9
febbraio

SANREMO 2013: SKY NON SI ARRENDE AL FESTIVAL. E PERCHE’ MAI DOVREBBE?

Frame dello spot sanremese di Sky

Siamo d’accordo. Quelli di Sky vincerebbero la medaglia al valor televisivo per aver strenuamente combattuto su tutti i canali, per non essersi arresi al nemico, nemmeno se santo, e per non aver deposto la programmazione. La vincerebbero, se esistesse.

Con questa consapevolezza, lo spot che, in 32 secondi, passa dalla contrita atmosfera di una pubblicità progresso alla veemenza della scena finale dell’ultimo dei Mohicani e rivendica i meriti di Sky che non si arrende al Festival di Sanremo 2013 e mantiene la sua programmazione, perde di impatto mediatico. Anche perché la vorremmo vedere l’interruzione della messa in onda della Champions League o della Serie A. I tifosi troverebbero 1001 modi per utilizzare i decoder e nessuno di essi sarebbe ispirato dai principi della pace e della fratellanza.

Oltretutto, come spesso viene ripetuto in ambiente Sky, il valore degli ascolti non è assoluto. Ci sono le repliche, le repliche delle repliche e poi esiste quella geniale invenzione, quella di cui nessuno dei volti Sky può fare a meno (compreso Bruno Barbieri, che però vive a Londra): il My Sky. Praticamente, si preme il tasto R del telecomando per registrare una serie tv, un film o un programma e poi … si guarda Sanremo. L’abbonato Sky d’altronde è fedele. Lo è nonostante l‘ennesima replica pomeridiana di Una mamma per amica o la programmazione estiva quando il telespettatore ha la speranza di vedere qualcosa di nuovo solo se gli hanno cancellato la memoria. Evitare di mettere ulteriormente alla prova questa fedeltà, interrompendo la programmazione durante Sanremo 2013, attiene dunque più alla sfera della saggezza che a quella dell’eroismo.

Lo spot si apre con un‘immagine dell’Ariston illuminato stile camera ardente. “C’è una settimana durante la quale…“, è l’inizio parlato. E là ci aspettiamo che ci comunichino i dati di una qualche ricerca scientifica sugli italiani che prendono il mal di gola durante una settimana di freddo particolarmente intenso ed esorta all’uso della sciarpa, che altrimenti non riescono a cantare. E invece no, “è la settimana in cui la televisione italiana si concentra su un solo canale e gli altri… si spengono”. Tutti tranne quelli di Sky, gli eroi del palinsesto. Quindi, mercoledì 13 febbraio vi aspettiamo pronti davanti ai dati auditel, per vedere chi riuscirà a superare la soglia del “qua…” di share. Rai 1, il quaranta, Sky Uno, il quattro, con lo zero virgola prima.

D’altronde Sanremo è Sanremo, ma Sky è Sky, Per chiarezza e per non lasciarvi alcun dubbio, visto che ci siamo, vi confermiamo anche che DM è DM. Adesso che “chi è chi” è pacifico, continuiamo a lavorare.

Ecco lo spot:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Sky
Sky, carcere e multa per chi evade il canone col «card sharing». Come funziona la truffa


Masterchef (2)
Intrattenimento Sky 2017/2018: i programmi in palinsesto su SkyUno, FoxLife e SkyArte


Gomorra 3
Palinsesti Sky 2017/2018: le serie e i film


SkySport 2017/2018
Palinsesti Sky Sport 2017/2018

27 Commenti dei lettori »

1. sara881 ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 12:36

ahhaha c’avete ragione. Ci mancherebbe che Sky andasse in vacanza per Sanremo con quanto si fa pagare. A Sky sono bravissimi a coccolare i fan facendoli sentire importanti.



2. francesco ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 12:48

ahahah :D che spot simpatico!! :)



3. tammaro ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 12:57

giusto cosi mi si chiama mediaset



4. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 13:13

io sono triste perchè vivo fuori casa.uso sky go.
voglio vedere sanremo ma cosi mi perderò masterchef.
i guai della vita :( ahah.
devo trovare un modo per risolverli



5. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 13:19

uuuuuuuuuu ho appena scoperto che con skygo c’è anche skyondemand. e c’è masterchef.
no vabbè non ci posso credere *.*



6. Peppe93 ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 13:19

Io non mi pongo problemi guardo Sanremo e registro Masterchef con my sky :-) Comunque è giusto che facciano così, Sky è a pagamento….



7. amazing1972 ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 13:24

per sky è la manna caduta dal cielo. pensate a chi non vuole vedere sanremo…sky è l’unica che prosegue la sua solita marcia,quindi ha tutto di guadagnato. inoltre ha degli abbonati,che vanno trattati SEMPRE bene,non solo quando conviene. in ultimo,sky manda i suoi prodotti a getto continuo,su canali e piattaforme varie,quindi,visto che il suo metro non è l’auditel,niente va sprecato e chi vuole comunque guardare sanremo,avrà modo di non perdere la programmazione normale



8. amazing1972 ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 13:27

prevedo comunque ottimi risultati per tutti i canali digitali. il 40/45% della popolazione guarderà sanremo,ma rimane il resto che si dividerà tra tutti gli altri canali. certo,sarà difficile distinguere tra canale5,iris e raimovie…



9. sboy ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 13:50

Con i soldi che spillano ai poveri abbonati ti credo che proseguono la programmazione, sarebbe il colmo..



10. Vincent ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 14:02

Eh già Sky si paga, anche Mediaset Premium, però la sua programmazione è pietosa.



11. fabio94 ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 14:26

“Esiste quella geniale invenzione, quella di cui nessuno dei volti Sky può fare a meno (compreso Bruno Barbieri, che però vive a Londra): il My Sky”. Bè Bruno Barbieri userà Sky+ HD di BSkyB (la versione inglese del My Sky HD) ;-)



12. Nina ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 14:31

Lo spot di Mysky è orrendo, lungo, noioso, barboso. Riesce a rendere insopportabile persino Cattelan.



13. fabio94 ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 15:04

@Nina: A me invece non dispiacciono



14. luca ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 15:08

Caro Vincent è vero anche Mediaset Premium si paga.. di conseguenza la sua programmazione pietosa andrà avanti con un nuovo appuntamento di “the following” (la serie evento dell’ anno), i nuovi appuntamenti di “revolution”,”grimm”,”southland”,”thrue Justice”,”covert affairs”,”the fringe”.. la prima tv del film “ghost rider” che sky trasmetterà solo tra un mese, gli appuntamenti di champions,gli anticipi del sabato della serie a, diversi documentari.Il tutto alla modica cifra di 24 euro dato che più del 50% dei clienti ha sottoscritto la promo nazionale che permette loro di pagare per ben 6 mesi 24 euro. Non mi sembra alla luce quindi di tutto ciò una programmazione che si ferma per il festival.Poi de gustibus….



15. Vincent ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 15:22

@luca

ma che era uno spot? no perchè ti è riuscito male. :)
ah the following va anche su Sky e Ghost Ryder: Spirito di Vendetta Sky Cinema l’ha già trasmesso da settimane.

Giusto per essere precisi.



16. luca ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 15:51

Non voleva assolutamente essere uno spot..volevo far semplicemente notare che non mi sembra che la programmazione Premium sia pietosa anche durante questa settimana.Su Ghost Ryder pardon ho sbagliato…é john Edgar il film che sky trasmetterà tra circa un mese.



17. Vincent ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 16:01

Certo che puntarsi sull’ unica prima visione cinema di Mediaset Premium… un pò poco.

Comunque J. Edgar verrà trasmesso su Sky Cinema il 25 Feb (non so contare, forse è un mese).



18. fabio94 ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 16:13

@Luca e @Vincent: Io ho avuto sia Mediaset Premium che Sky e devo dire che non c’è paragone, è decisamente meglio Sky. Già il solo fatto di avere il My Sky HD vale il prezzo dell’abbonamento, poi c’è Sky Go e tutti i canali del satellite. Rimanendo in tema cinema Premium trasmette un solo canale in HD e adesso ha perso l’esclusiva Warner Bros, Sky trasmette tutti i canali cinema in HD



19. Ciro ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 16:23

ma x carità!! guardo Sanremo!!! :)



20. Vincent ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 16:23

In tempo di crisi e chi non l’ ha provato Mediaset Premium, si sperava di risparmiare, non sacrificando i contenuti. Aimè non è stato cosi. Se devo spendere, meglio per una buona offerta che per molto poco.
La differenza di prezzi non è imbarazzante come quella dei contenuti. Tutto Qui.

Poi ovviamente De Gustibus.



21. fabio94 ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 16:28

@Vincent: Infatti, io quando mi ero abbonato a Premium pagavo poco, poi ogni anno aggiungevano qualche canale (Cinema Energy, Cinema Emotion ecc.) e il prezzo lievitava ogni volta. Adesso che sono passato a Sky, sembra strano ma pago meno e ho di più



22. Luca ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 18:09

@ Vincent…il mio commento non voleva assolutamente fare un paragone fra sky e Mediaset..due mondi, dal punto di vista dei contenuti,assolutamente distanti.Ma non si può dire che la programmazione Mediaset premium faccia pena.



23. osservatore ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 18:59

Premium non fa pena……è solo nettamente inferiore come contenuti e qualità rispetto a Sky.
Scegliendo bene la differenza di prezzi non è così distante come un tempo



24. Davide Maggio ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 19:04

osservatore: ma che strano. Chissà come mai ero certo che Premium non ti piacesse.



25. osservatore ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 19:22

Avendo avuto la possibilità di guardare entrambe le piattaforme in tempi abbastanza recenti per motivi che non sto qui a spiegare, esprimo un parere…



26. Davide Maggio ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 19:30

osservatore: ma infatti. Chissà come mai, però, era quasi OVVIO. Sarò sensitivo.



27. david ha scritto:

9 febbraio 2013 alle 20:25

io non ho dubbi comunque, e guarderà sanremo! mi posso perdere sinceramente una settimana di serie tv e roba varia che tanto posso rivedere in mille repliche



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.