a qsta serie do un 7+ magari arriverò a darle un 8,ma siamo solo alla seconda puntata ne mancano ancora 6! :D



3. rien ha scritto:

1 marzo 2013 alle 18:03

La Ricci quando dice “Che Dio ci aiuti” è alquanto insopportabile e stonata!



4. Paolo Ottomano ha scritto:

1 marzo 2013 alle 18:12

Ma… Che davero? Dai, ragazzi, non mi sembra il caso di risollevare l’ennesima fiction cattolica, banalotta, che cerca di far ridere ma alla fin fine è un po’ triste… Non un minimo di suspense, battute telefonate, simpatia forzata, recitazione approssimativa in alcuni degli attori :D
Non è che stiamo abbassando le pretese di qualità perchè il livello dei prodotti medi rai e mediaset si sta abbassando ancora? Nessuno chiede Lost o Romanzo Criminale o Faccia D’angelo, giusto per citare anche qualcosa di italiano, ma (per non andare troppo lontano) già una fitcion come “Il tredicesimo apostolo” è meglio



5. Giacofiore ha scritto:

2 marzo 2013 alle 21:35

Bella fiction, almeno per gli amanti del genere! Non per quelli che amano serie sanguinarie come sopra…



6. Paolo_Ottomano ha scritto:

3 marzo 2013 alle 12:27

Beh non è solo questione di serie sanguinarie :) Ce ne sono tante altre tranquille e comiche: pushing daisies, my name ie earl, anche la mitica Nonno Felice di una decina d’anni fa o più :D Anche la prima di Un medico in famiglia (che riguardata adesso fa un certo effetto)!
Ovviamente il giudizio è anche soggettivo, ma se ci propinano sempre la stessa qualità prima o poi diventiamo assuefatti e non riusciamo più a distinguere qualcosa di scritto davvero bene e qualcosa fatto in catena di montaggio, andando a cercare solo una gratificazione immediata o un tappeto visivo-sonoro…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.