3
febbraio

SIMONE RUGIATI CONTRO BASTIANICH, BENEDETTA PARODI E RAI

Simone Rugiati

La domanda nasce spontanea. Lo pensa veramente o rosica? Avrà mangiato qualcosa di acido Simone Rugiati, cuoco e animatore di Cuochi e Fiamme la cui nuova stagione debutta domani alle 18.10 su La7d con una novità in giuria: l’arrivo di un nuovo critico enogastronomico. Ma le critiche più feroci il concorrente di Pechino Express le ha riservate ad alcuni colleghi.

In un’intervista a Libero, alla domanda sui giudici di MasterChef, Rugiati manifesta una particolare disistima nei confronti di Joe Bastianich:

“Cracco è uno dei migliori chef al mondo, Barbieri un mio amico, Bastianich non sa nemmeno cucinare. Ha tanti ristoranti, è stato bravo. Ma non dite che è uno chef perchè mi viene da ridere“.

Va precisato che in effetti il giudice del talent show di Skyuno non è uno chef ma un gestore di ristoranti. Tuttavia i toni utilizzati fanno pensare che più che un giudizio tecnico in Rugiati si sia insediato uno dei sette peccati capitali.

Pur senza farne il nome il cuoco ha confermato anche la disapprovazione nei confronti della cucina di Benedetta Parodi e, come già avvenuto in un’intervista a DM, rincara la dose nei confronti della trasmissione in cui ha mosso i primi passi ovvero La Prova del Cuoco:

“Spero che un giorno la Rai capisca che un programma di cucina lo deve condurre uno chef“.

E le sue parole non risparmiano neppure la compagna di rete Benedetta Parodi, il cui spostamento in preserale ha probabilmente provocato l’anticipo di Cuochi e Fiamme alle 18.10 onde evitare spiacevoli sovrapposizioni e guerre fratricide tra La7 e La7d:

“Spesso i programmi culinari sono affidati a gente che non ha le basi e insegna più che altro a sopravvivere a pranzo e a cena. Se si parla di comunicare la cucina ci vogliono persone che ne sanno. Altrimenti diventa cattiva informazione”.



Articoli che potrebbero interessarti


La Prova del Cuoco
DA LA PROVA DEL CUOCO A CUOCHI E FIAMME: LA CUCINA INVADE LA TELEVISIONE GENERALISTA


Simone Rugiati
Cuochi e Fiamme: un programma rimasto troppo fedele a se stesso


Cuochi e Fiamme - Rugiati, Barù, Csaba, Rossi
Cuochi e Fiamme riparte su La 7 con Simone Rugiati. Ecco la nuova giuria


Cuochi e fiamme
CUOCHI E FIAMME PROMOSSO SU LA7. DALL’8 DICEMBRE IN PRESERALE

30 Commenti dei lettori »

1. sboy ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 16:22

Peccato, un gioiellino come Cuochi e fiamme relegato su LA7d, quando dovrebbe prendere il posto della Parodi



2. auri ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 16:28

ma ha fatto colazione con lo yogurt scaduto?



3. kalinda ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 16:34

Il programma e’ carino ma lui e’ antipatico e tecnicamente scarsino, me lo ricordo bene dalla Clerici.



4. Silvia ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 16:36

Mammia ma perchè è sempre così acido?



5. Conte Dracula ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 16:47

ma perchè deve essere così acido?



6. manu.s ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:02

A me il suo programma piace molto! e lo trovo simpatico!…



7. kalinda ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:02

Dovrebbe mangiare piu’ pesce.



8. tinina ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:08

Su Bastianich ha ragione: non è uno chef, è un imprenditore che evidentemente ha ereditato dai genitori il fiuto negli affari della ristorazione (sono stati loro ad aver avuto successo con i primi ristoranti aperti quando Joe era ancora un bambino). Bastianich lo trovo arrogante, presuntuoso e maleducato, gli piacerebbe essere il Gordon Ramsey italiano ma Gordon non si sognerebbe mai di sputare nel piatto di un concorrente!

Riguardo Rugiati, è sicuramente antipatico ma non è l’ultimo dei cretini: un suo menu tutto a base di piatti tipici toscani (ribollita, acqua cotta ecc) fu scelto dalla Casa Bianca per una cena di gala di beneficenza che avrebbe dovuto tenersi alcuni anni fa’. La cena poi saltò a causa del terribile terremoto che colpi Haiti.

Quindi credo che meriti più rispetto. Certo il suo carattere non aiuta…



9. Silvia ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:20

Bastianich non ha mai detto di essere uno chef

Ruggiati potrà anche essere il Dio dei fornelli ma la sua arroganza certo non lo rende simpatico ma ormai si è creato il personaggio



10. MisterGrr ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:23

Sì ma Cuochi e Fiamme senza Fiammetta Fadda e Riccardo Rossi è :-(

Non dice cose così sbagliate come concetto in generale, solo che deve capire che l’immagine di una mamma che cucina per i figli è dal punto di vista della comunicazione rassicurante e familiare.

E poi facendo la pubblicità della Coca Cola..



11. tinina ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:31

Mister

Io non mi scandalizzo della pubblicità della Coca Cola: si tratta di un must, un classico (la bevanda, intendo).

Sono d’accordo con te riguardo Richie Red e Fiammetta Fadda: i loro siparietti sono divertentissimi grazie anche alla Fadda che sembra tanto sciuretta snob e invece è molto ironica e auto-ironica!



12. Taichi ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:34

Spero che un giorno la Rai capisca che un programma di cucina lo deve condurre uno chef“

si e magari il conduttore dovresti essere tu… a rugiati scendi dal piedistallo, se non era per il programma della clerici nessuno ti avrebbe conosciuto, e poi cuochi e fiamme è già stato sperimentato alle 18:30 su la7 prima del tg delle 20 ed è stato un fiasco totale, non solo sei antipatico come le emorroidi ma non sei neppure questo gran adone, quindi montati un po meno la testa e resta umile, sta rosicando perché non hanno preso lui come giudice di masterchef oppure perché un programma di nicchia come masterchef sta avendo un grande successo mentre il suo cuochi e fiamme (tra l’altro nemmeno suo visto che la prima edizione l’ha condotta alessandro borghese e lui è arrivato solo dopo aver partecipato all’isola dei famosi) mentre il suo cuochi e fiamme è relegato in un canale che quasi nessuno guarda e che quando è passato su la7 non se l’è filato nessuno, proprio per questo dovrebbe abbassare la cresta



13. tinina ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:34

Ci tenevo ad aggiungere una cosa: la Fadda ha una cultura culinaria mostruosa, è in grado di farti la storia di ogni prodotto edibile (cit.) dalla preistoria ai nostri giorni!



14. LucaZ ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:46

Mi è sempre stato antipatico, e lo è, come abbiamo potuto vedere tutti a Pechino Express. C’è crisi e c’è tanta concorrenza fra i programmi sulla cucina, allora gia è tanto se il suo programma è stato rinnovato. Ci mettono poco a replicare il programma della Parodi su La7 in diversi orari. Se c’è una persona che La7 deve preservare è la Parodi. E’ una delle poche persone che lavorano in Tv che non si è montata la testa. Il suo programma è semplicemente interessante. L’atmosfera è la stessa dell’antenato programma della De Angelis.
La Parodi ci insegna a sopravvivere in cucina perchè oggi in cucina si sopravvive, forse non se ne rende conto. Quindi di che parla?



15. MisterGrr ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 17:52

Io amo Fiammetta <3



16. Luce ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 18:03

Simone non ha un carattere facilissimo, spesso risulta antipatico (né fa molto per far cambiare opinione), però è davvero bravo. Personalmente trovo che nessuno chef televisivo sappia fare informazione culinaria come lui: è brillante, conosce la materia, sa scendere nel dettaglio tecnico senza annoiare. Condivido i suoi giudizi (meno la spocchia, ma del resto se è fatto così, è fatto così!): “Cuochi e fiamme” è un programma di qualità, non ha nulla a che vedere con il programma della Parodi né tantomeno con Masterchef, che trovo una vera pacchianata. Mi dispiace, però, sapere che la giuria è stata cambiata. La forza del programma era tutta lì, nei tre giudici (Chiara, Riccardo e Fiammetta)e in Simone.



17. marcko ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 18:32

per me ha detto solo minkiate
Bastianich è un ristoratore di grande successo.
e a master chef fa il giudice mica il cuoco,
e non credo ke per giudicare bisogna essere per forza chef o grandi chef, altrimenti al ristorante a mangiare le squisitezze le leccornie o le cose molto particolari per palati fini ci andrebbero solo i grandi cuochi.

poi manco lui al suo cuochi e fiamme ha cuochi in giuria, quindi ke si fa? si critica e poi si fa ben peggio?

poi la parodi è una mamma ke cucina e mostra un suo mondo in tv
io la troco credibilissima e adorabile.

e la clerici ha inventato lei la cucina di successo nella tv italiana,
ke vuole lui non ha capito ke si parla di trasmissioni televisive declinate alla cucina e non di asettici corsi di cucina trasportati in tv.
a simone cucina di più (non in tv) e rosica di meno!



18. Gianni ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 18:37

Ecco cosa succede a parlare della cucina non come semplice mestiere ma come arte!
Che al posto di umili e preparatissimi “artigiani del cibo” ci si ritrova circondati da arroganti ragazzetti convinti di essere grandi artisti del ventesimo secolo.

Siete semplici cuochi! Siete venuti su a fettine panate e patate fritte!
Non basta fare una scuola per credervi qualcuno.
Avete mai visto un ragazzo uscire da geometra e credersi il nuovo Mies Van Der Rohe?

Non vedo l’ora che questa ondata di cucina elitaria e assurda passi…che si torni alla cara cucina casalinga della De Angelis in tv e che questi mostri vadano a guadagnarsi il pane nel loro risorantino come i veri cuochi fanno.

Scusate lo sfogo ma ho appena visto che ospiti ha avuto la D’Urso oggi e vedere quella sfilza di nullità dalla vita discutibile mi ha distrutto. Rivoglio in tv la gente per bene, simpatica e gioviale.



19. tinina ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 18:40

luce

Ho letto con dolore che lunedì in giuria ci saranno la Fadda, Chiara e la Follesa e che la giuria cambierà ogni settimana. Spero che questo sia dovuto a inderogabili impegni di Riccardo perché senza di lui non è la stessa cosa!



20. Gah! ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 18:57

Se li sogna lui le milioni e milioni di copie vendute da Benedetta Parodi! Se le sogna! “Lo chef” Rugiati si rassegni,se Benedetta Parodi ha successo sia editorialmente che televisivamente lui non ci puo’ far niente. Caro “chef”…



21. Gah! ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 18:59

Le sue ricette di “Ceniamo insieme con CocaCola” invece sopra una prova lampante dell’arte culinaria … Ma per favore!!!



22. enrico ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 19:00

A mio avviso la giuria storica del programma è la componente migliore del programma, 3 giudici diversi tra loro che sanno però interagire in sintonia arrivando al voto finale.

A me il programma piace molto ed è un peccato che vada su la7d alle 18.

Per quanto riguarda quello che ha detto Simone, mi sembra che rosichi molto.

La prova del cuoco, I Menù di Benedetta, Masterchef e anche Cuochi e Fiamme sono tutti programmi diversi tra loro e sono convinto che abbiano i conduttori giusti per il prodotto che vogliono offrire al pubblico.

Rugiati è bravo, preparato e simpatico, a volte però risulta spocchioso e saputello forse è dovuto da alcune sue paure e inferiorità che lo portono poi a sparare a zero su tutti.



23. AERILON43 ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 20:02

Ci mancava nel panorama televisivo italiano la guerra fra le “primedonne” dei fornelli, e per primedonne non mi riferisco solo alle donne in quanto tali…….



24. Francesco ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 22:17

Un po di umiltà non gli farebbe per niente male. Sul fatto che uno chef debba condurre necessariamente una trasmissione di cucina la considero un assurdità visti anche i pessimi ascolti del suo show. Nelle poche puntate che ho visto non mi pare ci abbia messo poi cosi tanto impegno nella comunicazione gastronomica…comunque per me dovrebbe cambiare canale e andarsene sulla piattaforma Discovery o su quei canali dove trasmettono Kung Fu o cose simili…li forse non farà nano share. UMILTA’ UMILTA’ MA CHE FINE HAI FATTO? IL MONDO TI CERCA COME L’ACQUA!



25. luca ha scritto:

3 febbraio 2013 alle 22:50

ma perchè rugiati si pensa di essere il migliore? sinceramente in quel programma la differenza la fanno i giudici e non lui….. che gli scoccia che lo hanno cacciato dalla prova del cuoco? o che non è mai stato invitato da benedetta parodi o che a masterchef non ha fatto il giudice? si calmasse e si facesse un sano bagno di umiltà….



26. Fiò ha scritto:

4 febbraio 2013 alle 12:13

Da quando per giudicare dei piatti occorre essere cuochi? I ristoranti sarebbero vuoti, no? Simone Rugiati è proprio antipatico e spocchioso, e non mi sembra tutto questo cuoco di successo. Se avesse un programma di grido flopperebbe di brutto, proprio perché è insopportabile.



27. Nina ha scritto:

4 febbraio 2013 alle 12:39

Su tante cose ha ragione, Benedetta Parodi fa venire i brividi a chi sa cucinare, il suo Cuochi e Fiamme è bellissimo e anche lui spiega molte cose interessanti. Però Bastianich è bravissimo e poco importa sia o no un chef visto che dimostra una buona conoscenza della cucina.



28. Tano ha scritto:

6 luglio 2013 alle 21:23

Beh, che possa dar fastidio è chiaro, ma Rugiati ha perfettamente ragione. Non ha detto nulla di falso. Parodi e Clerici spesso e volentieri dicono e fanno cavolate (e più che insegnare a “sopravvivere in cucina” insegnano ad avvelenare a volte), e Jeo Bastianich, per quanto simpatico/antipatico/ricco/esperto, non è uno chef. Non lo è.

Mi viene sempre da ridere quando a Bastianich rispondono “Sì Chef!”



29. simone ha scritto:

27 agosto 2013 alle 02:43

salve a tutti,
leggo solo adesso l’articolo pubblicato…..
…e avrei commentato esattamente come VOI.
Io ho sempre detto quello che penso, ma stavolta hanno scritto cose che non ho mai nemmeno pensato…..
….il mio agente e i miei amici, mi sconsigliano di rispondere a questo blog, ma io non ci sto……
Che io Vi stia antipatico lo accetto…..MA
…..non ho mai detto quelle cose riguardo ai miei colleghi.
E prenderò provvedimenti a riguardo nelle sedi opportune.
Mi scuso con i colleghi sopra citati
In fede Simone Rugiati



30. Sonia ha scritto:

18 aprile 2014 alle 19:29

ha ragione!! mica ha detto una bugia



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.