25
febbraio

OSCAR 2013: TUTTI I VINCITORI E IL NOIOSO SPECIALE DI SKY CINEMA

Ben Affleck

La notte degli Oscar è stata lunghissima e noi l’abbiamo seguita tutta nell’altrettanto lunghissima maratona che Sky Cinema Oscar ha dedicato alla manifestazione. Prima di segnalarvi i nomi dei vincitori dell’ambita statuetta, spenderemmo però due parole su come Sky ha scelto di celebrare questa serata. La conclusione è che sarebbe stato meglio per tutti collegarsi e trasmettere in diretta red carpet e cerimonia piutttosto che costringere lo spettatore a guardare inutili ‘commenti a corredo’. Il trio composto da Francesco Castelnuovo, Gianni Canova e Selvaggia Lucarelli, in collegamento da uno studio triste come il set di Marcellino Pane e Vino, era male assortito come il gelato al cioccolato che fa da contorno alla fiorentina.

Fondamentalmente non si è compreso fino in fondo il motivo per cui fossero lì. Non c’è stata critica, se non qualche commento superficiale o pronostico da bar sport, non c’è stato approfondimento, non c’è stata ironia, solo continui collegamenti con Hollywood Boulevard e con i presentatori americani, che mandavano in onda servizi e interviste e gli immancabili spazi pubblicitari. La Lucarelli che di solito siamo abituati a vedere simpatica e brillante era imbalsamata su una sedia con un ipad in grembo a leggere tweet e sondaggi, intimorita da un Gianni Canova che è certamente un grande critico ma nei confronti dell’ironia e della leggerezza, ha lo stesso istinto killer che Dexter ha nei confronti dei criminali. Francesco Castelnuovo, dal cui taglio di capelli da paggetto, ahinoi, non riusciamo a prescindere, ha provato a essere simpatico. Lo ricorderemo per aver commentato il suo tweet preferito “oscar, pizza e birra gelata” aggiungendo che mancava “il rutto libero di fantozziana memoria”. Non ridete troppo, eh.

Insomma, o si toglie l’audio americano e i commentatori italiani commentano direttamente la serata che si svolge sia sul red carpet che all’interno del teatro, lasciando spazio alla lingua originale quando ce n’è bisogno oppure si lascia andare tutto in lingua originale perchè nemmeno con gli effetti speciali degli Studios una interprete può diventare una e trina, riuscendo a tradurre simultaneamente lo scambio di battute delle presentatrici sul red carpet e le risposte degli intervistati senza infastidire lo spettatore con l’inevitabile tono stenografico. A questo punto, finito il “taglia e cuci” degno dell’Oscar per i migliori costumi, vi segnaliamo qui di seguito, categoria per categoria, i vincitori della statuetta, che segneremo in grassetto all’interno delle nominations.

Miglior film
Argo
Beasts of the Southern Wild
Django Unchained
Les Misérables
Lincoln
Il lato positivo – Silver Linings Playbook
Amour
Vita di Pi
Zero Dark Thirty

Migliore attore protagonista
Bradley Cooper (Il lato positivo – Silver Linings Playbook)
Daniel Day-Lewis (Lincoln)
Hugh Jackman (Les Miserables)
Denzel Washington (Flight)
Joaquin Phoenix (The Master)

Migliore attrice protagonista
Jessica Chastain (Zero Dark Thirty)
Jennifer Lawrence (Il lato positivo – Silver Linings Playbook)
Quvenzhané Wallis (Beasts of the Southern Wild)
Naomi Watts (The Impossible)
Emmanuele Riva (Amour)

Miglior regista
Michael Haneke (Amour)
Benh Zeitlin (Beasts of the Southern Wild)
Ang Lee (Vita di Pi)
Steven Spielberg (Lincoln)
David O. Russell (Silver Linings Playbook)

Migliore attore non protagonista
Alan Arkin (Argo)
Robert De Niro (Il lato positivo – Silver Linings Playbook)
Tommy Lee Jones (Lincoln)
Phillip Seymour Hoffman (The Master)
Christoph Waltz (Django Unchained)

Migliore attrice non protagonista
Sally Field (Lincoln)
Anne Hathaway (Les Miserables)
Helen Hunt (The Sessions)
Jacki Weaver (Silver Linings Playbook)
Amy Adams (The Master)

Miglior film d’animazione
Ribelle – The Brave
Frankenweenie
Ralph Spaccatutto
ParaNorman
The Pirates! Band of Misfits

Migliore scenografia
Sarah Greenwood and Katie Spencer (Anna Karenina)
Dan Hennah, Ra Vincent e Simon Bright (Lo Hobbit)
Eve Stewart (Les Miserables)
Rick Carter, Jim Erickson & Peter T. Frank (Lincoln)
David Gropman, Anna Pinnock (Vita di Pi)

Miglior fotografia
Seamus McGarvey (Anna Karenina)
Roger Deakins (Skyfall)
Claudio Miranda (Vita di Pi)
Janusz Kaminski (Lincoln)
Robert Richardson (Django Unchained)

Migliori costumi
Paco Delgado (Les Miserables)
Jacqueline Durran (Anna Karenina)
Eiko Ishioka (Biancaneve – Mirror Mirror)
Joanna Johnston (Lincoln)
Colleen Atwood (Snow White and the Huntsman)

Miglior documentario
5 Broken Cameras
The Gatekeepers
How to Survive a Plague
The Invisible War
Searching for Sugar Man

Miglior documentario corto
Inocente
Kings Point
Mondays at Racine
Open Heart
Redemption

Miglior montaggio
William Goldenberg (Argo)
Michael Kahn (Lincoln)
Dylan Tichenor and William Goldenberg (Zero Dark Thirty)
Tim Squyres (Vita di Pi)
Jay Cassidy & Crispin Struthers (Il lato positivo – Silver Linings Playbook)

Miglior film straniero
Amour di Michael Haneke (Austria)
A Royal Affair di Nikolaj Arcel (Danimarca)
No di Pablo Larraín (Cile)
War Witch di Kim Nguyen (Canada)
Kon-Tiki di Joachim Rønning, Espen Sandberg (Norvegia)

Miglior trucco
Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato
Les Miserables
Hitchcock

Miglior colonna sonora originale
Alexandre Desplat (Argo)
Dario Marianelli (Anna Karenina)
Mychael Danna (Vita di Pi)
John Williams (Lincoln)
Thomas Newman (Skyfall)

Miglior canzone originale
“Suddenly” Hugh Jackman (Les Miserables)
“Everybody needs a best friend” Walter Murphy, Seth MacFarlane (Ted)
“Skyfall” Adele (Skyfall)
“Before my time” J. Ralph (Chasing Eyes)
“Pi’s Lullaby” Mychael Danna, Bombay Jayashri (Vita di Pi)

Miglior cortometraggio animato
Adam and Dog
Fresh Guacamole
Head over Heels
Maggie Simpson in “The Longest Daycare”
Paperman

Miglior cortometraggio
Asad
Buzkashi Boys
Curfew
Death of a Shadow
Henry

Miglior sceneggiatura originale
Wes Anderson e Roman Coppola (Moonrise Kingdom)
Mark Boal (Zero Dark Thirty)
Michael Haneke (Amour)
Quentin Tarantino (Django Unchained)
John Gatins (Flight)

Miglior sceneggiatura non originale
Lucy Alibar, Benh Zeitlin (Beasts of the Southern Wild)
Tony Kushner (Lincoln)
David O. Russell (Il lato positivo – Silver Linings Playbook)
Chris Terrio (Argo)
David Magee (Vita di Pi)

Migliori effetti speciali
Vita di Pi
Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato
The Avengers
Prometheus
Snow White and the Huntsman

Miglior montaggio audio
Argo
Skyfall
Django Unchained
Zero Dark Thirty
Vita di Pi

Miglior missaggio sonoro
Argo
Lincoln
Skyfall
Vita di Pi
Les Miserables

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Emmy Awards 2017
Emmy Awards 2017: tutti i vincitori – Foto


Ermal Meta - Wind Summer Festival 2017
Wind Summer Festival 2017: ecco chi ha vinto


Mtv awards 2017
MTV Awards 2017: i vincitori


Daytime Emmy Awards 2017 -8
Daytime Emmy Awards 2017: il vecchio che avanza. I vincitori e il video integrale della serata

2 Commenti dei lettori »

1. IRISSA ha scritto:

25 febbraio 2013 alle 15:52

Ma questa parata ridicolissima contro Sky?



2. Paoli ha scritto:

26 febbraio 2013 alle 03:43

Vogliamo parlare dei doppiatori?!.. Quoto l’immediato taglio di capelli di Castelnuovo,non c’ha più l’età! Premio però sky di aver mandato in diretta la notte degli Oscar: sentito i lingua originale era perfetto!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.