11
febbraio

MOVIE DRUGSTORE: IL MAGAZINE A TUTTO CINEMA CONDOTTO DA MIRIAM LEONE TORNA IN UNA VESTE RINNOVATA

Miriam Leone

Le novità anticipate dal direttore di Rai Gold Roberto Nepote (qui la nostra intervista) iniziano a prendere forma. Questa sera alle 23,10 su Rai Movie prenderà, infatti, il via Movie Drugstore, versione riveduta e corretta di Drugstore, il magazine dedicato al mondo della celluloide condotto lo scorso anno da Miriam Leone. Tra le novità del programma, numerosi ospiti in studio e servizi esterni curati da Livio Beshir che seguirà in esclusiva per il programma festival, anteprime, e tutti gli eventi legati al cinema.

Per un totale di 23 appuntamenti la riconfermata Miriam Leone accompagnerà l’ospite della settimana tra i diversi ‘reparti’ del nuovo studio, realizzato come un vero e proprio drugstore all’americana. Ogni reparto corrisponderà ad una rubrica dedicata ad un genere cinematografico diverso, dall’Action al Thriller, passando per il Comedy e per il piccante Reparto X. La trasmissione a cura di Alessandro Vitale con testi di Nicole Bianchi, Simona Bruno, Paolo Fichera, Valerio Orsolini, Gida Salvino e del comico Joe Violanti, darà inoltre molto spazio ai film in uscita nelle sale.

Nella rubrica dal titolo Nuovi arrivi saranno proposti focus e trailer per conoscere i film da non perdere, e la programmazione del canale con i tre migliori film in onda durante la settimana. Nello spazio Highlight si potrà invece scoprire una pellicola che ha fatto la storia del cinema, mentre il reparto sorveglianza, grazie a “sei telecamere” rivelerà cosa succede in altrettanti luoghi del mondo del cinema e dello showbiz internazionale. Approfondimenti, foto e versioni integrali delle interviste troveranno infine spazio sui profili Facebook e Twitter della trasmissione.

La prima puntata avrà come ospite Luca Argentero che parlerà della sua carriera e del nuovo impegno come produttore. Nel reparto Action Livio Beshir intervisterà Arnold Schwarzenegger, protagonista dell’ultimo film di Kim Jee-woon, The last stand. Nello spazio Romance verrà mostrata una compilation San Valentino con le più belle dichiarazioni d’amore del cinema, mentre nel Reparto X si andrà alla scoperta delle calzature sexy che hanno “calpestato” negli anni il grande schermo. Il reparto Sorveglianza punterà invece gli obiettivi sugli Oscar e sul Festival di Berlino.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Miriam Leone, Drugstore
DRUGSTORE: MIRIAM LEONE RIPARTE DAL FESTIVAL DEL CINEMA DI VENEZIA


Miriam Leone 6
DRUGSTORE: MIRIAM LEONE ALLA GUIDA DEL NUOVO MAGAZINE DI RAI MOVIE


BELEN
Pagelle TV della Settimana (5-11/06/2017). Promossa Virginia Raffaele. Bocciate Belen Rodriguez e Miriam Leone


miriam leone 1993
Miriam Leone a DM: in 1993 mi spoglio, ma metto a nudo l’anima non il corpo – Video

6 Commenti dei lettori »

1. Peppe93 ha scritto:

11 febbraio 2013 alle 16:19

Mi piace questo rinnovamento. Doveva essere così fin dall’inizio a mio parere.



2. aleb ha scritto:

11 febbraio 2013 alle 16:28

Lei è bravissima e anche bellissima, ma il sospetto di “raccomandazione” non riesco a togliermelo: per carità, lei merita… ma senza Caschetto, noto agente “amato” dal PD, la Leone avrebbe tutte queste opportunità? Idem per Bertolino, con il quale Miriam ha condotto qualche mese fa un programma “comico” su Rai 2, che ormai non fa più ridere nessuno: costui lavorerebbe ancora in RAI senza Caschetto e quindi senza il PD come “protezione”?



3. Mattia Buonocore ha scritto:

11 febbraio 2013 alle 16:32

@aleb non credo ci sia bisogno di scomodare il Pd.



4. aleb ha scritto:

11 febbraio 2013 alle 16:48

x 3. Mattia Buonocore
Se ci hai mai fatto caso, tutte le persone (maschi e femmine, sia ben chiaro) “raccomandate” dal PDL o da Berlusconi hanno fatto (da Minzolini in giù) una brutta fine a livello mediatico o giudiziario, mentre i personaggi riconducibili a Caschetto e quindi al PD “stranamente” MAI E POI MAI hanno subìto anche solo la più piccola critica: il caso di Miriam Leone è proprio emblematico… quando iniziò la carriera grazie all’intuizione di Del Noce (vicino al PDL), mi ricordo che i vari Pippo76 di turno l’apostrofavano dicendole “figlia di Brooke Logan”: poi è arrivato Caschetto e, come per magia, gli epiteti volgari sono quasi tutti spariti… e poi, l’ostracismo anti-Balivo da cosa deriva? Forse deriva anche dall’invidia e dall’odio che il PD ha sempre avuto verso Del Noce? Questo fattore più l’incapacità del PDL nell’autogestirsi produce queste cose: e non venitemi a dire che un Verro e una Lei (entrambi nominati dal PDL) che – estate 2011 – cancellano Perego e Balivo dal daytime per aumentare lo stipendio a Floris sono persone furbe!



5. Mattia Buonocore ha scritto:

11 febbraio 2013 alle 16:50

@aleb credo che le raccomandate di Berlusconi non siano per merito



6. aleb ha scritto:

11 febbraio 2013 alle 19:32

x 5. Mattia Buonocore
Veramente io parlavo sia di MASCHI che di FEMMINE, ovvero persone RACCOMANDATE da questo o da quel partito: purtroppo i raccomandati, sia MASCHI che FEMMINE, “non-meritevoli” ci sono sia tra il PDL che tra il PD e anche in altre liste. Tutto qui… magari il PD raccomanda “per via sessuale” ;) i maschi (vedi Marrazzo e i trans), ma sempre “non per merito” sono: temo che MAI, anche dopo il pensionamento di Silvio, ci libereremo dei raccomandati! Comunque, stranamente io MAI ho visto una “olgettina” in posizione di primo piano rilevante in tv: evidentemente si prostituivano gratis ;) oppure in cambio di poco e nulla!

E poi… strano che non mi hai contestato la vicenda su Del Noce: tutti sanno che il PD ha sempre ostracizzato Del Noce e le sue scelte… non solo la Balivo, ma Del Noce ha anche costruito anche conduttori uomini: chissà come mai non si ricorda mai che Del Noce ha re-inventato Pupo, Giletti, Sposini, Conti e altri, mentre si punta sempre il dito sulla Balivo!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.