31
gennaio

MIETTA A DM: MARIA DE FILIPPI HA DUE PALLE QUADRATE COSI’!

Mietta

Mietta

Lo trovo un momento molto televisivo, non ho mai fatto tanta tv in questi anni“. In effetti Mietta, al secolo Daniela Miglietta, è da alcuni mesi una presenza fissa della prima serata della rete ammiraglia della tv di Stato: con Tale e Quale Show prima e I Migliori Anni poi, la cantante tarantina si è riaffacciata sul piccolo schermo, dove è tornata a far apprezzare la sua voce.  “Mi sono sempre tenuta alla larga e sono sempre stata restia. Ma Tale e Quale è un programma intelligente”. Quindi, chi ti ha convinta?

Ho accettato di prendere parte al programma facendomi convincere da un grande personaggio come Carlo (Conti, ndDM). All’inizio non ci credevo perchè non pensavo che si potessero fare grandi cose attraverso le imitazioni. E invece ci ha visto lungo lui e mi ha portato bene.

La tv, però, nella tua carriera è stata una costante…

Mi sarebbe sempre piaciuto fare della televisione intelligente. Fare buona tv credo faccia bene a tutto il sistema che gira intorno. Music Farm, per esempio, era stata pensata molto bene, ma all’atto pratico non è venuta così come l’abbiamo pensata.

Vedi la televisione come qualcosa di complementare alla carriera oppure è semplicemente una seconda scelta?

Una seconda scelta no, perchè ho ancora la fortuna di poter decidere. Avrei potuto continuare a fare i miei concerti o curare i miei progetti come quello che sta per vedere la luce con Dado Moroni, jazzista meraviglioso, Enzo Zirilli e Furio Di Castri. Però, insieme alle cose un po’ più alte, servono anche quelle nazional-popolari ma intelligenti. Tale e Quale, ad esempio, mi ha dato una possibilità importante: riposizionare la mia vocalità. Ne I Migliori Anni, invece, mi entusiasmava anche il cast, composto da persone di grande rispetto che hanno voglia di raccontarsi. Per me la musica non è solo jazz, pop, funky ma è tutto un insieme. L’importante è che sia interessante per la mia voce. Sono una ‘mischiona’ di generi.

Per la musica italiana, i talent hanno avuto un ruolo determinante per il rilancio o per l’impoverimento?

Io non sono contro i talent. Tanto chi è capace di rimanere a galla, ci rimane. Certo, ti offrono la possibilità di arrivare più facilmente ma questo accade in America e in tutto il mondo da tempo immemore; da noi sono arrivati un po’ più tardi. Credo sia importante, però, che non si faccia un uso commerciale eccessivo, ’sgarbato’. Altrimenti ci si fa male. Ma se prendi una vocalità come quella di Mengoni o Noemi, che può piacere o non piacere, è sicuramente un contributo.

Tu ti sei mai fatta male?

Tante volte, ma tante volte mi sono rialzata.

Se potessi cancellare un episodio della tua carriera, quale butteresti via?

Aver accettato nel 93 di fare ‘Figli di Chi’ insieme ai Ragazzi di Via Meda semplicemente perchè la mia casa discografica non sapeva come collocarli. Tutti autori bravi, tra l’altro, ma non aveva senso per me; non avevo neanche un disco in uscita. Ecco, li c’è stata commercializzazione. Una grande cavolata.

Prima hai citato due cantanti provenienti da XFactor: Noemi e Marco Mengoni. C’è snobismo nei confronti dei concorrenti di Amici?

Non lo so. Ad essere sincera io guardo entrambi e ho una grande ammirazione per la signora Maria De Filippi perchè ha due palle quadrate quanto tre miliardi di case prese insieme. Chi è capace di arrivare ad un successo così grande, una genialità ce l’ha. Ha cambiato un sistema televisivo. E quindi chapeau.

Avresti voluto fare qualcosa di simile con Star Academy?

Si. Era quella la mia volontà, come quella dei miei colleghi e degli autori. Ci sono stati degli errori che non spetta a me decifrare ma la televisione bisogna saperla fare. Solo così può tornarti indietro qualcosa.

Ora ci sono i talent, ma una ragazza tarantina come faceva a farsi notare?

Io ho iniziato con uno sceneggiato radiofonico indetto da Radio Corriere e Fonit Cetra. Su mille candidate e altrettante raccomandate, scelsero me.

Sei tarantina e hai vissuto nel tristemente famoso quartiere Tamburi, quello a ridosso dell’Ilva…

C’ho vissuto dieci anni perchè mio padre era funzionario dell’Ilva e, poichè stavamo costruendo una casa nella zona residenziale di Statte, nel frattempo per il lavoro scelse questa casa. Una casa molto molto molto ma molto vicina all’Ilva. C’erano della case talmente vicine che inventarono questa cavolata delle collinette artificiali (esistono tuttora, ndDM) che separano le abitazioni dallo stabilimento. Purtroppo sfondi un grande dolore… non riesco a pensare che l’Ilva possa ancora nuocere così come ha fatto in questi anni. E’ necessario che lo Stato prenda in mano la situazione per tutelare le tante persone che lavorano e non consentire che si vada in ospedale e vedere tutti quei bambini e quelle persone che si sono ammalati. Tante persone della mia famiglia se ne sono andate per questo motivo.

Non sapevo…

Purtroppo si. Cugini e parenti strettissimi. Ho perso mia cugina Roberta, che era come una sorella ed è stata portata via da questo male; e allo stesso modo ho perso i miei nonni. Non ho un bel rapporto con questo terribile problema.

Hai mai pensato ad una canzone con uno scopo sociale?

Io mi sono proprio mossa con delle manifestazioni. E’ importante esserci. Sono desiderosa che questa piaga straziante venga messa ko. In una situazione così grave i messaggi musicali arrivano sino a un certo punto. E bisogna pure ricordare che è vero che il Signor Riva ha danneggiato tanto, ma è altrettanto vero che sono cinquant’anni che esiste l’ILVA. Se ne sono accorti soltanto adesso?

Non vorrei mettere il dito nella piaga, ma dai Tamburi ti sei poi trasferita a Statte, devastata recentemente da un tornado…

No, io a Statte non mi sono mai trasferita. I miei divorziarono e mio padre andò a vivere a Statte, mentre io rimasi a vivere con mia madre sino a 17 anni e mezzo, quando ho lasciato Taranto prima per Roma e poi per Milano.

E adesso sei in Emilia?

No, da tre anni e mezzo sono tornata a Milano col mio compagno e il mio bambino. Ma torno spessissimo a Taranto, è una città che adoro. E sono follemente arrabbiata per la città. Poteva vivere di turismo.

Ah… Sanremo?

Io quest’anno ci ho provato. Avevo un brano bellissimo. Ma non sono una che si piange addosso…

Pensi che il palco dell’Ariston sia ancora un buon trampolino per i progetti discografici?

Lo è se hai una bella canzone, altrimenti ti freghi. In questo il Festival non è cambiato, pur essendo cambiato tutto il resto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Emilie Nef Naf
Le Capitane, Emilie Nef Naf a DM: «Il mio fidanzato? L’ho conosciuto all’Esselunga. In Francia ero giudicata per le mie storie d’amore»


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»


Megan Mullally karen will and grace
Intervista a Megan Mullally di Will & Grace: «Karen è rimasta la stessa, orribile e amabile, terribile e grandiosa». All’inizio avrei dovuto interpretare…


Verdiana Bixio Publispei
Verdiana Bixio (Publispei) a DM: «Una serie da ripescare? Amo Tutti Pazzi per Amore ma sono per le cose nuove»

15 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 18:13

commento il titolo:

ahahahahahahahahahahaah



2. Alessandro ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 18:25

Magari a lei non è piaciuto ma Music Farm era, a mio avviso, un ottimo programma, un reality sui generis con tutti gli ingredenti giusti ed una Ventura particolarmente in forma. Lo rivedrei molto volentieri.



3. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 19:34

secondo me la defilippi ha anche un pacco cosi grosso da far impallidire anche rocco siffredi.
comunque scherzi a parte, w music farm.
lo rivoglio.con super simo.



4. MisterGrr ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 19:52

whiteee ahahuaauhahuhauhauhauahuAUAUAuhauahuahua



5. kalinda ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 21:31

Mietta è una grandissima cantante speriamo che la tv le serva come rilancio per fare nuovi dischi, nuovi concerti, nuove collaborazioni.



6. Marco89 ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 22:14

Brava Mietta, grande cantante ricordata solo per Vattene Amore ma nessuno ricorda i due bellissimi brani ” Fare l’ amore” e ” Baciami adesso” che Panella ha scritto per lei. A Tale e quale invece l’ ho trovata spesso debole nelle imitazioni.
Anch’ io rivoglio Music Farm…che ricordi poi…il reietto e Di Cataldo che lo era sempre…



7. love is... ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 23:11

Grandissima Mietta!
Sei la cantautrice italiana più bella e più brava. Ogni tua interpretazione è da brividi. Il sabato non esco più per vederti e tutta la settimana ti voto. Ti seguo da anni e non ho alcuna intenzione di lasciarti!



8. lisa ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 23:21

Ci può stare un ritorno di music farm ma con Amadeus, che faceva ascolti superiori a Simona.



9. Alessandro ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 23:33

Bella intervista,Mietta oltre ad avere una bellissima voce e presenza scenica,si sa anche raccontare con cose interessanti,ottima professionista.



10. Rita ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 23:35

Grandissima Mietta sempre, alle volte un pochino “sottotono”, più spesso rasenta la perfezione!! Mi dispiace per i dispiaceri che ha avuto nella sua vita.. Ed anche che cancellerebbe la partecipazione alla canzone “Figli di chi” pure se avrà avuto i suoi motivi.. Comunque sia, grande Mietta.



11. max_86 ha scritto:

31 gennaio 2013 alle 23:36

mietta debole a tale e quale?ma l’avete vista l’imitazione di maria callas?è stata la cosa piu bella dell’edizione, lei ha una voce veramente potente e meriterebbe molto piu successo!



12. Marco89 ha scritto:

1 febbraio 2013 alle 00:02

Max: quella di Callas e quella della Vanoni sono state le uniche realmente riuscite. Nelle altre ( Lopez, Carrà, Mina) c’ era in maniera prepotente la sua voce, che è talmente forte e chiara che non si può soffocare. Anche in quella di Mia Martini non è stata male ma c’ è chi ha fatto molto meglio nel programma. Meritava comunque la finale.



13. Alessandro ha scritto:

1 febbraio 2013 alle 00:13

Le uniche scelte sbagliate sn state la carrà e la lopez per il resto ha fatto tutto bene,considerando che nn sono imitatori professionisti ma che giocano a farlo e il segreto del successo del programma è proprio quello.Ma che ti sia piaciuta o meno,mietta è una cantante professionista quindi l’importante che eccelle in quello.



14. Marco89 ha scritto:

1 febbraio 2013 alle 13:25

@ Alessandro

Io trovo Mietta molto brava e sottovalutata, ho solo detto che a Tale e Quale non è stata fortissima, c’ è chi ha fatto meglio come Di Tonno, Montrucchio e alcune imitazioni della Cinquetti ( Milva, Nannini e Bertè). Sul fatto che sia una brava cantante non ho dubbi, l’ ho già detto. E’ molto intensa e comunicativa, nonchè simpatica.



15. SARA MIGLIETTA ha scritto:

11 settembre 2013 alle 20:47

Ciao a tutti. Non perché chiaramente sia una sua parente…ma E DI IVA ZANICCHI che dite ? Mi ha fatto piangere <3 era uguale !



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.