12
gennaio

RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI E LE PRETESE TUTT’ALTRO CHE “EROICHE”

Riusciranno i nostri eroi

Riusciranno i nostri eroi

Riportare in auge il varietà in prima serata può sicuramente definirsi un gesto “eroico”, così come è stato “eroico” proporre due soubrette estranee alla tv sul piccolo schermo e un Cristiano Malgioglio, quarto componente a sorpresa del cast di Riusciranno i nostri eroi, senza il suo ciuffo mechato, ormai inossidabile marchio di fabbrica. Cosa non lo è stato? Una formula mal riuscita e ancorata a un repertorio stantio e prevedibile dall’aria del “già visto” e da un’ironia decisamente agè.

E’ iniziata così l’avventura di Max Giusti col suo One man show in prima serata su Rai1 che avrà potuto anche contare su ospiti di un certo calibro quali Sergio Castellitto ed Enrico Brignano, armato della sua satira politica e sociale, ma che ha dimenticato il fulcro base che il programma avrebbe dovuto sviscerare e portare avanti come baluardo della sua scaletta: l’italiano medio e la crisi del suo tempo. Non basta Simone Cristicchi a intonare “Buongiorno Italia“, non basta Max Giusti a cimentarsi nelle rassicuranti battute sui battibecchi fra le suocere e le nuore italiane, così come non basta l’ospitata delle campionesse olimpiche di scherma: serve una verve ironica e graffiante, servono testi più forti ed incisivi, più riferimenti all’attualità e, soprattutto, serve un conduttore più “padrone di casa” e meno “ospite fra gli ospiti”.

L’ingenuità della presenza scenica e del repertorio di Giusti si nota fin da subito, dai timidi passi di danza improvvisati con Donatella Finocchiaro sulle note di “Com’è bella la tv” alla gag nelle vesti di Don Matteo e quella improvvisata con Sergio Castellitto per assumere gli atteggiamenti e i connotati di un grande attore del nostro cinema. Giusti, malgrado si ritagli il ruolo di un presentatore silenzioso e umile che “ha ancora tanto da imparare”, brandisce pretese argute, come il riscatto di Malgioglio quale artista incompreso dello showbiz italiano o quella sicurezza e quella gestualità che sembra una brutta copia di Fiorello.

Le performance delle vallette, dal canto loro, convincono ma non entusiasmano, con intervalli recitativi deboli che hanno fatto prendere il sopravvento alla noia e all’ovvietà. Certo la mano esperta di una penna graffiante come il regista Giovanni Veronesi poteva seriamente essere impiegata con una rilevanza maggiore anziché puntare sulla consueta prudenza che il buon Giusti ormai porta avanti in ogni sua performance, dai pacchi di Affari Tuoi a un varietà in prima serata. La fotografia, un Foro Italico mal allestito e un pubblico mal distribuito nello studio non giovano certo al colpo d’occhio del telespettatore, decisamente più colpito dai giochi di luci e ombre consumati sul palco del concorrente The Illusionist. Siamo d’accordo che il varietà sia un genere televisivo in via d’estinzione e, mai come in questo momento, utile e necessario agli italiani per evadere dai problemi e dalle preoccupazioni di un avvenire incerto, ma quest’arte non è certamente a beneficio di tutti. E non tutti sono dei bravi showman.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Riusciranno I Nostri eroi cast
RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI: IL MAX GIUSTI SHOW DA STASERA SU RAI1


Max Giusti
MAX GIUSTI A DM: CON RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI FARO’ UNA TV CREATIVA. TUTTI SCRIVONO CHE AFFARI TUOI HA ROTTO, NESSUNO CHE BATTE LA CONCORRENZA


Max Giusti nelle vesti di Cannavacciuolo
Cucine da Incubo 5 tenta il «boom» con Max Giusti a La Nuova Certosina. Ecco com’è oggi il ristorante


Max Giusti.
MAX GIUSTI A DM: A QUELLI CHE IL CALCIO SARO’… BOOM! È UN PROGRAMMA DA GENERALISTA. A RADIO2 NON C’ERANO PROGETTI

10 Commenti dei lettori »

1. amazing1972 ha scritto:

12 gennaio 2013 alle 13:37

ne ho visto un pezzettino. mi spaice,tutto sbagliato. max giusti non può fare poco più che il comico. imbarazzante quando cercava di interagire con gli ospiti a là fiorello. se vogliono fare un varietà,devono spendere davvero dei soldi,come per fiorello,altrimenti che trovino delle idee vere



2. Davide Maggio ha scritto:

12 gennaio 2013 alle 13:40

Vero è che la seconda parte è stata migliore della prima. Ospiti buoni, vallette tutto sommato non male. Peccato, perchè i presupposti c’erano. Avessero optato per un altro conduttore…



3. giusy ha scritto:

12 gennaio 2013 alle 13:58

Max Giusti non è adatto per un one man show…secondo me faranno meglio sia De sica che Hunziker….



4. pietro ha scritto:

12 gennaio 2013 alle 16:17

è stato un vero piacere rivedere finalmente un varietà leggero,simpatico e gradevole per una serata da passare davanti alla tv,nn cndivido i veleni di certi commenti,giusti è bravo e simpatico e sono felice ke almeno per 1 volta nn sia stato messo in onda l ennesimo reality o talent da strapazzo come avviene negli ultimi anni in tv,onore al merito a giusti che può andare anche ben oltre dall essere solo un comico e alla Rai che ha prodotto internamente questo nuovo prodotto!



5. lisa ha scritto:

12 gennaio 2013 alle 17:18

Io vorrei vedere Bonolis con un varietà cosi in prima serata….



6. anna ha scritto:

12 gennaio 2013 alle 20:13

E’ stato imbarazzante, a mio modesto parere.



7. Antonio ha scritto:

12 gennaio 2013 alle 20:38

Secondo me è stato un bel programma,però ormai tutti noi siamo abituati a quella tv spazzatura chi ci viene propinata ogni giorno e di conseguenza siamo abituati a critica tutto ciò che va in onda…. E facile criticare………………….



8. @Giovca92 ha scritto:

12 gennaio 2013 alle 23:31

MA STATE ZITTI, davidemaggio!!!
Prima BORBOTTATE PER IL FATTO CHE IN TV FANNO SEMPRE LE STESSE COSE E POI (la Rai (cm sempre)) PROVA ALCUNI SHOW E VI LAMENTATE DI CONTINUO!!!!!

MA B A S T A ! _

..viva la Rai (ancor di +) !!!!!!!!!!



9. Davide Maggio ha scritto:

12 gennaio 2013 alle 23:33

Non ti agitare!



10. paoletta ha scritto:

13 gennaio 2013 alle 18:27

Venerdì sera l’ho guardato con attenzione e devo dire che è un programma che merita: Laura Chiatti, poi, è bellissima!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.