20
febbraio

SIPRA DIVENTA RAI PUBBLICITÀ

Sipra

Sipra

«Tutto era sbagliato»: con queste tre parole del direttore generale Fabrizio Piscopo, ieri è arrivata l’ufficialità del cambio di nome della concessionaria Rai per la raccolta pubblicitaria Sipra, che presto si chiamerà, più semplicemente, Rai Pubblicità. Come riportato ieri da Italia Oggi, che ha intervistato il direttore generale Rai, Luigi Gubitosi proporrà al prossimo cda il cambio di nome, e la proposta non dovrebbe incontrare le ostilità degli altri consiglieri Rai.

Il dg Rai, infatti, arriverà forte del risultato positivo raccolto a Sanremo, con l’azienda radiotelevisiva che ha annunciato di aver chiuso in attivo, per la prima volta da 20 anni, il bilancio del Festival, ripagando tutti i costi tramite la raccolta pubblicitaria affidata a Sipra. La concessionaria pubblicitaria Rai, guidata dall’ad Lorenza Lei, ha annunciato di aver raccolto utili per circa 350 mila euro, oltre ad aver coperto grazie alla positiva raccolta pubblicitaria i 18 milioni di costi complessivi delle cinque serate del Festival.

Ma adesso si cambia, e si punta a fare ancora meglio. Infatti, sebbene a gennaio la Rai abbia registrato un calo della raccolta pari al 15% (in ogni caso meglio della media del mercato), per il 2013 la previsione è di chiudere con una flessione non superiore al 6%, e per raggiungere l’obiettivo la concessionaria verrà rivoluzionata. «Cambieremo il nome per una questione di riconoscibilità, di discontinuità col passato e di integrazione con la Rai» ha detto Gubitosi, che poi ha specificato i dettagli dell’operazione, assieme al dg Sipra Piscopo.

I 444 dipendenti della concessionaria saranno divisi in 8 business unit, guidate da 8 direttori distribuiti per aree geografiche. «Prima c’erano anche 4-5 persone che si occupavano della stessa cosa, con un marketing poco operativo, e c’era una scarsa propensione alle vendite, quasi si vergognavano di andare dal cliente e lo aspettavano» ha aggiunto Piscopo. Inoltre, sia Gubitosi che Piscopo, hanno annunciato che punteranno ad aumentare anche la raccolta web dei siti Rai, oggi vicina ai 6 milioni di euro, tutelando i diritti anche in Tribunale contro YouTube e chi li utilizza senza autorizzazione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Fabrizio Piscopo
IL FESTIVAL SANREMO 2017 SUPERERA’ SICURAMENTE IL 50% DI SHARE. PAROLA DI FABRIZIO PISCOPO (RAI PUBBLICITA’)


Sanremo 2017
SANREMO 2017, LE NOVITA’ SULL’ANNUNCIO DEI BIG, GIALAPPA’S, DOPOFESTIVAL E STRISCIA QUOTIDIANA


Carosello Reloaded
CAROSELLO RELOADED, EDIZIONE 2014: COSI’ NON PUO’ FUNZIONARE


Rai Pubblicità, Fabrizio Piscopo
RAI PUBBLICITA’ E SEAT: TRATTATIVE IN CORSO

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.