6
febbraio

AMICI 12: LA PRIMA LEZIONE DI ROBERTO VECCHIONI

Amici 12 - Roberto Vecchioni

Il Professore conquista una cattedra nella scuola. Niente di più normale, se non fosse che il Professore in questione è Roberto Vecchioni e la scuola è quella di Amici di Maria De Filippi. Il noto cantautore, paroliere e scrittore italiano, vincitore due anni fa del Festival di Sanremo, ha deciso di mettere la propria arte e passione al servizio degli allievi del talent di Canale 5. Un progetto per avvicinare i giovani alla cultura della canzone italiana; un’occasione per condividere i suoi grandi amori: i ragazzi, la musica e le parole.

E il primo incontro è una vera e propria lezione; quella che il Professore dà ai cantanti di Amici:

“Sotto la vostra canzone c’è questo universo che si chiama cultura. Se voi prendete la vostra canzone e cantate quella, e pensate che solo quella conti, capite quattro o cinque parole di quella canzone e dite ‘Dio mio come la canto bene!’, non avete capito nulla (…) Allora che cos’è la cultura? La cultura è avere dentro di sé la traccia che l’uomo ha lasciato nel mondo… di sé”.

Non conta come si canta, dunque, ma come si cambia. Per non morire. E in questo Fiorella Mannoia è maestra. Lei come altri grandi della musica italiana saranno spunto per Vecchioni nelle sue prossime lezioni. Dalla prima, intanto, si congeda con una perla, che suona come uno schiaffo al “creato” di Amici:

“Vi lascio con un aneddoto di Barack Obama che, in una visita in una università della Pensilvania, disse agli studenti: ‘Voi dovete studiare non per diventare giocatori di pallacanestro come gli altri, che ne abbiam già tanti; rocker, che ne abbiam già tanti; manager, che ne abbiam già tanti. Voi dovete studiare per inventare altre cose, perché la verità del progresso è la novità. E nel canto è così. Bisogna cantare come si vuole cantare. E tentare di cambiare, sempre. Cercare fino all’infinito”.

Parole giuste pronunciate nel posto giusto. D’altronde, di Emma Marrone ne basta una, di Alessandra Amoroso ne basta una… Etc, etc, etc.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Maria De Filippi e Virginio Simonelli, vincitore di Amici 10
AMICI 10: VINCE IL TALENTO NELLA FINALE MENO EMOZIONANTE DI SEMPRE.


Amici 10 - i finalisti e Maria De Filippi
AMICI: LA FINALISSIMA IN DIRETTA SU DM. I VINCITORI SONO DENNY E VIRGINIO.


Vito Conversano 1
BOOM! AMICI: ALESSANDRA AMOROSO, EMMA MARRONE, ROBERTO VECCHIONI E FIORELLA MANNOIA PER LA FINALISSIMA.


X Factor - Casting
Casting di X Factor e Amici al via: ecco le tappe e le modalità di iscrizione

6 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

6 febbraio 2013 alle 18:06

La frase di Vecchioni in grassetto detta in un contesto di un talent (a prescindere da quale esso sia, non sto parlando in modo specifico di Amici, poteva essere anche XF) suona davvero come una barzelletta.



2. Fabio Fabbretti ha scritto:

6 febbraio 2013 alle 18:10

MisterGrr: Una frase, una lezione



3. MisterGrr ha scritto:

6 febbraio 2013 alle 18:33

Fabio: non andrebbe detta solo ai ragazzi purtroppo, ma anche a scrive le canzoni per essi, dopo!



4. Fabio Fabbretti ha scritto:

6 febbraio 2013 alle 18:50

MisterGrr: assolutamente si



5. adele ha scritto:

6 febbraio 2013 alle 19:25

Testo del commento.



6. KIWI ha scritto:

6 febbraio 2013 alle 21:11

Una cosa che non sopporto è riassumere una lezione del genere in 5 minuti di day-time.
Capisco benissimo che ci siano dei tempi, ma oggi su La5 hanno mandato in onda parte della lezione durata un’ora (a detta dei ragazzi) almeno di 15 minuti e pare che domandi manderanno il resto.
Non sopporto che quelle pochissime cose utili per tutti, e non solo per i ragazzi di Amici, siano relegate a 5 minuti e poi le liti tra i ballerini brufolosi occupino 20 minuti di day-time. Oramai è una barzelletta.
Davide Maggio, ti leggo sempre ed adoro il tuo blog! :)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.