16
gennaio

MASSIMILIANO OSSINI A DM: INTOLLERABILE CHE CI SIANO ARTISTI SUPERPAGATI PER NON FARE NULLA

Massimiliano Ossini

Massimiliano Ossini ha realizzato un sogno. Dopo aver debuttato con la tv dei ragazzi ed aver proseguito occupandosi di natura e ambiente, il giovane conduttore desiderava sperimentare un programma di divulgazione scientifica, e col nuovo anno gli è arrivata l’occasione giusta. Dal 5 gennaio scorso, infatti, Massimiliano è approdato in prime time su Raitre alla guida di E se domani, trasmissione del sabato sera che tratta i temi della scienza, della tecnologia e della cultura con una formula accattivante. “Se dovessi leggere che la trasmissione fa il 3% di share mi dispiacerebbe” ci ha detto in questa intervista realizzata prima della première del programma; dichiarazione quanto mai profetica visto che l’esordio si è attestato proprio attorno a quel dato. Nel 2013, il format della terza rete si è presentato al pubblico con una serie di novità, a cominciare proprio dal conduttore Ossini…

Ho sostituito Alex Zanardi, che ora è alla guida di Sfide. L’altra novità è che il programma non è più in studio ma in esterna, quindi vivo in prima persona le avventure scientifiche divulgate. Mi tolgo i panni del bravo conduttore, ruolo che mi è sempre piaciuto e che ha funzionato, e da solo prendo per mano i telespettatori: la difficoltà è doppia, perché bisogna prepararsi molto prima e non sono concessi errori.

Ti sei rimesso in gioco con questa nuova esperienza…

Sì e se da un lato mi sento energico, dall’altro percepisco lo stress. Mi è capitato di studiare e prepararmi per notti intere, come quando ero all’Università. Sottolineo, poi, che il programma è totalmente made in Italy perché oggi siamo abituati ad acquistare documentari stranieri.

In un’intervista dichiarasti che il tuo sogno nel cassetto era quello di condurre un programma “alla Piero Angela”. Credi che questa sia l’occasione per realizzarlo?

Assolutamente sì. Non avrei mai pensato che a 34 anni appena compiuti avrei condotto un programma di divulgazione scientifica del sabato sera. Un obiettivo così importante non lo rincorrevo nemmeno nell’immediato. Di strada prima di arrivare a Piero Angela o a suo figlio Alberto ce n’è, perché loro hanno fatto la storia della divulgazione e sono dei maestri, io invece ho alle spalle una carriera da presentatore e mettermi in quella veste mi è più difficile.

Il riscontro degli ascolti ti preoccupa?

No, perché il prodotto è fatto bene e dopo aver visto il programma nessuno potrà dire di non aver appreso delle nozioni. Su questo ci metto la mano sul fuoco.

Come prosegue, invece, l’esperienza alla conduzione di Cose dell’altro Geo?

Bene. Abbiamo raddoppiato lo share di Raitre nella nostra fascia oraria, abbiamo un pubblico di giovani e studenti, parliamo di biologia ma anche di letteratura, di neologismi o parole in disuso. E’ un tipo di programma interattivo, che rende partecipi i telespettatori.

Il fatto di essere considerato ancora un giovane della tv ti fa piacere o, invece, credi ti abbia penalizzato?

Mi fa piacere perché vuol dire che porto bene i miei anni (ride, ndDM). Il mio è sempre stato un pubblico molto diviso, perché inizialmente ho fatto tv per ragazzi, poi sono passato a Linea Verde, per persone di una certa età, e adesso con Geo raggiungo adulti o studenti. Noto quasi con dispiacere che c’è un’Italia poco lungimirante anche a livello televisivo, che non conosce le proprie risorse: io, ad esempio, ho lavorato con un direttore di rete che non sapeva che avessi fatto Unomattina Estate. Spesso gli addetti ai lavori non sanno dell’esistenza di alcuni personaggi o programmi: come fanno poi a produrre?

A chi ti riferisci?

Non lo dico ma non parlo della Rai.

Qualche tempo fa si parlava della possibilità di assegnarti la conduzione di The Voice (affidata poi a Fabio Troiano). Ti sarebbe piaciuto sperimentare un talent?

Sì perché mi sarei messo in gioco con qualcosa di divertente e stimolante. Ma quello è un programma che richiede un minimo di preparazione e delle prove, perché è solo così che diventi padrone del palcoscenico e non sei un semplice ‘lanciatore’ di personaggi. Un talent può darti qualcosa se è ben fatto e non se è semplicemente trasmesso per fare ascolti, in quest’ultimo caso non funziona e può anche fare del male.

In questo senso trovi che stia cambiando qualcosa?

Secondo me il cambiamento sarà a breve termine, perché l’avvento del digitale terrestre, di Internet e dei social network comporta che anche la tv si aggiorni. Se non ottieni risultati vai a casa, ed io sono dell’idea che si debbano premiare, anche economicamente, i conduttori che funzionano: oggi non è più tollerabile che ci siano persone che guadagnano cifre esorbitanti non facendo quasi nulla.

Parliamo di te e dei tuoi tre figli: riesci a coniugare il tempo riservato loro con quello dedicato al lavoro?

Sì, viaggiando tantissimo. Ogni giorno, quando finisco ‘Cose dell’altro Geo’, faccio i miei chilometri e torno a casa per cenare con i miei figli e metterli a letto. La mattina li accompagno a scuola. Di recente è capitato che fossi in esterna a registrare ‘E se domani’ proprio quando i ragazzi avevano la recita scolastica… tuttavia non volevo perdermela, così sono andato a vederli alle prove.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Massimiliano Ossini
E SE DOMANI: MASSIMILIANO OSSINI RACCONTA LA SCIENZA ‘ON THE ROAD’ SU RAI3


massimiliano-ossini
Premio Bellisario 2017: conducono Massimiliano Ossini e Melissa Greta Marchetto. Tra le premiate Maria De Filippi


Mezzogiorno in Famiglia 2016-2017
MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA: UN POLPETTONE IMMORTALE


massimiliano ossini e manila nazzaro
MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA RIPARTE CON LA COPPIA OSSINI-NAZZARO

4 Commenti dei lettori »

1. lisa ha scritto:

16 gennaio 2013 alle 14:15

E’ bello, bravo, garbato ed intelligente.
per me doveva condurre the voice o red or black.
Spero che in Rai gli affidano altri programmi e di punta, magari anche su raidue e raiuno. Un ragazzo su cui investire come categoria conduttori nuovi!
Ha 34 anni portati benissimo, viso dolce e cinematografico oltre che un bel fisico! Da sposare!



2. iki ha scritto:

16 gennaio 2013 alle 14:27

Anch’io lo trovo bellissimo e bravo ma come la Ciampoli in Rai non avrá mai lo spazio che merita…
E se domani è un programma ben fatto ma non capisco perchè sia Rai3 come a la7 con la Dandini non abbiano capito che al sabato sera le ammiraglie Rai e Mediaset schiacciano programmi alternativi come questo.Va bene provarci ma quando vedi che il prodotto non decolla va cambiata la collocazione



3. lisa ha scritto:

16 gennaio 2013 alle 14:45

Sicuramente al sabato sera non e’ una scelta geniale.
Dm potrebbe fare un sondaggio: secondo me e’ il più bel conduttore in circolazione, supera tutti anche facchinetti o cattelan.
Chi e’ il più bello? Sarebbe carina la cosa poi gli date una targa eletto conduttore più bello della tv e della stagione.
Poi si potrebbe fare anche per la conduttrice, anche per l’ attore ( Bova, Bocci o garko) e l’attrice, poi magari eleggere il più simpatico/a (Bonolis o Laurenti) e il più antipatico/a.
sarebbe qualcosa di particolare e coinvolgente poter votare…pensateci….magari da farli verso tarda primavera.



4. rac ha scritto:

16 gennaio 2013 alle 17:22

vi prego lasciatelo il sabato! con tutte le fesserie che mandano in tv il sabato, serve un programma intelligente! l’unica è non tagliarlo subito per i bassi ascolti. Diamine, pago il canone e voglio delle cose decenti anche il sabato! Ben venga Ossini (come Angela figlio, daltro canto!)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.